Assobalneari-Confindustria

Licordari (Assobalneari): “Gravissime le parole di Calenda”

Il presidente di Assobalneari-Confindustria sulle dichiarazioni odierne del ministro.

Se qualcuno aveva ancora dei dubbi, oggi Calenda li ha spazzati via. Il ministro ci vuole mandare dritti alle evidenze pubbliche, dimostrando anche di non avere la più pallida idea di che cosa significa pagare il canone legato a una concessione, se lo paragona alla redditività che questa produce. E poi perché si vuole permettere a un “ragazzo” di aprire uno stabilimento balneare e non, per esempio, una rete ferroviaria o un’emittente televisiva? Dove sta la differenza?

Ritengo gravissimo che un ministro affronti un argomento così importante con questo pressapochismo da bar. Davanti a tanta avversione nei confronti della nostra categoria, mi domando che cosa vadano a fare Sib-Confcommercio, Fiba-Confesercenti e Oasi-Confartigianato all’incontro fissato con Calenda per il prossimo 14 marzo. Il ministro ci parla di registro sulla trasparenza quando lui, nel convocare le organizzazioni che gli hanno richiesto l’incontro, esclude Assobalneari perché è contro al ddl. Qui la trasparenza e la concorrenza sono un bel pretesto per fare invece una sostituzione di impresa, questa è la verita.

Assobalneari invita piuttosto tutti i balneari italiani alla manifestazione del 15 marzo a Roma per esprimere la propria contrarietà contro il ddl di questo governo e contro l’atteggiamento del ministro Calenda. Altre parole sono inutili: tutti in piazza insieme per difendere le nostre imprese!

© Riproduzione Riservata

Fabrizio Licordari

Presidente di Assobalneari Italia - Federturismo Confindustria