Negroni No-Age, la versione light del classico cocktail italiano

Il bartender Christian Costantino mentre prepara il Negroni No-Age (foto di Berenice Verga)
Il bartender Christian Costantino mentre prepara il Negroni No-Age (foto di Berenice Verga)

Lo scrittore e drammaturgo George Bernard Shaw diceva che «le cose più belle della vita o sono immorali, o sono illegali, oppure fanno ingrassare». Il cocktail Negroni di illegale o immorale ai giorni nostri ha ben poco, ma siamo costretti ad alzare le mani se pensiamo al suo apporto calorico, con un sorrisetto un po’ beffardo che si riflette sul bicchiere. Potremmo però raccontare timidamente, con gli occhi lucidi di chi non vuole rinunciare alle giuste e piccole gioie della vita, che anche il Negroni, grande amico dell’aperitivo, potrebbe fare bene! Almeno questo vale per il “Negroni No-Age“, un nuovo cocktail brevettato da Christian Costantino, head bartender del Marina Del Nettuno Lounge Bar di Messina.

Gli ingredienti di base del “Negroni No-Age” sono quelli del classico Negroni: tre parti uguali di gin, vermouth e bitter. Ma se utilizziamo il Seven Hills Italian Dry Gin – un gin italiano con una gradazione alcolica leggermente minore – e aggiungiamo un po’ di tè al limone e citronella per aumentare la diluizione del drink, mantenendone ed esaltandone comunque il carattere e il gusto, ecco che il Negroni diventa un cocktail pronto ad abbracciarci calorosamente, ritardando il nostro invecchiamento (di qui il nome “Negroni No-Age”) con qualche effetto benefico in più, quindi, non solo sull’umore.

Essendo un antiossidante, il tè contrasta l’invecchiamento cellulare e protegge dall’attacco dei radicali liberi, tra i principali responsabili dell’invecchiamento. Inoltre la citronella ha proprietà antinfiammatorie, analgesiche, sedative e antisettiche, mentre il limone favorisce la disintossicazione dalle sostanze di scarto che accelerano l’invecchiamento. Ma la ricetta non è finita qui: il “Negroni No-Age” include infatti anche un po’ di miele alla curcuma, in cui le proprietà calmanti, antibatteriche e antisettiche del miele si mischiano a quelle antinfiammatorie e antiossidanti della curcuma, e un gambo di sedano, ricco di vitamine B, C ed E, ferro, calcio, potassio e beta-carotene, per proteggere la pelle dall’invecchiamento dovuto ai raggi solari.

Su tutto svetta però il Seven Hills Italian Dry Gin, distribuito da Pallini spa e caratterizzato da uno spirito aromatico e fruttato: con i suoi 43 gradi alcolici, leggermente agrumato al naso, Seven Hills è il frutto di sette spezie che vengono amalgamate e infuse fino a 15 giorni in una miscela versatile e ricca di storia e tradizione, con dolci note di melograno e camomilla romana bilanciate perfettamente dalla freschezza di sedano, carciofo, rosa canina, ginepro e arancia rossa. Distillato con Vacuum Pot Stil “sottovuoto”, per eliminare l’aria e far evaporare l’alcol etilico a temperature inferiori con un risultato più fine ed elegante e con aromi più delicati, il Seven Hills Italian Dry Gin «incarna perfettamente quello che chiamiamo lo “spirito italiano”», sottolinea il suo global brand ambassador Federico Leone.

La ricetta del “Negroni No-Age”

Ingredienti: 30 ml di Seven Hills Italian Dry Gin, 30 ml di bitter, 30 ml di sweet vermouth, 20 ml di tè infuso al limone e citronella, 1 cucchiaino di miele alla curcuma, 4 parti di un gambo di sedano.

Preparazione: versare in una boccia, in ordine, un cucchiaino di miele alla curcuma, il tè al limone e citronella, il Seven Hills Italian Dry Gin, il bitter, lo sweet vermouth e il sedano. Far sciogliere il miele mescolando bene gli ingredienti, chiudere ermeticamente la boccia e lasciare riposare tutto per un’ora minimo, a seconda di quanto si voglia più o meno intenso il profumo di sedano. Prima di bere, togliere le parti del gambo di sedano, che può essere mangiato a parte o asciugato ed essiccato per farne una polvere. Mescolare con del ghiaccio e filtrare in una coppa precedentemente raffreddata. Decorare con slice di sedano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Carlo Dutto

Carlo Dutto

Giornalista specializzato in food & beverage

Altri articoli su beach bar e ristorazione:

Condividi questo articolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *