La norma Iso 13009 può aiutare i balneari

norma iso 13009

Com’è noto, il settore delle concessioni balneari si trova in fase di riordino e a questo proposito si sta parlando molto della norma Iso 13009 “Turismo e servizi connessi. Requisiti e raccomandazioni per il funzionamento della spiaggia”. Si tratta di uno standard internazionale specifico per gli stabilimenti balneari, che riguarda il riconoscimento del valore, della professionalità e della qualità dei servizi e dell’offerta. La certificazione Iso 13009, che viene rilasciata a tutte le imprese di spiaggia che rispettano gli standard previsti dalla norma, è un adempimento volontario, ma chi lo ottiene può avere numerosi vantaggi, sia come singolo imprenditore che a livello di categoria.

Gli adempimenti obbligatori che ogni giorno un imprenditore deve affrontare per la burocrazia sono già molti, tanto che si potrebbe essere facilmente portati a pensare che sarebbe meglio evitarsi un’ulteriore fatica, se questa è facoltativa. Ma in realtà, valutando l’opportunità della Iso 13009 con senso di responsabilità e concretezza, è facile capire come adeguarsi alla norma può rappresentare un elemento di valore aggiunto molto importante per la propria impresa balneare.

In un momento di incertezza e cambiamento, la certificazione Iso 13009 aiuta gli imprenditori balneari a dimostrare la qualità della propria azienda in modo oggettivo e autorevole, ottenendo così un elemento premiante da poter utilizzare in qualsiasi forma di gara pubblica. La Iso 13009 è infatti uno standard internazionale che dà indicazioni sui requisiti e sulle raccomandazioni da seguire nella gestione delle spiagge: non si tratta di niente di nuovo per un imprenditore balneare italiano, dal momento che il modello del nostro paese è già il migliore del mondo; pertanto per ottenere la certificazione non occorre fare nulla che gli imprenditori balneari già non sappiano, grazie ai tanti anni di esperienza ai vertici del settore.

Nel mettere a punto gli standard della Iso 13009, una commissione internazionale ha semplicemente standardizzato i requisiti minimi che le strutture balneari dovrebbero avere a livello mondiale. In particolare, l’esigenza era quella di favorire un elevato livello di ecosostenibilità e accessibilità in un ambiente naturale delicato e complesso come la spiaggia; ma si tratta di livelli che in Italia sono già abbondantemente rispettati senza che nessuno abbia nulla da insegnarci. Certo, si può sempre migliorare, ma gli standard nelle spiagge della nostra penisola sono già elevatissimi, tanto che la balneazione attrezzata italiana è unica al mondo ed è stata imitata da molti altri paesi.

Se si guarda la norma da lontano con distacco e superficialità, è facile essere diffidenti; ma nella pratica, andando a conoscerla, si potrà verificare che si tratta semplicemente di mettere in chiaro che cosa sono le imprese balneari italiani davanti a un ente certificatore oggettivo e indipendente. In particolare, gli stabilimenti balneari più strutturati (per esempio quelli con ristorazione, animazione, eccetera) non avranno grosse difficoltà a metterla in pratica, in quanto avranno già al loro interno degli adeguati sistemi di gestione; ma anche per gli stabilimenti più piccoli non si tratta di nulla di complicato. Anzi, la norma Iso 13009 consente di adattare il modello di gestione in base alle dimensioni dell’impresa, al tipo di litorale su cui sorge (sabbioso, scoglioso, in aree protette, eccetera) e ai regolamenti locali esistenti. Non si tratta insomma di una serie di regole immobili e assolute da seguire, bensì di requisiti adattabili alle differenti realtà, raccomandazioni, consigli e obiettivi per chi garantisce un livello di servizio adeguato, e che permettono di ottenere la certificazione Iso 13009.

Come detto all’inizio, il settore è in fase di cambiamento normativo e al momento c’è una legge approvata in parlamento che obbliga alla riassegnazione dei titoli tramite procedure selettive, nelle quali l’attuale concessionario dovrà dimostrare le proprie competenze e il livello di gestione dell’offerta e dei servizi: in questo senso, chi avrà la certificazione Iso 13009 sarà già avvantaggiato. Se poi il nuovo governo manterrà l’impegno di tutelare gli attuali concessionari, tutto ciò dovrà essere discusso e concordato con l’Unione europea; e se si potranno vantare migliaia di stabilimenti in possesso di un riconoscimento oggettivo, autorevole e accreditato a livello istituzionale in tutto il mondo, sarà molto più facile ottenere forme di salvaguardia per i concessionari esistenti. La semplice certificazione Iso 13009 è molto più efficace di mille discorsi sull’eccellenza e la peculiarità del settore balneare, proprio perché la dimostra coi fatti e non con le parole.

Istituto Giordano per la norma Iso 13009

Istituto Giordano è un ente di certificazione che può occuparsi di rilasciare la certificazione Iso 13009. Questo ente è caratterizzato da competenza dei tecnici, iter certificativo con tempi brevi di risposta, auditor altamente qualificati su tutto il territorio nazionale, multidisciplinarità dei servizi offerti.

Leggi maggiori informazioni sulla certificazione Iso 13009 di Istituto Giordano »

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'azienda

Istituto Giordano

Istituto Giordano

Tel. 0541 322200