Campania Eventi

Camerota, giornata formativa per i balneari sui nidi di tartaruga

Lunedì al Lido Penelope gli esperti spiegheranno come riconoscere e tutelare le uova di caretta caretta

Come riconoscere la traccia lasciata da una tartaruga marina sulla sabbia quando nidifica? Quali sono i comportamenti corretti per non disturbare l’animale mentre cerca il luogo più appropriato per deporre le uova? Come evitare di arrecare danni al nido? Sono soltanto alcuni degli argomenti che saranno trattati nel corso della giornata di informazione a favore degli operatori balneari organizzata dalla rete “I Lidi del Parco”, Legambiente, Wwf, Fiba-Confesercenti Campania, Comune di Camerota e dal network per il monitoraggio delle nidificazioni di tartaruga marina in Campania coordinato dalla Stazione Zoologica Anton Dohrn. L’evento è in programma lunedì 7 giugno alle ore 11 al Lido Penelope di Marina di Camerota.

«La Campania, e in particolare il Cilento, è l’area del Mediterraneo occidentale dove la nidificazione delle tartarughe marine avviene con maggiore frequenza, nonché l’unica in cui ciò si verifica regolarmente fin dal 2012», spiega Sandra Hochscheid, coordinatrice del netwoork di monitoraggio delle nidificazioni di tartaruga marina in Campania. «Quella passata è stata l’estate dei record con ben 32 nidi censiti, di cui 27 lungo le coste cilentane da Ascea ad Acciaroli, da Marina di Camerota a Palinuro. Un risultato eccezionale ottenuto nell’ambito del progetto finanziato dal Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni e reso possibile anche dal costante sostegno ricevuto dalle amministrazioni locali».

Aggiunge Raffaele Esposito, presidente di Fiba-Confesercenti Campania: «L’obiettivo per quest’anno è quello di potenziare ulteriormente la rete a supporto del network di monitoraggio delle nidificazioni nel Cilento. Crediamo fermamente che le istituzioni, unitamente all’ente parco e agli enti locali, debbano investire concretamente e sempre di più nelle politiche di tutela, imprenditoriali e del territorio, che rappresentano poi il miglior viatico per il cosiddetto ecoturismo, fondamentale per lo sviluppo di azioni di marketing territoriali. I nostri imprenditori turistici e balneari virtuosi della costa del Parco sono da sempre attenti alle tematiche della sostenibilità e della protezione della natura, attraverso la progettualità e la rete “I Lidi del Parco” abbiamo assicurato loro nel corso degli anni con importanti sinergie istituzionali, la giusta formazione professionale, un know how fondamentale per sensibilizzare le imprese e i propri rappresentanti. Attraverso la rete siamo impegnati nell’ambito delle attività turistiche a creare e favorire il giusto equilibro, anche amministrativo, tra la necessità di fare impresa e le esigenze di rispetto del paesaggio e del territorio. Soltanto in questo modo favoriremo vere politiche legate alla sostenibilità».

Prosegue Mario Salvatore Scarpitta, sindaco di Camerota: «Il progetto in atto con la Stazione Zoologica Anton Dohrn continuerà anche negli anni a venire per garantire le azioni di monitoraggio delle nidificazioni di tartaruga marina sulla costa cilentana. Le tartarughe a Camerota tornano infatti ogni estate ormai da anni e nidificazioni e avvistamenti saranno sempre di più per una serie di motivi molto semplici: la qualità del mare, la protezione della biodiversità, l’educazione dei cittadini e dei turisti rispetto ad alcune pratiche ambientali, sono ormai aspetti radicati e peculiarità che vengono difese ogni giorno. Da parte dell’amministrazione comunale c’è un impegno costante, come dimostrano i fatti: con l’inaugurazione di tre impianti di depurazione nell’arco di un anno, per esempio, abbiamo tutelato ancora di più la bellezza del nostro mare e un vessillo europeo molto ambito, la Bandiera Blu. Insieme al riconoscimento della Fee, lungo le nostre coste sventolano anche la Bandiera Verde, la Bandiera Gialla e le 5 Vele di Legambiente. Inoltre l’attenzione dei media verso Camerota e le sue bellezze cresce in modo esponenziale e i risultati sono sotto gli occhi di tutti».

Un’impronta sulla sabbia è spesso l’unico indizio che una tartaruga marina lascia dietro di sé dopo aver nidificato. Effimera, scompare poco dopo e con esso la possibilità per i ricercatori di intervenire per proteggerlo. Per questo gli operatori balneari e gli addetti alla pulizia degli arenili sono il primo fondamentale anello della catena di tutela di questo bene prezioso. Attraverso postazioni stabili sui litorali questo sodalizio estivo potrà indubbiamente dare maggiori e migliori risultati rispetto a quelli già ottenuti oggi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *