Ambiente

Detenuti puliscono 6 spiagge italiane, raccolti 4000 kg di rifiuti

Un evento di pulizia ambientale delle spiagge, ma soprattutto di integrazione sociale. È quello andato in scena ieri mattina in sei località balneari italiane grazie alla rinnovata sinergia tra Seconda Chance, associazione del terzo settore che fa da ponte tra carceri e aziende per creare opportunità di reinserimento, e Plastic Free Onlus, l’organizzazione impegnata dal 2019 nel contrastare l’inquinamento da plastica.

Circa 350 volontari sono entrati in azione con al loro fianco una cinquantina di detenuti provenienti da nove penitenziari (Cagliari, Livorno, Secondigliano, Palmi, Locri, Laureana di Borrello, Bari, Ancona Montacuto e Ancona Barcaglione) e meritevoli di un permesso premio concesso dalla magistratura di sorveglianza.

Oltre 4.000 chili il “bottino” complessivo tra plastica, rifiuti e oggetti ingombranti di cui sono stati liberali i litorali di Ancona (spiaggia Portonovo), Bari (spiaggia Pane e Pomodoro), Cagliari (piazzetta Fernando Pilia), Castel Volturno a Caserta (Oasi dei Variconi), Livorno (piazzale dei tre ponti) e Palmi a Reggio Calabria (La Quiete-Angolo Verde).

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: