Attualità

Cassazione: ”Tarsu più alta per stabilimenti balneari”

La Corte legittima la diversità di applicazione rispetto ai campeggi sul mare.

È legittimo, per un’amministrazione comunale, chiedere una Tarsu più elevata agli stabilimenti balneari rispetto ai campeggi. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la recente ordinanza n. 22010/2017, che si è espressa in merito alla delibera del Comune di Bari relativa alla tassa sullo smaltimento dei rifiuti soliti urbani.

Il Comune di Bari aveva individuato tre categorie tariffarie per il pagamento della tassa che erano specifiche per stabilimenti balneari e campeggi: la categoria n. 12 per gli stabilimenti balneari (10,32 euro/mq); la categoria n. 13 per i campeggi (4,68 euro/mq) e la categoria n. 18/12 per le aree all’aperto destinate ad attività industriali e balneari (10,32 euro/mq). Ma la commissione tributaria regionale di Bari aveva disapplicato la delibera comunale, ritenendo che per gli stabilimenti balneari fosse applicabile la tariffa più bassa prevista per i campeggi, essendo le due attività comprese nella stessa macroarea di cui all’art. 68, lettera d) del Dlgs 507/1993.

La Cassazione ha tuttavia accolto il ricorso del Comune, sottolineando che «uno stabilimento balneare si pone come un complesso organizzato di beni e servizi che consentano la fruizione delle attrezzature a supporto della balneazione», e pertanto «come tale, certamente si distingue da spiaggia annessa a campeggio». Di conseguenza la diversa classificazione ai fini del pagamento Tarsu appare secondo la Cassazione rispettosa dei criteri («segnatamente definiti “di massima”») del Dlgs 507/1993. In conclusione, la Corte ha chiarito che la disciplina tariffaria comunale non è in contrasto con i princìpi stabiliti dalla norma di rango primario.

Tale questione era stata peraltro già risolta con l’introduzione della Tari dal 2014, per la cui determinazione delle tariffe sulle utenze non domestiche i Comuni devono fare riferimento ai coefficienti di produttività indicati nelle apposite tabelle del dpr 158/1999, che distinguono i campeggi dagli stabilimenti balneari.

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: