Ambiente

Emergenza rifiuti spiaggiati, sono 11 ogni metro di costa

I dati finali del progetto ''Se butti male... Finisce in mare'', a cura di Legambiente e Corepla: su 15 spiagge monitorate, trovata una media di 1.136 rifiuti ogni 100 metri di arenile.

Più di 11 rifiuti ogni metro di spiaggia, di ogni forma, genere e dimensione. Rifiuti che continuano a invadere i nostri litorali a causa della cattiva gestione a terra, di sistemi di depurazioni inadeguati o dell’abbandono consapevole. A confermarlo sono i dati finali di "Se butti male… Finisce in mare!", la seconda edizione del progetto educativo dell’associazione ambientalista Legambiente e di Corepla, il consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica.

"Se butti male… Finisce in mare" in questi mesi ha coinvolto e visto impegnati 4.000 persone tra studenti, educatori, volontari e cittadini in Campania e Puglia. Quindici gli arenili monitorati nelle due regioni, per una superficie complessiva di 35.850 metri quadrati: in totale è stata trovata una media di 1.136 rifiuti ogni 100 metri lineari di spiaggia. Nello specifico in Campania sono state monitorate 8 spiagge (9.750 rifiuti trovati per una media di 1.219 ogni 100 metri lineari) e 7 in Puglia (7.283 rifiuti, con una media di 1.040 oggetti ogni 100). Ieri si è svolto l’appuntamento finale del progetto alla foce del fiume Sarno, tra Torre Annunziata e Castellammare di Stabia in Campania, con la pulizia straordinaria della spiaggia di Rovigliano.

La classifica dei rifiuti spiaggiati

La plastica si conferma il materiale più trovato e rappresenta l’84,3% dei rifiuti monitorati; a seguire ci sono vetro e ceramica (4,3%) e gli oggetti in metallo (4%).

Nella top ten degli oggetti più trovati troviamo i pezzi di plastica con dimensione tra i 2,5 e i 50 centimetri (che rappresentano il 10,7% del totale): si tratta di rifiuti che sono il risultato della frammentazione di oggetti in plastica non più riconoscibili. Al secondo posto ci sono i mozziconi di sigaretta, che rappresentano il 9,7% degli oggetti trovati e sono stati rinvenuti per la maggior parte (l’85%) nelle spiagge campane. Al terzo tappi, coperchi e anelli di plastica (7,5%).

Non mancano come al solito i classici bastoncini cotonati di plastica per la pulizia delle orecchie – che in Italia sono stati messi al bando dal 1⁰ gennaio di quest’anno e che rappresentano il 7,2% sul totale dei rifiuti monitorati. I pezzi di polistirolo, non riconducibili ad alcun oggetto riconoscibile, sono presenti per il 6%, e la stessa percentuale è rappresenta dalle bottiglie per bevande. Seguono le calze per la coltivazione dei mitili con il 5,7% e plastica monouso (4,6%). A chiudere la classifica ci sono i materiali da costruzione (mattoni e mattonelle, ceramiche, calcinacci, fibra di vetro e materiale isolante), con il 3,2% sul totale dei rifiuti, e infine buste e shopper con il 2,8%. Queste ultime due categorie di rifiuti sono state trovate per lo più sulle spiagge pugliesi.

Da dove provengono questi rifiuti?

La cattiva gestione dei rifiuti urbani resta la prima causa identificata della presenza di rifiuti sui nostri arenili, una categoria che include packaging (imballaggi, 31%), rifiuti da fumo (12%), materiali da costruzione (3%) e buste di plastica (3%). La maggior parte dei rifiuti insomma sfugge a una corretta gestione o proviene dagli scarichi non depurati, dall’abitudine di utilizzare i wc come una pattumiera, ma anche dalla cattiva gestione dei rifiuti domestici. «Per questo è importante incrementare le campagne di sensibilizzazione e informazione – sottolinea Legambiente – coinvolgendo anche le scuole e gli studenti. Con questo spirito è stato pensato il progetto “Se butti male… Finisce in mare!”, per ricordare e far capire come attraverso le proprie scelte e uno stile di vita più ecofriendly si possa prevenire il marine litter, imparando a differenziare di più e meglio i rifiuti, senza dimenticare che possono avere una seconda vita, come ci ricorda la sfida dell’economia circolare».

Un sodalizio importante

«I numeri della nostra indagine dimostrano ancora una volta che il marine litter è un problema che ci coinvolge da vicino», dichiara Stefano Ciafani, presidente di Legambiente. «Ridurre nei prossimi anni i rifiuti sulle nostre spiagge e nei nostri mari non è una sfida impossibile, ma va affrontata con determinazione. L’Italia da questo punto di vista sta facendo spesso da apripista, anticipando le direttive europee su questo fronte. C’è bisogno però dell’impegno di tutti noi. Dopo l’esperienza dello scorso anno in Sicilia, quest’anno abbiamo voluto coinvolgere i ragazzi delle scuole di Campania e Puglia per renderli non solo partecipi del problema, ma anche e soprattutto per evidenziare le soluzioni che passano sempre di più su politiche di prevenzione e sensibilizzazione, su una corretta gestione dei rifiuti a partire dalla raccolta differenziata e dal riciclo per sostenere e promuovere l’economia circolare».

«La lotta al marine litter inizia sui banchi di scuola», aggiunge Antonello Ciotti, presidente di Corepla. «Da 20 anni il nostro consorzio è in prima linea nella promozione della cultura del riciclo dei cittadini di domani per contrastare la dispersione dei rifiuti in mare o sulle spiagge e trasformarli in nuove risorse con evidenti vantaggi ambientali, sociali ed economici. Questa iniziativa si inserisce nell’ambito delle attività promosse da Corepla per monitorare lo stato di salute dei nostri mari e attivare nuove sperimentazioni di riciclo. La Campania e la Puglia detengono un patrimonio costiero unico, da preservare con una particolare attenzione ai fenomeni del littering; i dati del 2018 confermano che la direzione presa è quella giusta: in Puglia la raccolta differenziata degli imballaggi in plastica è cresciuta di oltre il 20%, mentre in Campania ha raggiunto quasi 21 kg per abitante (dato di poco superiore alla media nazionale). Ci auguriamo che le azioni collettive e le sinergie tra il mondo industriale, associativo e la società civile possano contribuire a raggiungere risultati ancora più ambiziosi».

In questi mesi gli educatori di Legambiente hanno svolto incontri periodici nelle 40 classi coinvolte nel progetto tra Campania e Puglia, portando avanti laboratori e attività ludico-didattiche, sia a scuola che sul campo, sul tema della prevenzione dei rifiuti. In Campania il progetto ha visto la partecipazione degli studenti dell’Istituto Comprensivo 1° Paolo di Tarso" di Bacoli; del III Circolo Didattico – Scuola Primaria di Mondragone; dell’IC Parini Rovigliano e del SMS Pascoli di Torre Annunziata e dell’istituto comprensivo Basilio Cecchi di Castellammare di Stabia. In Puglia, invece, sono stati coinvolti gli studenti delle classi del 17° Circolo Didattico – Poggiofranco di Bari; del 2° Circolo “Mons. Petronelli” di Trani; del DDS 7° Circolo Didattico “Giovanni Paolo II” di Barletta; dell’Istituto Comprensivo Margherita di Savoia – Circolo Didattico Giovanni XXIII di Margherita di Savoia; dell’Istituto Comprensivo – plesso Francesco Lanzillotti di Carovigno; dell’Istituto Comprensivo di Porto Cesareo e della Scuola Paritaria Maestre Pie Filippine di Otranto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Legambiente

Legambiente è un'associazione ambientalista italiana, fondata nel 1980.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.