Ambiente Emilia-Romagna Notizie locali

Riviera romagnola, via al maxi ripascimento da 20 milioni

I lavori partiranno già alla fine di quest'anno grazie alle risorse varate ieri dal governo.

Oltre 100 milioni di euro contro il dissesto idrogeologico in Emilia-Romagna, tra cui 20 milioni per un maxi ripascimento sulla costa romagnola. Il governo ha dato il via libera al piano nazionale che assegna all’Emilia-Romagna risorse per interventi per prevenire le alluvioni sulla costa nella pianura di Ravenna, nella città metropolitana di Bologna e a Parma.

Ieri a Roma i ministri all’ambiente Gianluca Galletti e alle infrastrutture Graziano Delrio, con ItaliaSicura, hanno annunciato l’avvio del piano di interventi per prevenire le alluvioni nelle città a maggiore pericolosità e popolazione esposta a rischio. Si tratta della prima tranche di interventi, immediatamente cantierabili, previsti nel Piano nazionale settennale contro il dissesto idrogeologico, che sarà realizzata con la copertura di 600 milioni di euro di fondi Cipe e statali, a cui si aggiungeranno ulteriori 600 milioni di euro entro i prossimi mesi, per un totale di 1,2 miliardi.

Gli interventi in Emilia-Romagna

Tre le fasi di attuazione del piano nazionale a partire dalle fine del 2015. Per quanto riguarda l’Emilia-Romagna, le aree in cui partiranno i primi cantieri già finanziati sono il tratto della costa che va da Ferrara a Rimini (che avrà subito l’intero finanziamento di 18,5 milioni di euro, cui si aggiungono 1,5 milioni di risorse regionali già rese disponibili) e il territorio bolognese (che quest’anno riceverà 8,8 milioni di euro sui 24,3 totali di euro). Da subito inizieranno quindi lavori per oltre 28,8 milioni di euro. Gli interventi a Parma partiranno invece il prossimo anno, insieme ai lavori per il completamento delle casse di espansione del Senio. Le risorse rese disponibili dal governo ammontano nel primo caso a 55 milioni di euro, nel secondo a 8,5 milioni.

Sempre nel 2016, sarà attivata anche la seconda parte di cantieri previsti dal piano per Bologna (15,5 milioni). In tutto, quindi, si tratta 79 milioni di euro. Nel Piano rientrano tutte le richieste a suo tempo avanzate dalla Regione per la difesa della città metropolitana di Bologna e per le altre aree urbane critiche.

Subito i ripascimenti sulla costa romagnola

Viene finanziato da subito il progetto di ripascimento con sabbie sottomarine – il cosiddetto “Progettone 3” – che interesserà i tratti della costa per un totale di 18,5 milioni di euro di risorse nazionali, a cui si sommano 1,5 milioni di euro di risorse già rese disponibili dalla Regione.

Gli interventi riguarderanno i Comuni di Comacchio, Ravenna, Cervia, Cesenatico, Bellaria-Igea Marina, Rimini, Riccione e Misano Adriatico.

I commenti

«È una notizia straordinaria che va nella direzione da noi auspicata, ovvero passare dall’emergenza alla prevenzione nella cura e nella difesa del territorio e della costa, obiettivo prioritario del nostro mandato», sottolinea il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. «Con questo piano il governo ha accolto tutte le richieste dell’Emilia-Romagna, mettendo a disposizione risorse importanti e consentendoci di realizzare interventi strategici per la sicurezza dei cittadini e delle imprese».

«Un passo decisivo nella direzione di una strategia pianificata, a tutela dei nostri territori, dei nostri cittadini e delle nostre imprese turistiche, che devono poter vivere e lavorare serenamente». Così i sindaci di Ravenna e Cervia Fabrizio Matteucci e Luca Coffari commentano la notizia del piano nazionale contro il dissesto idrogeologico. «Siamo molto soddisfatti che il governo abbia accolto tutte le richieste avanzate dalla Regione Emilia-Romagna, in particolare quelle relative al progetto di ripascimento con sabbie sottomarine che interesserà la costa da Ferrara a Rimini per un totale di 18,5 milioni di euro di risorse nazionali, a cui si sommano 1,5 milioni di euro di risorse già rese disponibili dalla Regione. Così come sottolineiamo l’importanza del fatto che ci siano tutte le condizioni per avviare le prime fasi dei cantieri entro quest’anno. Grazie al presidente Bonaccini e all’assessore Gazzolo, con i quali concerteremo gli interventi da realizzare».

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: