Attualità

Maurelli: “Balneari in piazza a Roma per salvare le loro imprese”

L'organizzatore della manifestazione del 10 settembre lancia un appello alla categoria

«Sarà una manifestazione senza precedenti per chiedere al governo la salvezza delle nostre imprese, e se non avremo risposte, torneremo in piazza per tutto l’autunno». Claudio Maurelli è uno degli organizzatori dell’iniziativa che il prossimo 10 settembre a Roma chiamerà all’appello imprenditori balneari, tassisti, ambulanti, pescatori e ormeggiatori, ovvero tutte le categorie colpite dalla direttiva europea Bolkestein che prevede la messa a gara delle concessioni demaniali. «Ma le adesioni sono state così tante, che a unirsi saranno anche altre categorie in difficoltà come gli autotrasportatori, gli insegnanti scolastici, gli agricoltori e gli artigiani», spiega Maurelli. «Stiamo già lavorando a un documento unitario da presentare al governo e al parlamento, e non intendiamo fermarci qui».

L’appuntamento è in piazza San Giovanni alle ore 15, «e questo è solo l’inizio», sottolinea Maurelli. «Per la prima volta più categorie uniranno le forze per chiedere la salvezza di tutti, e se non la otterremo, organizzeremo altre manifestazioni sempre più grandi».

«Alcuni balneari pensano che il ddl concorrenza abbia già deciso tutto e che manifestare non servirà a nulla, ma non è vero: venire in piazza il 10 settembre a Roma significa aumentare le possibilità di vincere la causa e di cambiare le cose. Perciò tutti sono invitati a partecipare», conclude Maurelli. «In piazza non ci saranno bandiere di associazioni, né tantomeno simboli di partito e politici sul palco. Anzi, vigileremo affinché nessuno possa manipolare le nostre istanze. Di solito sono i sindacati che chiedono soluzioni alla politica, mentre noi faremo il contrario: la politica è in un momento di debolezza e dovrà venire da noi a chiederci come risolvere il problema».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Io credo che ci siano balneari che non sanno neanche cosa sta succedendogli.
    Alle manifestazioni a Roma non sono mai maincato (a.r. 1200km) e tutte le volte sul predellino (cassone pickup della salvamento) c era gasparri. Sottotitolo per i non udenti: Forza Italia che ha votato a favore della PORCATA. I sindacati a personaggi come questo hanno affidato le loro sacrosante e legittime istanze. Stavolta non ci sarò. Andrò invece alle manifestazioni dei tassisti, se dal caso, loro sanno come cosa e a chi chiedere per otternere. Ci sarebbe bastato il rispetto, neanche quello, pur soddisfare i pagliacci che dicono prendete e sbaraccate . I 5s avranno i voti di chi ha il reddito di cittadinanza, 2 milioni e 800 mila crocette. forza Italia e lega, qualcuno di quelli devono provare a convincere .Io voterò Giorgia. Se voglio sentire comizi, mi risparmio il viaggio a roma, e una denuncia per aver fatto quello che andrebbe fatto.

  2. MAURELLI tu mi inviti a venire in Piazza San Giovanni ha partecipare alla manifestazione. Perciò: verrei sapere come la pensi sul canone minimo? i no profit che hanno pochi metri quadrati di concessione, pagano come i concessionari che hanno 1050 mq. di spiaggia e forse anche noi andremo a gara. Pensionato di una concessione sopra uno scoglio dove non esiste spiaggia.

      • sono un concessionario, e i problemi sono diversi. Per il canone, se aumentano (lo potevano fare in ogni momento) quello di chi ha uno stabilimento balneare, il tuo canone restando quello attuale, diventa basso come di incanto. Che anche tu vada a gara, insieme ai cantieri nautici, lega navale, itticolture ecc in quanto concessionari lo trovo il minimo.O tutti o nessuno. Invece, ho paura che non sarà cosi, anzi, meglio prendere gratis delle aziende avviate che il tuo scoglio. Se è il mercato che comanda, deve comandare tutti, o ti inventi anche tu qualcosa che ti faccia guadagnare e che piaccia a chi selezionerà i vincitori, o “sbaracchi e porti via le tue cose” .Come piace dire ai proaste quando parlano del lavoro e quindi della vita degli altri. Perciò caro franco, tu sei pensionato, a me stanno dicendo che il mio lavoro è scaduto, e la mia azienda per prenderla gratis dicono che non vale niente. Questi e altri i motivi per cui devo votare Giorgia.

  3. Sono vent anni che non voto questa volta ho deciso di farlo e voterò per la dx quando però’ lì sentirò parlare dei balneari e fare delle promesse , anzi prima devono agire poi prenderanno il mio voto. Credo ne prenderebbero molti anche di quelli che non hanno mai votato dx. Pensateci cari politici voi come noi avete L ultima opportunità

  4. Sono un ex concessionario di spiaggia, vorrei dirvi che vi meritate quello che state vivendo cioè un incubo. Purtroppo non riuscire a capire che dx è sinistra sono ormai una sola cosa è grave. Non avete capito che è solo un teatrino per incantarvi? Loro rispondono tutti agli ordini dei burattini di Bruxelles che a loro volta rispondono agli ordini dei massoni americani (come si sta vedendo nella politica delle varie emergenze per annientarci dal punto di vista economico, sociale ecc..)
    Premesso che da 30 anni non voto più perché sono diventato nel tempo anarchico vorrei consigliare a quelli che andranno a votare di fare la croce su Italexit di Paragone. È l’unica vostra e di tutti, compreso i nostri figli, ancora di “salvataggio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.