Attualità

Riforma spiagge, Scajola: “Decreto attuativo non è urgente, Draghi si occupi di vere emergenze”

Il coordinatore del tavolo interregionale sul demanio marittimo: "Tuteliamo una categoria che dà lavoro e occupazione".

«Apprendo con stupore e preoccupazione la notizia che il governo sta accelerando sul decreto attuativo della legge sulla concorrenza, che prevede le gare per gli stabilimenti balneari». Lo afferma il coordinatore del tavolo interregionale sul demanio marittimo Marco Scajola, assessore all’urbanistica della Regione Liguria.

«Un tema delicato che riguarda un settore economico nevralgico per l’Italia richiede la massima attenzione», prosegue Scajola. «Ci sono delle gravi emergenze in atto in Italia, dalla crisi energetica a quella del lavoro, e ritengo fondamentale che l’attuale governo si concentri su queste problematiche e non vada a incidere sulle imprese balneari. Inoltre, molte imprese liguri nelle ultime settimane sono state duramente colpite dal maltempo e hanno subito ingenti danni».

«Procedere in tempi rapidi, che non consentirebbero un confronto e un dialogo con con i rappresentanti del settore balneare, sarebbe infierire contro queste realtà già duramente provate dalla pandemia», conclude l’assessore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Draghi è sicuramente europeo e a tratti anche italiano. Chiedergli con l aiuto della stessa lingua che parliamo :
    come pretendi che sia il demanio?
    Quali sono le tue paure se i decreti vengono affrontati con ponderazione che darà il tempo e il nuovo assetto democratico?
    La legge approvata non pone sufficienti paletti per chiunque affronterà i decreti attuativi?
    Potrebbe anche avere voglia rispondere e fugare il fatto che i metodi per arrivare a questa PORCATA, sono invece l abc di un presidente della BCE , o A.D. di qualche multinazionale che trasporta le sue esperienze in un parlamento di miseri ratificatori.

    • No, mi sento di dissentire. Questo come assessore in Liguria ha lavorato bene. Ed il cognome gli ha creato più intralcio che vantaggio.

  2. Ragazzi ,io preferisco quello di prima: Mammoletta,almeno e’ più ruspante.

    Scherzi a parte, mi rivolgo alla redazione di Mondobalneare, dovete proprio pubblicare tutti ? Va bene che siamo in democrazia, ma dopo Gasparri,Marmoletta? E Scajoletta,potremmo leggere qualche intervento degno di nota?
    Grazie

  3. Nikolaus Suck says:

    Le gare non le prevede il decreto ma una legge dello Stato già entrata in vigore quindi andranno fatte e si faranno in ogni caso.
    Qui di se c’è anche il decreto tanto meglio per tutti. E non è questione di urgenza ma di rispetto d termine previsto dalle legge. Tra elaborazione, proposta iniziale, concerto con i vari Ministeri, intese e pareri obbligatori, eventuali correzioni e modifiche, nuovo giro di intese etc., delibera, trasmissione al P.R., emanazione, pubblicazione, etc., sei mesi non ci mettono niente a scadere quindi iniziare subito è serio e corretto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.