Norme e sentenze

Il rating di legalità delle imprese balneari e le responsabilità amministrative sul demanio marittimo

Negli ultimi anni è aumentata l’attenzione nei confronti degli stabilimenti balneari da parte di forze dell’ordine e di altre autorità che a vario titolo intervengono nella gestione del demanio marittimo. Per questo è importante, da parte dei titolari di stabilimenti balneari, adottare un modello organizzativo relativo alla prevenzione della propria responsabilità amministrativa nei malaugurati casi di contestazione dei reati previsti dalla legge 231/2001 (i cosiddetti “reati presupposto”), commessi nell’interesse o vantaggio della società, e da esponenti dei vertici aziendali o da soggetti sottoposti alla loro direzione e vigilanza (le cosiddette “figure apicali”).

Si tratta di un argomento di novità non ancora affrontato adeguatamente nel settore, e di cui occorre iniziare a parlare alla luce della legge 145/2018 che prevede, al termine del periodo transitorio di 15 anni, l’istituzione di un “rating di legalità” come requisito di partecipazione e/o punteggio premiale per chi partecipa alle evidenze pubbliche.

Nel video qui sopra è possibile ascoltare la relazione in merito, pronunciata il 13 ottobre 2021 nel corso di un seminario organizzato da Mondo Balneare alla fiera Sun Beach & Outdoor Style di Rimini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Luigi Roma

Avvocato e fondatore dello Studio Legale Roma, specializzato in diritto amministrativo e diritto demaniale marittimo. Giornalista pubblicista, è autore di diverse pubblicazioni nel campo del diritto e dell’economia.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *