Attualità

Riforma spiagge, le difficoltà di fare le gare entro il 2023

Secondo i Comuni i tempi sono troppo stretti e occorre un periodo più lungo rispetto a quello imposto dal Consiglio di Stato. Ma altre proroghe automatiche sono impossibili.

In questi giorni si sta molto parlando della possibilità di istituire un periodo più lungo per completare la riforma del demanio marittimo. In questo video spieghiamo i motivi del dibattito in corso e le difficoltà che comporta questa richiesta, che non proviene dalle associazioni di categoria bensì dalle amministrazioni comunali.

Com’è noto, il Consiglio di Stato lo scorso novembre ha annullato la proroga delle concessioni balneari al 2033 e imposto di riassegnarle tramite gare entro la fine del 2023. Con una proposta di legge contenuta nel disegno di legge sulla concorrenza in discussione in questi giorni in Senato, il governo sta seguendo pedissequamente le indicazioni di Palazzo Spada, ma l’Anci e le Regioni stanno facendo resistenza poiché ritengono che per i Comuni sia impossibile espletare migliaia di complesse procedure di evidenza pubblica nel giro di un anno. Dall’altra parte, però, qualsiasi ulteriore proroga automatica è impossibile poiché questo meccanismo è già stato censurato dalla Corte di giustizia dell’Unione europea.

Nel video spieghiamo più nel dettaglio le varie sfaccettature di questo problema.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Alex Giuzio

Caporedattore di Mondo Balneare, dal 2008 è giornalista specializzato in demanio marittimo, turismo e questioni ambientali e normative legate al mare e alle spiagge. Ha pubblicato "La linea fragile", un'inchiesta ecologista sulle coste italiane (Edizioni dell'Asino, 2022).
Seguilo sui social:
  1. Dal 1/1/2024 molti degli attuali concessionari non potranno più entrare in quelle che ad oggi, essi, considerano le LORO aziende. Non bisogna preoccuparsi dei problemi burocratici dei Comuni per organizzare e preparare i bandi. Ci penserà Draghi a dare gli opportuni suggerimenti. È meglio preoccuparsi del futuro professionale di molto balneari che dal 1/1/2024 diventeranno ex balneari espropriati delle loro aziende. Bisogna organizzare corsi di formazione professionale per i futuri “ex balneari”. Bisogna dare suggerimenti ai futuri disoccupati, cpme ricollocarsi nel mondo del lavoro ed acquisire in tempo delle competenze.

    • Secretbonus says:

      Molti di loro, quelli più innovativi, professionali, con spalle solide e visone del futuro, quelli che sono davvero imprenditori, probabilmente cambieranno semplicemente tratto di sabbia per trasferirvi la propria azienda… in un ottica di libero mercato, succede questo, i migliori emergono e rinforzano la propria posizione, i rami secchi si tagliano… quelli che probabilmente si ritroveranno più in difficoltà sono i “prenditori”… quelli che non hanno mai avuto idee e campavano solo per la posizione dell’arenile ereditata dal nonno, che magari subaffittavano e campavano di rendita, quelli che “una mano di vernice e siamo pronti per la stagione”… ma non è che solidarizzi troppo con loro

      • Certo secretbonus, perché noi innovativi abbiamo un azienda con le ruote, e per i clienti che problema c è? Se lavoriamo bene ci seguiranno nella nostra nuova azienda, magari a 800 km di distanza. Come abbiamo fatto a non pensarci prima

        • Nikolaus Suck says:

          Vale pure per qualsiasi altra azienda, magari storica e tradizionale che sta lì da secoli, che se e quando il proprietario delle mura decide di non rinnovare il contratto deve spostarsi altrove, e succede ovunque e di continuo. Con la differenza che voi potete partecipare ad una gara e cercare di vincerla per restare, loro no.

            • Nikolaus Suck says:

              No, magari una bottega storica o un ristorante di quartiere noti per stare lì dove stanno. Servizi collegati alle persone, non manufatturiero, quelli delocalizzano per i comodi loro.

          • Certo suck, botteghe e ristoranti si muovono nella stessa città però, il ristorante di Cracco o l’Harry’s bar Cipriani ad Oristano come li vedi? Ma taci qualche volta, evita forzature stupide

            • Nikolaus Suck says:

              Bell’esempio per tagliarsi le gambe. Quabti milanesi vedi da Cracco e quanti veneziani da Harrys? Sono le classiche aziende con clientela da ovunque e che li raggiungerebbe ovunque siano e si spostino, anche ad Oristano. Bravo!

          • Credo che sia la tua la risposta da tagliarsi le gambe, la gente va all’Harry’s se É a Venezia, è da Cracco se È a Milano, città dove passa gente che se lo può permettere, e tu mi vuoi dire che i clienti si farebbero 15 ore di viaggio per andare a cena in una amena località della Sardegna? Ma fammi il piacere suck, che gli specchi sono lisci anche per te!

            • Nikolaus Suck says:

              Beh no questa è una tua valutazione e opinione personale. La gente certamente andrà da Cracco o Harry’s ANCHE perché è a Milano o Venezia. Ma trattandosi di uno chef e di un locale famosi una clientela fidelizzata e/o appassionata non ha problemi ad andarci apposta. Il che rende irrilevante dove stiano.
              Anche perché non so se tu ti muovi ancora a dorso di asino, ma 15 ore di viaggio mi sembrano tantine.
              Per la cronaca, a Mamoiada Sardegna, paesello non esattamente ameno, c’è un certo localino pieno per i mesi a venire dove la gente arriva apposta da ovunque.

          • “viene apposta da ovunque” certo, perché già si trova in Sardegna in vacanza, di certo non parte dal continente per andare a cena suck, cosa vai raccontando furbacchione? Sei forte comunque, tu saresti in grado di mettere in discussione la crocefissione di Cristo sostenendo che, tecnicamente, è morto di freddo

            • Nikolaus Suck says:

              E qui potrei risponderti sia che in realtà io lo faccio e molti lo fanno ma questo è del tutto personale quindi irrilevante (anche se sì, per andare in quel posto partono anche dal continente, e in tre ore sono lì. Come per Cracco del resto), sia che una volta che si decide di partire dal continente, poi se devi arrivare nell’uno o nell’altra “amena località” è relativamente indifferente. Ma sono discussioni abbastanza oziose e inutili. Il punto secondo me è che se sei bravo e/o fidelizzi i clienti, e se è vero che questo rileva anche in questo lavoro (come leggo su queste pagine), quei clienti ti seguono.

          • Beh, l’elicottero non è ancora così diffuso come pensi tu, ma vabbè, ad ogni modo mi meraviglia Cracco, dovrebbe assumerti come consulente, continua a pagare un affitto di, che so, qualche decina di migliaia di euro al mese per restare dov’è, quando potrebbe trasferire il tutto a Quarto Oggiaro dove se la caverebbe con 500 euro con gli stessi successi. Che folclore,

            • Nikolaus Suck says:

              Ma non potrebbe chiedere gli stessi soldi. Sono scelte di posizionamento. Se trovi posto vai a mangiare al D’O di Davide Oldani in quel di Cornaredo, lui ha fatto appunto la scelta che dici tu, mangi bene uguale se non meglio spendendo un quarto, e ti assicuro che ci vanno apposta, da tutta Italia e oltre.

          • “Ma non potrebbe chiedere gli stessi soldi” dettaglio trascurabile a tuo avviso? Ecco che l’azienda non è più la stessa. È altro

            • Nikolaus Suck says:

              Dipende. Intanto ti tieni i clienti. E con le spese inferiori alla fine della fiera potresti anche aver guadagnato di più. Comunque stiamo divagando. Né Cracco né Harry’s, né Oldani, occupano il demanio, e alla scadenza nessuno di loro ha la possibilità di partecipare alla gara per tenersi concessione e immobile. Voi sì. Quindi datevi da fare. Buonanotte.

          • Ah si, abbiamo già finito, era solo per contestare il fatto che, secondo te, il trasferimento di un azienda in un altro luogo a caso non influisce in alcun modo sugli affari dell’azienda stessa. E continui a sostenerlo, lasciamo decidere ai lettori di questa simpatica conversazione chi si sta arrampicando sugli specchi.

            • Nikolaus Suck says:

              Dove ho mai scritto che “il trasferimento di un’azienda in un altro luogo a caso non influisce in alcun modo sugli affari dell’azienda stessa”? Ovvio che questo non sia vero e le mie argomentazioni lo sottendono. Il mio punto era ed è tutt’altro. Cioé che qualsiasi azienda può dover fare i conti con uno spostamento necessario e necessitato, e nessuna azienda gode di una garanzia di posizionamento a vita, tanto meno da parte dello Stato. Solo che voi in più avete la possibilità di restare vincendo la gara, altri no. Tutto qui.
              PS sì io la trovavo effettivamente simpatica, almeno per una volta si confrontavano solo opinioni e posizioni senza insulti.

    • Teo Romagnoli says:

      E soprattutto chi gli paga u debiti..io personalmente ho ipoteche sulla mia casa e quella dei miei genitori..pagherà draghi..

  2. giusto e diciamo pure che siamo 3 4 milioni di lavoratori e che io ad esempio ha 60 anni mi dite dove cazzo vado a lavorare ? sapete quante persone ci sono nella mia situazione, burocrati idioti?anche se ho grosse competenze ed esperienze maturate in altri ambiti lavorativi( non solo balneazione) sapete cosa mi dicono quando invio curriculum? ( perche in inverno devo trovare lavoro poichè non è sufficente il guadagno della stagione a differenza di ciò che dicono sciacalli qui sul portale che credono che noi siamo milionari). ci dispiace lei è troppo qualificato, oppure lei ha un età troppo avanzata per una ricollocazione in ambito lavorativo…a questo avete pensato burocrati idioti? se non ci fossero spazi da dare in concessione me ne farei una ragione ma dato che non è cosi mi viene il vomito a sentire certi commenti di persone che vivono su un altro pianeta……come dico sempre l economia gira se c è lavoro non se lo si toglie e si crea disoccupazione.

  3. Ecco qui, bisogna guadagnare altro tempo : questo e’ l unico vero motivo , si vuole arrivare impreparati al 2024.

    La pianificazione, non e’ come mi debbo preparare ai bandi ma come debbo guadagnare tempo

  4. Pero non lo chiamiamo proroga chiamiamolo periodo transitorio o periodo piu lungo…

    Piu lungo rispetto a cosa? Sono decenni che si fa ostruzionismo per guadagnare tempo..

    Siete dei simpaticoni..

  5. “…Non far sembrare questo periodo come proroga automatica..”
    Abbiamo detto tutto…, fatelo questo periodo transitorio! Vi prego fatolo

    • Ma piantala Carlo che sei patetico, 3 commenti in 10 minuti, per dire poi sempre le stesse cose, e la proroga è la proroghina ecc. Ma pensi sia un problema così facile da risolvere? Lo avrebbero già fatto, sai? Oppure hai tu le soluzioni intelligentone? Sai cosa c’è? Che dovrebbero lasciare tutto com’è, e sarebbe la soluzione migliore, ogni altra soluzione andrà a scontentare tutti. Clienti compresi.

      • Ma siete stupidi ,analfabeti ,pagati o cosa ??? E l’anci che ha fatto questa osservazione non i balneari,come il canone lo decide lo stato non i Balneari……esamino di coscienza no???

      • Lasciali ragliare i detrattori insoddisfatti, penosi, ridicoli.
        Sul fronte cds la sentenza sarà cassata conflitto di attribuzione tra poteri dello stato ci sono 2 ricorsi in corso. Ogni singolo balneare impugnerà ogni provvedimento fatto dalla pubblica amministrazione ci saranno piogge di ricorsi, tutti diversi tra di loro perché ogni concessione ha la sua peculiarità e sono diverse da regione a regione da comune a comune in tutto questo caos indurranno le gare che ancora non si sa con quali criteri e come più di 300 emendamenti presentati alla bozza farlocca e vigliacca presentata dal governo eletto da nessuno. Vedremo, nel frattempo lasciali ragliare tanto è inutile.

          • suck almeno peppe89 dice la verità mentre tu fai il gioco di un governo non eletto e truffaldino oltre che dittatoriale…..avresti dovuto guardare il video su youtube ( stranamente i mezzi d informazione e tg non ne hanno parlato , forse perche i 200 milioni di euro stanziati dal governo per non dire verità sacrosante danno i suoi frutti…..quindi tutti zitti e tutto va bene , vero?) … come amano draghi a napoli ….lo amano cosi tanto che 2 giorni fa quando si è incontrato con il sindaco di napoli , se non c era la scorta veniva linciato…onore al popolo di napoli……quanto credi caro avvocato che il popolo sia ancora disposto a subire angherie da questi pupazzi?

    • Teo Romagnoli says:

      Bene non chiamamole proroghe.. chiamiamole per quelle che sono..INGIUSTIZIA, INSENSATA, INGIUSTIFICATA!
      NO ALLA BOLKESTEIN!

  6. Nikolaus Suck says:

    Esistono le c.d. proroghe tecniche, che non sono disposte dal legislatore in via generale ma possono essere concesse dai singoli Comuni una volta avviate le procedure di gara e fino alla loro conclusione, caso per caso e ove necessario. E’ un istituto un po’ borderline e permesso entro certi limiti negli appalti, ma se usato entro quei limiti e per tempi ragionevoli, e non in modo elusivo, dovrebbe potersi applicare anche nelle concessioni.
    I “contenziosi” che si continuano ad agitare in modo totalmente generico di per sé non “bloccano” nulla. Senza un apposito provvedimento cautelare di un giudice, che può essere dato solo in caso di apparente fondatezza dell’azione E di danno grave e irreparabile e non solo patrimoniale (come sarebbe la perdita degli investimenti), i ricorsi non sospendono per forza le gare e i procedimenti, che possono benissimo andare avanti lo stesso.

    • Il problema dei comuni nn sono o saranno i ricorsi…le evidenze se si faranno nn soaranno ad alzata di mano a chi offre di più…saranno su progetti ,di ogni tipo,e qualche funzionario dovrà decidere su qualcosa che nn conosce…inoltre da quale concessione inviano?ad estrazione?perché in un comune con 80 90 concessioni balneari ad una media di 7 10 progetti a concessione ci vogliono circa 20//25 giorni lavorativi a concessione…mi spieghi come fanno?

    • Condivido in pieno. Una risposta utile e gratuita, se l’uditorio fosse quello giusto, cioè quello che capisce che bisogna lavorare “per le gare”, non contro le gare… ma temo che ci prenderemo l’ennesimo insulto di essere “burocrati idioti” da parte dell’ultratitolato che nessuno vuole (chissà perché…)

      • mistral suck e burocrati vari ora ci sono le prove della malafede sia dei giudici che del governo… avreste dovuto vedere il summit di oggi ancora in corso a teramo…. vi sareste resi conto di quante cazzate avete detto ..quello che ho ascoltato e visto è incredibile e tutti i balneari dovrebbero vederlo….prego la redazione ealex giuzio di pubblicarlo in modo tale che ci si renda conto della malafede di questi signori e governanti….tengo a precisare che chi è intervenuto al summit sono personaggi molto importanti a livello nazionale e internazionale …non pinco pallino di turno…è incredibile quello che ho visto…da vomitare….ladri ladri e ancora ladri…dovreste farlo vedere al caro draghi e i suoi complici quanto detto oggi a teramo….ai balneari dico che si tratta di furto e di esproprio altro che riforme…bisogna andare in parlamento e fermare questi truffatori…le prove ci sono e sono evidenti …

        • a tutti i balneari dovete vedere il summit di teramo dove illustri giuristi giudici e rettori universitari competenti della materia parlano di cosa sta facendo il governo e cosa ha fatto il cds….. anche giudici del tar presenti al summit optano per una pregiudiziale e non solo negli interventi si rimarca il fatto che non sia stata seguita la promoimpresa che siano stati travalicati i poteri del legislatore che la proprietà privata dovrebbe essere maggiormente tutelata rispetto alla proprietà superficiaria , invece lo stato e draghi fanno l esatto opposto…..suicidio di un ordinamento giuridico stando alle parole di un giudice del tar intervenuto….inoltre è uscito fuori che le direttive sono state usate appositamente per fare diventare le stesse superiori alle leggi, ma non solo ….dicono che la plenaria dovrebbe essere valida solo tra le parti, ma di fatto diventa uno strumento per forzare i giudici, perchè mai un giudice andrà contro la plenaria stessa….inoltre hanno anche detto che fra alcuni anni la cedu ci farà riconoscere i danni quando ormai i giochi saranno già chiusi….vergogna ladri…addirittura draghi approfitterebbe insieme con i suoi bocconiani di questa farsa del cds ( ormai è certa la farsa ) per fare approvare una legge ( a vantaggio degli speculatori ) con la scusa della plenaria…non solo i nostri governanti non vogliono aiutarci ma toglierci tutto e draghi vuole approfittare della plenaria per svendere il paese…..sono emerse discrepanze a non finire nelle sentenze del cds….incredibile…..vi terrò informati perchè qui si parla ha getto continuo e ogni minuto escono fuori cose assurde…. la redazione di mondo balneare dovrebbe pubblicare il tutto e poi portarlo al signor draghi e giavazzi per farglielo vedere…garavaglia sapevi tutto e ci hai preso per il culo….. dopo quello che ho visto potete stare certi che alzeremo le barricate e ogni giorno saremo a montecitorio ………sono incazzato per quello che ho visto e sentito……dobbiamo andare tutti ma dico tutti sotto il parlamento perchè queste persone ci stanno togliendo la vita…..maledetti

          • altra chicca parla di griffi che stranamente sta alla corte costituzionale e che per la prima volta un ricorso( il nostro contro la sentenza del cds) è stato calendarizzato a 7 mesi…come mai…?.giuliano ferrara aveva ragione su griffi….balneari ci dobbiamo ribellare , troppe sono le cose che non tornano…

          • Disilluso says:

            Ernesto buongiorno. Purtroppo ieri ero al lavoro e non ho potuto collegarmi. Sai per caso dove è possibile recuperare il convegno di Teramo? Quello dello scorso dicembre era stato caricato su you tube. Sai se ci sarà anche questo? Aggiornami gentilmente grazie.

        • Nikolaus Suck says:

          Dopo ogni convegno di parte o misterioso video youtube rivelatore è la stessa cosa, gridi allo scandalo per aver scoperto chissà quali verità assolute che in realtà sono solo tesi e opinioni individuali, senza avere nessuna competenza e cognizione per fare una valutazione critica e distinguere le une dalle altre. Semplicemente, quelli che dicono cose che chiaramente non capisci ma ti piacciono, sono automaticamente degli illustrissimi e autorevolissimi giuristi di livello addirittura internazionale (boh…), e chi invece dice cose sgradite o viene ignorato o è per forza un delinquente, venduto, corrotto, politicizzato etc., etc..
          E se invece fossero quelle che senti le “cazzate” come le chiami tu? Ci hai pensato? Che titoli e competenze hai per valutare e distinguere?
          Te ne dico una per tutte, anche se per come l’hai messa non capirai nemmeno questa: non so chi abbia detto che la calendarizzazione a 7 mesi del ricorso sarebbe anomala, ma se si conosce la procedura davanti alla Corte Costituzionale non è così. Intanto non si tratta del “vostro ricorso”, ma di quello dei parlamentari di Fratelli d’Italia. Che è un (presunto) conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato. Un tipo di procedimento in cui prima di incardinato e iniziare il giudizio vero e proprio c’è una fase preliminare di ammissibilità per valutare se il ricorrente può effettivamente considerarsi potere dello Stato e poteva presentare il ricorso (prima e fino ad allora il giudizio non risulta nemmeno esistere, infatti appena presentato non lo trovi nel registro dei conflitti pendenti). E per quello si fissa una apposita Camera di consiglio. Per la quale, ti assicuro, 7 mesi di tempo sono la regola e perfettamente normali in base ai calendari e agli impegni della Corte.
          O l’altra, autentica, cazzata per cui la Plenaria vuole “forzare i giudici”. Anche qui da vedere come è stata detta e come (non) l’hai capita tu, ma questa non è una plenaria normale che dirime un contrasto nel singolo giudizio, bensì una plenaria su principi di diritto ex 99.5 cpa, in cui il fatto che sia non solo vincolante tra le parti ma anche precedente autorevole per tutte le sezioni singole è normale e previsto dalla legge, si chiama “nomofilachia”. La Plenaria esiste apposta.

          • ma finiscila di rompere suck…. tutti sanno ed ernesto ha detto verita’ che tu vuoi far passare per idiozie…. vai a piangere da draghi bullo del foro …ma non vedi che ogni giorno ci sono manifestazioni contro questo governo,? ma dove vivi e chi credi ancora di prendere per il c….? abbiamo capito tutti molto bene e sei tu che non capisci cosa sta succedendo…la dittatura non e’ nella nostra costituzione ma forse nella tua si…

            • Nikolaus Suck says:

              Bullo del foro mi piace, lo adotto. Bullo del buco veniva ancora meglio, c’era pure l’allitterazione.

  7. peluso antimo says:

    L’Italia è un paese aiuti umanitari accoglienze libertà disponibilità ma sempre per gli altri siamo sempre in prima linea per salvaguardare sempre tutti però a tutt’oggi il nostro governo nella messo in risalto le richieste dei balneari vengono sballottati da una parte all’altra con sentenze e indecisioni politiche saremo a guardare tutti quanti che cosa ci propone il nostro governo in bocca al lupo a tutti

  8. Utile sarebbe esplicitare a cosa va incontro un funzionario o dirigente che nel 2024 non fa le gare..bello sarebbe un commento di diretti interessati. Grazie

  9. I Figli di Nessuno says:

    Ma è sicuro che le Banche daranno i DANARI, per partecipare alle gare per l bandi delle concessioni su suoli demaniali e non chiederanno la garanzia della durata della concessione????…. Mi viene da ridere!!!!… E i Comuni come si comporteranno???…

    • Nikolaus Suck says:

      E’ un falso problema che non esiste. Chiedere una garanzia di durata superiore a quella prevista da leggi e bandi sarebbe illogico oltre che illegittimo. Investimenti e piani finanziari da garantire ovviamente sono e devono essere parametrati alla durata degli stessi e della concessione.

  10. Ernesto al convegno Capacchione ha detto che Piombino sta facendo i bandi per nuove concessioni ma non è vero cosi come il presidente del tar non ha contestato la sentenza ed è parso unanime anche dai sindaci che si andrà a GARA!

  11. ma che cazzo dici ….bugiardo….menti sapendo di mentire…piombino ha fatto nuovi bandi per le nuove concessioni ed è tutto vero …..e non solo i giudici dei tar hanno contestato vivacemente e con argomentazioni la plenaria…..sei veramente un bugiardo senza ritegno……ma quale summit hai visto del burkina faso….

  12. Disilluso says:

    Ecco questo trattato da I figli di nessuno è un tema importante e poco dibattuto. Ci sarà infatti da vedere quali forme di accesso al credito avranno i partecipanti alle gare dato che le banche molto difficilmente erogheranno mutui per partecipare a bandi che presumibilmente avranno una durata temporale che difficilmente andrà oltre i 6/12 anni. Aggiungo che nessun imprenditore, degno di fregiarsi di tale “titolo” pur disponendo di tanta liquidità, utilizzerebbe il proprio denaro per promuovere un investimento a tempo senza che questo gli garantisca nessuna liquidazione a scadenza. Staremo a vedere.

    • Nikolaus Suck says:

      Ah no? E secondo te le concessioni di servizi pubblici, in cui al termine tutti gli impianti costruiti dal concessionario e ammortizzati durante la concessione passano all’amministrazione concedente gratis, e c’è un piano e economico e finanziario parametrato appunto sulla durata temporanea prevista, asseverato da una banca e in cui l’accesso al credito è previsto per legge, come funzionano? Continuate a parlare di cose che non sapete.

      • ecco appunto suck forse continui a parlare tu di cose che non conosci…..le concessioni di servizi pubblici non sono minimamente paragonate alle nostre perchè quelle si sapeva benissimo dall inizio che avrebbero avuto date di scadenza ,( quindi l investimento era subordinato alla durata della licenza e all ammortamento del capitale , lo stesso che è avvenuto ad ibiza con la messa all asta di un chiosco bar sulla spiaggia) mentre per le nostre non è proprio cosi visto che le regole sono state cambiate in corso d opera con direttive e cancellazione di diritti per noi fondamentali. secondo te chi è lo scemo che avrebbe mai investito capitali su concessioni che dopo anni di sacrifici avrebbe lasciato a te con tutte le strutture e i permessi?e non venirmi a raccontare la storiella che le concessioni hanno sempre avuto un termine etc etc….. patetico…..io sinceramente rado tutto al suolo e ti lascio la sabbia, cosi vediamo come fai
        oppure mi barrico all interno e aspetto il primo che arriva….inoltre l accesso al credito se non hai capitali proprio o beni materiali le banche ti danno un bel vaffa….ci vogliono le garanzie suck quelle che noi onesti lavoratori (ipotecando case e beni abbiamo offerto nel corso degli anni garantendoci la fiducia della banca)..se vuoi posso darti lezioni di economia caro suck perche noto che non è affato il tuo campo ….un conto è parlare un altro è stare sul campo e toccare la realta dei fatti con mano…..chi è il pazzo che investe 500000 1000000 di euro senza subire controlli del capitale etcc….e come rientri del capitale ? se c è mafia metti in preventivo che ti diano fuoco…e i clienti ? facile cominciare su un attività di un altro già avviata vero?….sarebbero queste le grandi riforme di draghi e la tua ?

        • Nikolaus Suck says:

          Di tutte le concessioni si sapeva e si sa che avrebbero avuto una scadenza, anche le vostre. Gli artt. 36 e 37 cod. nav secondo cui il demanio può essere concesso solo “per un periodo di tempo determinato” e, appunto, con una “scadenza”, sono sempre esistiti. Anche il passaggio gratuito delle strutture allo Stato (art. 49 cod. nav. e art. 823 c.c.). Invece una norma che prevedesse o vi attribuisse diritti senza scadenza non è mai esistita.
          I tuoi 500000 1000000 di euro mi fanno ridere. Nei servizi pubblici per realizzare le strutture, che poi passano al concedente (come per voi: art. 49 cod. nav.) il concessionario spende diversi milioni, e alla scadenza il concessionario, che durante la concessione le ha ammortizzate e ha avuto il suo giusto ritorno, secondo il normale meccanismo di tutte le concessioni, chiude baracca e le lascia senza fiatare e senza accampare, anzi inventarsi, diritti insistenti. E non è una riforma, ma un sistema che esiste da sempre (2578/1925).

          • suck oltre che arrogante non capisci nemmeno il senso di cio che ti ho detto…torna allora sui banchi di scuola perchè le tue rimostranze a favore del so tutto io e voi siete nulla falle a persone di tua conoscenza ….qui caschi male e leggi bene prima di esprimere giudizi….le domande erano semplici semplici suck….le regole sono state cambiate o no quando noi avevamo gia concessioni in essere… il diritto d insistenza è stato cambiato o no ? avevamo prima di questo le licenze o no…..è difficile da capire ?

            • Suck quando il bis nonno ha avviato una casa chiusa era tutto legale ma poi è cambiata la legge e ha dovuto chiudere allora mi chiedo, d’accordo con Ernesto questa volta, se posso chiedere i danni per i mancati incassi con gli interessi ovviamente…questa istanza più legittima di sostenere la correttezza del legittimo affidamento che ha per decenni ostacolato l’opportunità di competere con il concessionario perché lui non creava nulla ma al massimo faceva le cose del concorrente. Ah martedì una folla di tre milioni senza qualche zero.

            • Nikolaus Suck says:

              Infatti è semplice semplice. Il diritto di insistenza è stato cambiato certo, solo che non diceva quello che dite voi e non vi dava il diritto di stare lì per sempre e a prescindere. Le leggi cambiano e si rispettano quelle in vigore non quelle vecchie. Altrimenti, per ornare su un vecchio esempio, uno avrebbe ancora il diritto di continuare tenere aperto e gestire un bordello solo perché regolarmente aperto secondo le leggi dell’epoca.

          • Ma quindi fammi capire.. fin’ora le banche hanno finanziato 500k o anche 1mln di € così, sulla fiducia? Perchè se è come dici tu che sono sempre state a scadenza le concessioni, quale direttore di banca avrebbe mai concesso tale finanziamento sapendo che ci sarebbe stato il rischio che il concessionario non sarebbe riuscito a rientrare col debito? Qualcosa non torna in quello che dici. Anzi, molto più di qualcosa..

            • Nikolaus Suck says:

              A parte che la valutazione del funzionario di banca non è legge, quello che non non torna è solo buttare lì ad effetto la cifra dell’investimento che da sola non dice e non vuol dire niente. Tipo di spesa? Piano di investimento? Piano degli ammortamenti? Redditività della concessione e dell’azienda? Tempi di rientro? Margini attesi? Matrice rischi? etc. etc. etc…. Sono tante le cose da valutare, e bisogna vedere come.

      • Disilluso says:

        Suck però così non va bene. Io sono gentile e lei continua ad offendere, dicendo che parlo di cose che non so….. Come se solo lei fosse il custode della verità assoluta e universale qui dentro. L’esempio da lei citato non ha nulla a che vedere con il mio commento, dato che io mi riferivo a semplici persone che magari fondano una sas per partecipare a un bando. Lei invece, nel suo commento fa riferimento ad un ambito in cui sono chiamate in causa grosse società…..a meno che non ritenga che le nostre spiaggette facciano gola a grossi gruppi, contravvenendo ai suoi commenti passati, secondo i quali i miei colleghi che ritenevano possibile una cosa del genere fossero degli esagitati e complottisti con manie di persecuzione.

        • Nikolaus Suck says:

          Non ritengo di aver “offeso” nessuno e parlavo in generale senza un particolare riferimento a Lei, ma in effetti era una frase inutile e di troppo convengo. Le mie non sono “verità assolute e universali” ma solo conclusioni tratte dal dato testuale delle norme vigenti. Il distinguo tra “grosse società” e la sas tra semplici persone secondo me non è particolarmente utile e rilevante perché il meccanismo sotteso alle concessioni è sempre lo steso: si investe in proporzione alla durata, si ammortizza e si guadagna quello che si può e deve come è giusto che sia, e quello è, basta. E anche le garanzie bancarie si adeguano e devono adeguare, e le banche lo sanno e lo fanno, per la grossa società così come per la sas di semplici persone. La differenza che volevo rilevare io sta nell’entità degli investimenti, nonostante la quale nessuno si lamenta e tutti accettano il meccanismo. Da ultimo non ho mai affermato o anche solo implicato in nessun commento che i Suoi colleghi fossero degli “esagitati e complottisti con manie di persecuzione”.

      • Sto già immaginando la qualità dei servizi e il prezzo al quale verranno offerti con questo fantastico scenario che ipotizzi suck. Tu sai di legge, ma qui basta fare 2+2, quali saranno i vantaggi per gli utenti? Mi sa che un sacco di gente, che ora gode, rimarrà delusa

  13. La concessione demaniale non è la concessione di un servizio pubblico non è un appalto non c’è nessuna asseverazione da parte di nessuno.
    In concessione non c’è scritto che i beni ammortizzati passano all’amministrazione concedente, sono di proprietà del concessionario, al massimo possono dirti di ripristinare i luoghi e bisognerà capire per quale motivo.
    Il bene è accatastato e ci paghi imu e tutto. E comunque l’accesso al credito previsto per legge nelle cdm non esiste e penso in nessun altra cosa è sempre a discrezione della banca.
    È assodato che dai i numeri non sai minimamente cosa sia una concessione demaniale il classico atteggiamento di chi parla per partito preso. CAPRONE!

    • Nikolaus Suck says:

      Mai detto che fossero la stesa cosa o che quella fosse la disciplina delle cdm. Solo che esistono meccanismi adatti. Ma che rispondere a te, che manco sai leggere, fosse una perdita di tempo, si era già capito.

      • Non esistono meccanismi adatti semmai da adattare a una disciplina (come la definisci tu) già definita, con un iter preciso, che evidentemente sconosci da rivoluzionare completamente, ma sicuramente non a tuo piacimento o di qualche altro fenomeno.
        CAPRONE rinnovato a pieni voti!

  14. Francesco says:

    Vi siete accaniti sui balneari come se fossero il male dell’Italia, se volete fare i paladini delle ingiustizie allora cominciate a fare un censimento su tutti i renditi di cittadinanza vediamo a quanti spetta realmente, e solo un metodo illegale per comprare consensi elettorali in modo apparentemente legale, vergognatevi avete rovinato L’Italia, non si trova manodopera da nessuna parte d’Italia e tutti chiedono di non essere assunti in piena regola per non perdere il reddito di cittadinanza, vergognatevi

  15. Francesco says:

    Basterebbe rimodulare i canoni demaniali e far decadere le concessioni a chi ha subaffittato in favore di chi è affittuatario e ha investito per riqualificare l’arenile con i propri capitali a beneficio del concessionario che ha subaffittato

  16. Era tardi e non arrivava la sviolinata del rdc , poi sarà il turno dei posti pubblici statali, poi le concessioni delle autostrade, ma cambiate un po’ canzone che avete stufato

  17. Teo Romagnoli says:

    Ma draghetto non aveva detto che voleva la norma entro metà gennaio?? Di che anno??passi che siamo ormai in guerra ma i 4 D della chat ( D sta per DEFICENTI ) poi inventeranno che siamo noi che vogliamo le proroghe…

  18. Antilobby says:

    Scusate ma se il mondo balneare si trova in questa situazione non è solo colpa dei politici che per opportunità politica (acquisizione di voti) non hanno provveduto ad effettuare la riforma del settore che era attesa da anni ma è colpa anche dei balneari che hanno osteggiato qualsiasi riforma per mantenere il loro status quo come è successo con il disegno di legge degli onorevoli Arlotti-pizzolanti del 2017 che era in sostanza una buona base di partenza che poteva essere approvata in tempi brevi….

  19. Pino Valeri says:

    Caro Suck mentre per un qualsiasi proprietario di un qualsiasi immobile le mura sono di proprietà e le affitta a chi vuole con regolari contratti di affitto, nel nostro caso lo stato è proprietario del del suolo e riceve il pagamento di una concessione demaniale, mentre nel nostro caso l’edificio è stato costruito dal concessionario con regolare licenza edilizia cosi come riportato nelle visure catastali.

    • Nikolaus Suck says:

      Embé? Che cambia? Semmai, che il qualsiasi proprietario con la roba propria ci fa quello che vuole e come vuole, mentre le spiagge sono una risorsa collettiva e di tutti che lo Stato deve gestire e attribuire nel pubblico interesse e in modo trasparente e non discriminatorio.

  20. Diciamo Pino che tu “arredi” la spiaggia come l’affittuario arreda i locali del proprietario ed entrambi siete liberi di portare via l’arredo oppure il proprietario può a sua discrezione decidere se e quanto dare per gli arredi. Logico no?

    • Arredi?
      Qui si parla di stabilimenti che valgono milioni di euro, di alberghi di ristoranti storici, sale trattenimento, un asset vero e proprio una filiera produttiva che è stata costruita su un bene pubblico e questa filiera va tutelata ci sono famiglie, lavoratori, fornitori, investimenti. Dobbiamo regolamentare un settore anche se già lo è, dobbiamo cambiare le regole in corsa ok.
      Gli investimenti, la proprietà, la dignità e il lavoro delle persone vanno tutelate.
      Ma tu sei una capra un super ignorante insieme a un avvocato da meno di 4 soldi e non capite di cosa si discute.
      Infatti hai paragonato una filiera produttiva all’arredo di un locale!
      Sei senza speranze

  21. Allora siamo in due ma seguendo il tuo ragionamento mi colpisce che non riconosci come il tuo asset sia privilegiato rispetto a quello che affitta i locali dove mettere il ristorante storico, ecc…voi siete stati dei privilegiati al capolinea!

    • Ma privilegiati di che?
      Conosci gli obblighi del concessionario?
      Sai che quando ti rilasciano una concessione rimane pubblicata in gazzetta 60 giorni e chiunque può fare ricorso o opporsi al rilascio per qualsiasi motivo? Poi ci sono ulteriori 30 giorni per il presidente della Regione.
      Non sai nulla, parli per luoghi comuni e l’avvocato cerca di trattare una materia che sconosce pubblicando un singolo articolo di del codice della navigazione o addirittura attraverso sentenze RIDICOLO.
      Se qui c’è qualcuno al capolinea quello sei tu ed è cristallino.
      Io sono un balneare lavoro da quando ho 16 anni e mi batto per i miei diritti.
      Tu da quello che scrivi ho capito che sei un rancoroso che nella vita ha fallito e anche questo è cristallino!

      • Al più l’istanza di concessione
        viene pubblicata sull’albo pretorio per minimo 20 giorni e solitamente non sono di più così nessuno si intromette…poi se vuoi fai domande concorrente con la compilazione del modello D1 che ha un costo e viene fatto senza sapere i criteri di comparazione tra le domande..non è proprio il metodo più trasparente ma è quello che ha permesso di portare avanti il modello, per nulla invidiato, all’italiana. Tu sei Peppe sei rimasto a quando avevi 16 anni e anche io ho lavorato da sguattero in una concessione dai 16 quindi ho chiaro il lavoro, il giro d’affari e anche i privilegi su cui almeno Andrea88 aveva convenuto a suo tempo. A breve fortunatamente finiranno.

  22. In questo caso il padrone del locale è il concessionario lo stato è padrone del terreno così come scritto sulle visure catastali, diciamo che qual ora ci fosse un’asta deve essermi riconosciuto come minimo il valore del locale e il suo avviamento altrimenti lo stato può obbligarmi al ripristino dei luoghi cosi come dice il Codice della Navigazione

    • Nikolaus Suck says:

      No. Art. 49 cod. nav. e Cass. 1283/1998 (tra le tante). Con buona pace di scienziatopeppe89 secondo cui articoli, sentenze e scadenze scritte nelle concessioni non contano niente.

  23. 1 Se non ricordo male l’art 49 riguarda soltanto i beni “non amovibili” nella mia regione le opere sul demanio sono e devono essere tutte amovibili (qualche concessione antica ha opere non amovibili) e comunque è sempre e a prescindere “fatto salvo quello che c’è scritto in concessione” che ripeto sono diverse da regione a regione da comune a comune e ognuna ha la sua peculiarità ma tu sconosci la materia e oltre a questo parli solo e soltanto per partito preso.
    E poi, leggi e articoli che tutelano i balneari possono essere abrogate, altre che magari possono essere devastanti per milioni di persone no!
    E comunque si parla di regolamentare un settore, tutto può essere cambiato, abrogato, corretto annullato, cassato, rifondato confermato.
    Ma è inutile stare a discutere con te sei un detrattore, è chiarissimo che strumentalizzi la tua scarsa conoscenza della materia contro i balneari ed inevitabilmente scivoli nel RIDICOLO!

    • Nikolaus Suck says:

      La mia scarsa conoscenza. Se sapessi quanto fai ridere me, e non solo me. Per questo ogni tanto ancora mi diverto a risponderti. Per ringraziarti delle risate.

      • Ah adesso parli anche per conto di altri “e non solo me” che pena.
        Sulla “conoscenza” mi correggo scarsissima non sai minimamente cosa sia una cdm l’iter che ci vuole per ottenerla e non sai nemmeno cosa c’è scritto anche perché sono tutte diverse tra di loro continua a studiare il codice della navigazione! Capra

  24. Sull’albo pretorio vanno quando il comune ti rilascia la concessione edilizia è un’ulteriore evidenza, io parlavo della gazzetta della regione, ma è inutile parlare sconosci completamente la materia e ti permetti di parlare a vanvera di un argomento delicatissimo dovresti solo vergognarti!
    La mia concessione è recentissima quindi sei tu che sei rimasto a quando facevi lo sguattero e credo che sia il massimo che potrai fare nella tua vita visto il modo in cui ti poni IGNORANTE!

    • Peppe ti consiglio di guardare anche sull’albo pretorio quando la tua concessione sarà a gara…un consiglio poi fai quello che preferisci come sempre!

      • Nikolaus Suck says:

        Diario non ci perdere tempo, lui sa, e sa tutto. Che risposte, e soprattutto che credito, vuoi dare a chi come ogni classico ignorante da un lato è straconvinto della propria sapienza e ha solo certezze e dall’altro per questo si sente anche autorizzato (o ha bisogno, chissà…) di disinvoltamente dispensare la patente di ignorante, asino, capra, caprone, a chiunque senza porsi il minimo problema della figura che rischia di fare, anzi che fa di nuovo ogni volta? Non fa sorridere anche te? Facciamoci una risata e andiamo oltre! Buona domenica.

  25. Un commento più insulso di te! 😂😂😂😂😂 Elettroencefalogramma piatto! Come saranno fatte? Ci sono i bandi? 😂😂😂😂 RIDICOLISSIMO

  26. Rischio o faccio? Sei come la sentenza del consiglio di stato ti contraddici 😂😂😂😂😂 Comunque tu e Diario a braccetto state benissimo chi più chi meno siamo lì!
    I detrattori nel sito mondo balneare, che INVOCANO quasi con goduria la disfatta di una filiera! RIDICOLISSIMI

  27. GiordanoBS says:

    personalmente non vedo perché lamentarsi
    per decenni e decenni hanno avut in gestione arenili di demanio pubblico praticamente gratis , qualora non si aggiudicassero l’asta hanno diritto ad una buona uscita calcolata in % al fatturato annuo ( oh oh ) , negli anni chi ha gestito attività tramandate di generazioni in generazioni hanno apportato ben poco ai lidi , se non una tinteggiata ogni tanto e qualche ritocco qua e la. e poi magari si sono rivenduti il lido a 600.000 oppure l’hanno subaffitato.
    la legge del mercato libero è questa….tutti devono avere pari opportunità vince non solo chi offre di piu ma anche chi presenta il progetto migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.