Abruzzo Sib-Confcommercio

Emergenza erosione: Regione Abruzzo stanzia 500mila euro d’urgenza

I fondi saranno utilizzati per i ripascimenti necessari a ripristinare la spiaggia nei tratti dove è del tutto scomparsa.

La Regione Abruzzo ha stanziato in via straordinaria 500.000 euro per “interventi di somma urgenza” in seguito alle violente mareggiate che hanno fatto scomparire centinaia di metri lineari di spiaggia lungo tutta la costa, distruggendo alcuni stabilimenti balneari. Lo rende noto il Sib-Confcommercio Abruzzo, in seguito alla riunione tenutasi ieri mattina nella sede della Regione per fare il punto sulla grave erosione costiera che affligge l’intero litorale abruzzese.

«Il vertice si è tenuto nella sede del Dipartimento delle opere marittime e acque marine – informa Riccardo Padovano, presidente Sib Abruzzo – per definire gli interventi di somma urgenza da realizzarsi a seguito delle mareggiate dei giorni scorsi che hanno pregiudicato numerosi tratti della regione, con considerevole arretramento della linea di costa, arrecando anche danni alle strutture balneari e lambendo, in alcuni casi, strade e civili abitazioni».

Alla presenza del presidente della giunta regionale Luciano D’Alfonso, del dirigente Franco Gerardini e dei rappresentanti regionali del Sib-Confcommercio Riccardo Padovano e della Fiba-Confesercenti Giuseppe Susi e Antonio Latorre, si è convenuto di stanziare 500.000 euro per i litorali fortemente penalizzati, dove saranno effettuati interventi di ripascimento morbido convogliando la sabbia presente sui fondali antistanti dal largo verso la riva, mediante idrovore.

Si procederà mediante tre appalti differenti:

  • 180.000 euro con ente appaltante Regione Abruzzo per i Comuni di Pineto, Silvi e Roseto degli Abruzzi;
  • 150.000 euro con ente appaltante Regione Abruzzo per il Comune di Francavilla al Mare limitatamente ai circa 600 metri di costa a partire dal confine con Pescara;
  • 80.000 euro con ente appaltante Comune di Casalbordino, cui si aggiungeranno ulteriori 100.000 euro già stanziati dallo stesso Comune per la problematica erosiva.

«Nel corso della riunione – informa il Sib – sono stati definiti anche i tempi degli interventi: entro il 25 aprile saranno definiti gli aspetti amministrativi e burocratici, successivamente i lavori saranno appaltati e conclusi entro l’inizio della prossima stagione balneare in modo da garantire l’allestimento delle spiagge interessate».

«Infine – conclude la nota -si è appreso che sulla banchina del molo di levante del portocanale di Pescara sono in corso da alcuni giorni le caratterizzazioni dei sedimenti da parte dell’Arta per verificare la loro compatibilità con il ripascimento delle spiagge. Se le verifiche dovessero dare esito positivo, la Regione Abruzzo destinerà tale materiale per il restante territorio del Comune di Francavilla al Mare, che presenta molte zone compromesse, con strutture balneari praticamente in acqua e spiagge ridotte a zero, analogamente a quanto avvenuto lo scorso anno tra i Comuni di Vasto e Casalbordino».

 

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: