Eventi Puglia

Convegno al Tar Lecce sulle concessioni demaniali marittime

Il Tar Puglia e gli Ordini degli avvocati di Roma e di Lecce organizzano un convegno sulle concessioni demaniali marittime, in programma oggi dalle 16 alle 18 nella sede del tribunale amministrativo di Lecce (via Rubichi 23/A). L’iniziativa si intitola “Le concessioni demaniali marittime in riferimento alle sentenze dell’adunanza plenaria del Consiglio di Stato n. 17 e 18 del 9 novembre 2021 e agli sviluppi legislativi in corso”.

Interverranno al convegno Antonio Pasca (presidente Tar Lecce), Ilarione Dell’Anna (già vicecomandante generale della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera) e gli avvocati Francesco Miraglia e Gianluigi Pellegrino. Le conclusioni saranno a cura di Filippo Lubrano (presidente della Società italiana degli avvocati amministrativisti).

Sono inoltre previsti gli indirizzi di saluto di Antonio Tommaso De Mauro (presidente del consiglio dell’Ordine degli avvocati di Lecce), Antonino Galletti (presidente del consiglio dell’Ordine degli avvocati di Roma) e Stefano Bertollini (consigliere nazionale forense). Introduce e coordina Enrico Lubrano (consigliere dell’Ordine degli avvocati di Roma).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Pasca e’ scatenato, ha chiamato attorno a se molti personaggi noti non certo per condizionare la giustizia amministrativa 😉

      • carlo non si circondera’ certamente di personaggi come patroni griffi ed in ultimo d alberti ( che molto probabilmente ha scritto le sentenze contro di noi )che sono i bracci armati di draghi ….come dire vi in….lo perche’ io so io e voi non siete un ca..o…i tuoi amici 5m ora non ci sono piu’ e c e’ un governo eletto con maggioranza assoluta…hai letto il programma della meloni e del centrodestra?io non do per scontato nulla tutto puo’ accadere specialmente in momento dove il lavoro latita le bollette sono assurde e le tensioni sociali potrebbero sfociare in rivoluzione…si dovra’ trovare un equilibrio tra le nostre imprese tutti gli investimenti fatti e chi vuole entrare….draghi non ci rappresenta ne tantomeno griffi personaggio molto discutibile al pari di d alberti per non parlare di giavazzi…….non lasceremo le nostre attivita e la nostra vita a queste sanguisughe non elette….

  2. Non lascerete cosa? Le attivita ve le portate dove volete, la spiaggia la dovete lasciare in forza:

    Della legge nazionale
    Della legge comunitaria
    Della sentenza della Corte di Giustizia
    Delle sentenza della Plenaria
    Delle sentenze della giustizia Costituzionale ,amministrativa, penale, civile, e della Corte dei Conti

    Non basta?
    Dell Autorita’ nazionalE ANTICORRUZIONE,
    Dell AGCM

    Vorra’ dire che a sgoberete sara’ la forza pubblica, che si rifara’ su di voi per le spese sostenute, perche come dici le twnsioni sociali sono assurde e la gente non vi permetterea’ di sfruttare Ancora n modo esclusivo il demanio.

    E basta

    • carlo perchè non vieni tu a dirmelo di lasciare l attività ? ti aspetto fenomeno da tastiera…..quale legge nazionale? quella fatta da draghi non eletto? i decreti attuativi li conosci?e se questi decreti attuativi diranno tutt altra cosa di quello che continuamente paventi ogni santo giorno sul portale che fai? chiami rustichelli o il cds?…..forse non hai capito che è il nuovo governo che farà i decreti e nessun altro …a breve avrai un brusco risveglio te lo posso garantire…. autorità anticorruzione di che? agcm di che? non mi sembra che agcm sia intervenuto contro la speculazione in atto contro il caro bollette o contro i benetton( gli farebbero un culo gigantesco cosi è meglio prendersela con i balneari vero?o che anac abbia fatto presente a draghi che nel suo discorso d insediamento non abbia mai parlato di mafie e corruzione oppure dei 9 miliardi di euro dato ai benetton come buonuscita….sarebbero queste le autorità che dovremmo rispettare? oppure il cds dove patroni griffi incontra gli emissari di draghi per sapere se ci avevano inculato per bene? o d alberti giurista personale di draghi messo alla corte costituzionale da mattarella in palese contrasto per conflitto d interessi…questi sarebbero le grandi autorità da rispettare…linoltre ci sono tre ricorsi in corte di giustizia europea e nulla è tracciato ….solo la consapevolezza che al governo c è una persona che democraticamente abbiamo votato e non gli sciacalli che ci hanno portato a questo disastro cioè i tuoi amici carlo… .me ne fotto di quello che tu dici comprese corti e cortigiani che nulla hanno ha che vedere con la realtà dei fatti…e cioè che siamo in presenza di furti aziendali …le tensioni sociali ci saranno e la gente non sarà certamente dalla tua parte caro chiacchierone perchè questa estate in tutte le spiagge d italia è stato spiegato molto bene quali sono le intenzioni di questi sciacalli…e finiscila di dire che sfruttiamo il demanio…..sei un frustrato della vita che vigliaccamente si nasconde dietro una tastiera…..vivi la tua vita e lascia in pace quelle degli altri…..

      • carlo pizzulli says:

        Te ne fotti dei Tribunali..?be sai come funziona se non rispetti le sentenza.
        Sei tu un frustrato della vita che vuoi continuare a godere in esclusiva di un bene collettivo,e smettila con le stupidaggini complottiste.Svegliati

        • Carlo tu sei un povero demente ignorante, sicuramente un comunista e prendi il reddito di cittadinanza, vai a lavorare

          • Buongiorno, per caso mi sono ritrovato a leggere i vostri insulti gratuiti. Sono un cittadino comune è ho un idea su questo argomento già da tempo. L’errore è stato fatto dal principio cioè far costruire un attività commerciale con un demanio. Cioè la ragione è da entrambe le parti : io ho costruito la mia fonte di guadagno con la quale do da mangiare alla mia famiglia e ora me la volete togliere?…. È anche vero però; perché solo le stesse persone possono sfruttare un demanio considerandolo ormai proprio e avere una certezza anche da lasciare in eredità? … Quindi secondo me bisognerebbe trovare un giusto compromesso e delle leggi sull’argomento che vadano bene a tutti e se riuscirebbero a far ruotare la concessione non ci saranno più di questi problemi.

  3. Carlo non ti preoccupare le lasceranno hai cinesi e noi italiani andremo a mangiare il pollo flitto.Ma quanta invidia da persone fallite che non sanno altro che sputare sentenze.

  4. Le attività sono nostre ,hai detto giustamente e se le vuoi le paghi e le paghi con un adeguato indennizzo ipocrita,cosa pensavi di prenderti gratis il ns sudore il nostro know hiw la nostra idea di impresa…….sei il solito furbacchione italiano opportunista..vai a lavorare che noi non ti regaliamo nulla parassita…. .

    • non ti pago proprio niente,la concessione era ed è a tempo,finita la scadenza lascia il nostro bene pubblico ..e il tuo sapere te lo porti da altre parti oppure partecipa alla gara.ipocrita e parassita sei tu che vuoi sfruttare il mio bene in eterno

      • Hai detto bene. Però ricominciare con altro se non funziona, qualcuno ci rimette, e sai chi
        Perché non imporre un fatturato, un numero di addetti, un valore al prezzo del nuovo di tutta l’ attrezzatura che si porta via l uscente? E il tutto garantito da una fideiussione? Se sei da parte degli italiani può essere una soluzione.
        Perché no?

        • Scusa max non capisco perché chi vince ti dovrebbe pagare “un valore del prezzo a nuovo” per roba usata..al massimo al prezzo corrente dell’usato..se mi spieghi perché dovrei pagare a te della roba usata al prezzo del nuovo e non del nuovo veramente!

          • ho capito che non hai capito è che sicuramente non ê la sola cosa che non capisci .
            Seguendo il vostro ragionamento all uscente non va riconosciuto NULLA. l’ azienda ê scaduta sbaracca e porta via le tue cose guadagno indebito libertà di impresa ecc ecc.
            Lo stato dovrebbe pretendere dalla entrante che si dotasse per lavorare e incassare di attrezzatura nuova non usata ma comprata in numero uguale alla attrezzatura dell’ uscente, ( che se l ê dovuta portare via perché non ê giusto riconoscergli qualcosa)per garantire a me stato che tu assumi e fatturi come l uscente.e siccome potresti essere un delinquente , mi garantisci con fideiussione la tua promessa.

        • Nikolaus Suck says:

          A parte la assurdità di voler “imporre un fatturato” ad un’impresa, che manco in Unione Sovietica, ma poi la vorrei tanto vedere la maggioranza dei fatturati dichiarati da garantire e imporre…ho come l’impressione che con i controlli e requisiti di gare e bandi sui nuovi concessionari in molti casi potrebbero improvvisamente, non so, quintuplicarsi da soli, come per magia e senza dover “imporre” nulla. Ma naturalmente è solo una oziosa speculazione personale…

  5. Andrea c,perfettamente in linea e nel pieno rispetto delle regole e clausole che regolano i contratti concessori sul Demanio dello Stato.Furbacchione Italiano!

  6. Luci
    Balneari ridicoli e anacronistici, mi chiedo e chiedo ai pro-aste come si potesse fare una legge sulla concorrenza e lasciare fuori i balneari che usufruiscono di un bene pubblico. Una categoria di mappatari fuori tempo massimo che non vogliono capire che i tempi sono cambiati, i giochi sono fatti e nessun governo potrà tornare indietro nei riguardi della Bolkestein .
    Qualora la Meloni ci provasse il governo cadrebbe immediatamente!! e comunque alla fine del 2023 in assenza di una regolamentazione la Magistratura metterebbe i sigilli a tutti gli stabilimenti italiani.
    Devo ammettere che l’agonia, l’angoscia, la frustrazione che stanno vivendo i balneari in questo periodo mi diverte immensamente. Sarà che sono un frustrato dalla vita, bo….. o forse perché vivendo in un paese di mare conosco bene la situazione di questi medioevali signorotti .

    Saluti ai figli del sole /Luci

    • Esatto Luci…..se fossero ben informati da chi li rappresenta saprebbero che la sulle concessioni balneari la Legge e’ in vigore,non e’ piu’ una cosa astratta.E che e’ stata vista dalla Commissione Europea che ha detto che va’ benino,ma da correggere nei decreti attuativi sulle troppo preferenze ai concessionari uscenti.Su questo deve lavorare Giorgia. In campagna elettorale non hanno detto che le Leggi di riforma approvate e legate al Pnrr sono sottoposte a clausole di non reversibilita’ proprio per scongiurare che ad ogni cambio di Governo vengano modificate,annacquate o peggio cancellate.

  7. Anche una qualsiasi attività commerciale quando scade un contratto di affitto e il proprietario del locale non lo vuole più affittare, chi lo ha in affitto deve sgombrare, non capisco perché i stabilimenti balneari devono avere affitti da 50 anni di contratto, ora stanno scadendo, fatevene una ragione, per gli indennizzi si vedrà, sta di fatto che il mare e la spiaggia non è vostro, andatevi a comprare gli stabilimenti su terreno privato, spendete i soldoni, e poi potete accampare diritti, buona giornata

  8. Luci
    A dire il vero pensavo ad una reazione più battagliera dopo il mio cattivello contributo da parte dei rappresentanti balneari che normalmente stazionano in questo sito.
    Evidentemente la rassegnazione è tale che il morale degli sfigati è ai minimi termini, sotto i tacchi.
    A questo punto mi fanno quasi tenerezza anche perché parliamo di persone senza arte ne parte, quindi destinate ad andare a raccogliere i cartoni per vivere, che purtroppo oggi non valgono quasi niente.
    Comunque tanti auguri e Saluti ai figli del sole / Luci

  9. Luci
    Non meriti risposta siete dei falliti invidiosi del lavoro degli altri, poveretta pensi che tu saresti in grado di aprire una attività del genere,se ti tolgono il lavoro a lei vediamo se sei stressata ignorante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.