Attualità

Le 5 spiagge più pericolose del mondo

Sembrano paradisi, ma nascondono insidie

Sembrano angoli di paradiso, invece sono luoghi pieni di insidie. Stiamo parlando delle cinque spiagge più pericolose al mondo, che nonostante le apparenze, è meglio non scegliere per le prossime vacanze.

Cape Tribulation

Un nome, una garanzia. La spiaggia di Cape Tribulation in Australia è infestata di pericolose meduse che non provocano semplici punture bensì la morte: la loro scarica, infatti, è talmente potente da essere in grado di paralizzare tutto il corpo e quindi di provocare l’annegamento.

New Smyrna Beach

La spiaggia di New Smyrna Beach, in Florida, è conosciuta come la capitale mondiale degli attacchi di squali: colpa dell’elevata percentuale di rischio di essere attaccati da questi feroci animali del mare, la più alta al mondo.

Atollo di Bikini

Il suo aspetto incontaminato non lo lascia intendere, ma l’atollo di Bikini è un luogo estremamente radioattivo. Qui, infatti, sono stati svolti ben settant’anni fa dagli Usa dei test nucleari che ancora oggi rendono questo luogo molto pericoloso per gli essere umani.

Il cratere di 2 km di diametro dovuto a un test nucleare nell’atollo di Bikini

Hanakapiai Beach

Nelle isole Hawaii, la spiaggia di Hanakapiai è caratterizzata da fortissime correnti di ritorno che rendono un tuffo estremamente pericoloso: le onde dell’oceano non lascerebbero scampo e vi trascinerebbero al largo, senza possibilità di sopravvivenza.

Playa Zipolite

Il suo soprannome è “spiaggia della morte”. Se questo non vi bastasse, ecco la spiegazione: Playa Zipolite, sulla costa meridionale del Messico, sembra un’oasi mozzafiato, ma le sue acque sono note per le forti e potenzialmente fatali correnti sotterranee che hanno reso necessaria la presenza permanente di una squadra speciale di bagnini di salvataggio.

Playa Zipolite, Messico

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Avatar

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *