Attualità Cna Balneari Sindacati e associazioni

Balnearia, concluso il direttivo Cna Balneatori

Il coordinatore Tomei: "Domattina dall'assemblea unitaria dei sindacati e delle imprese scaturirà un forte segnale al governo: no all'evidenza pubblica e no alle aste".

Si è appena concluso il direttivo nazionale di Cna Balneatori, tenutosi a Marina di Carrara nell’ambito del 13° salone espositivo Balnearia organizzato da Carrara Fiere. Il direttivo di Cna Balneatori ha aperto il palinsesto delle riunioni dei quattro direttivi delle quattro organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative in campo nazionale (Sib-Confcommercio, Cna Balneatori, Fiba-Confesercenti e Assobalneari-Confindustria ), prima dell’importante assemblea unitaria che si terrà domattina con inizio alle ore 11.

Ecco, in sintesi, quanto affermato dal coordinatore nazionale di Cna Balneatori, Cristiano Tomei, e approvato dal direttivo.

Gli incontri di Balnearia possono costituire un’occasione per fare un ulteriore passo avanti per ottenere il riconoscimento della specialità, in ambito europeo, del sistema balneare italiano. L’unicum turistico-balneare italiano, oltre alle elevate eccellenze in termini di qualità dei prodotti offerti, rappresenta con il suo sistema economico una costante costiera peninsulare di prestazioni pubbliche (salvamento e quindi pubblica incolumità, sicurezza, occupazione e quindi lavoro, eccetera), che per definizione degli stessi principi assodati in Europa non ne prevederebbero in nessun caso l’evidenza pubblica. Ma il punto non è questo, o meglio non è solo questo. Tutto il panorama sindacale, economico, politico e delle istituzioni regionali e comunali vuole una cosa sola : no all’evidenza pubblica e non alle aste delle attuali imprese balneari. Ora tocca al  governo italiano manifestare formalmente in ambito europeo (Commissioni e Consiglio) la volontà della deroga e l’intenzione di ricostruire un quadro normativo che tuteli gli investimenti effettuati dalle attuali imprese e garantisca ad esse certezze e garanzie per il proprio futuro ben oltre la scadenza del 31 dicembre 2015 scongiurando, inequivocabilmente, l’evidenza pubblica e le aste che altro non farebbero che smantellare inesorabilmente i sacrifici di una vita di trentamila famiglie italiane. Domattina, con la manifestazione unitaria, ribadiremo la compattezza sindacale attorno al documento unitario approvato ad ottobre 2011, e chiederemo al governo di dare mandato concreto a quanto asserito al termine del già citato incontro del 23 febbraio scorso a Roma, ossia chiedere la deroga e la non applicabilità della Direttiva Servizi al sistema turistico balneare italiano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Cna Balneari

Cna Balneari è la sezione di Cna (Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa) che associa i titolari di stabilimenti balneari.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.