Attualità

Balneari, Turco (M5S): “Equilibrio tra spiagge libere e a pagamento”

Il senatore pentastellato: "Siamo vicini alle imprese, ma non regaliamo false speranze"

«Sulla questione delle concessioni balneari la posizione del Movimento 5 Stelle è sempre stata quella di un giusto punto di equilibrio fra gli interessi dello Stato a valorizzare il patrimonio pubblico e a riscuotere congrui canoni, la tutela delle imprese e delle attività produttive anche per l’accesso al mercato, la salvaguardia dell’interesse dei consumatori nel poter scegliere se usufruire di servizi a pagamento piuttosto che pubblici e il rispetto dei diritti dei lavoratori con l’introduzione della clausola sociale di continuità lavorativa». Lo spiega in una nota il senatore pentastellato Mario Turco (nella foto).

«Come Movimento 5 Stelle abbiamo definito la proposta governativa un buon inizio, poiché ricalca il lavoro effettuato da noi in occasione dell’emendamento a mia prima firma presentato nella manovra 2022, che è stato un punto di partenza. Gli emendamenti verranno discussi nelle prossime settimane e ci aspettiamo vengano accolti per risolvere una volta per tutte questa questione che si trascina da oltre dieci anni», prosegue Turco.

«Noi siamo vicini alle imprese, è bene sgomberare il campo da dubbi e perplessità. Ma non regaliamo illusioni e non facciamo propaganda, e soprattutto diciamo basta alle strumentalizzazioni. Siamo costruttori di soluzioni, la nostra parola d’ordine è sempre stata equilibrio e risolutezza. In questi mesi abbiamo fatto un grande lavoro accanto a imprese e operatori del settore, insieme alle associazioni, condividendo idee, proposte e soluzioni», aggiunge il senatore.

«Vogliamo dare certezza a un settore che nell’ultimo decennio ha vissuto nell’incertezza giuridica, di false speranze e di promesse illusorie di buona parte della politica», conclude Turco. «Vogliamo tutelare l’interesse pubblico, ma allo stesso tempo intendiamo sostenere chi opera da anni in maniera virtuosa: ci sono investimenti e know how da non disperdere. Da parte nostra c’è la massima disponibilità a continuare a lavorare nell’interesse del paese, delle imprese del settore, dei lavoratori e degli utenti. Ci saranno davanti giorni e settimane di lavoro in commissione al Senato, e solo confrontandosi costantemente si potrà arrivare alla migliore soluzione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Soprattutto dite Basta alle strumentalizazioni ???? Ma se era vostra la proposta di proroga per 15 anni quando c’erano l’elezioni e al governo c’eravate anche voi quando è stata approvata la legge…..io proprio non c’è la vedo tutta sta coerenza!!

    • Se i 5 stelle hanno a cuore le imprese non facciano ostruzionismo ma trovino una soluzione per tutelare le imprese esistenti,avete fatto già molti danni all Italia e chi paga siamo noi siate coerenti se volete ancora qualche consenso,altrimenti siete destinati a sparire

  2. Per fortuna sparirete fra poco, se continuate con la politica del tolgo a chi fa per redistribuire a chi non fa allora vi auguro buona fortuna già dalle prossime amministrative. Non oso immaginare alle politiche, eppure conte in un certo senso aveva capito il problema.

  3. mah si!!!!!!!!! non vendiamo false speranze, non tuteliamo chi già lavora e paga il giusto!!!! tanto chiederemo tutti il reddito di cittadinanza ed un bel giorno quando la giostra si fermerà troveremo le multinazionali ed personaggi vari al nostro posto nel nostro lavoro costruito con il sudore e sacrifici. Grazie 5 stelle, grazie Europa, grazie stato Italiano (inteso come prodi e chi dopo di lui) che ti occupi delle tue imprese, dell’italianità e soprattutto del popolo italiano………………vergogna venduti che non siete altro.

  4. Fate in modo che i canoni minimi di una boa o di una concessione di pochi metri quadrati non sia 2500 euro + 250 di tassa Reg.

  5. Caro Turco, la proposta governativa approvata dal Consiglio dei ministri (dove avete la maggioranza relativa) “curiosamente” modificata rispetto all’originale, già penalizzante per la categoria dei balneari, eliminando persino il valore aziendale, ti sembra davvero un “buon inizio”? Siete proprio convinti di fare una cosa buona e giusta per gli italiani ed in particolare modo per 30.000 piccole imprese familiari, che, contrariamente a quanto raccontano i “vostri” media, hanno fatto del bene a questo Paese? Non vi viene il sospetto che sta per verificarsi un AUTENTICO DISASTRO ad esclusivo danno dell’Italia? Fate ancora in tempo a modificare i vostri “piani”, siamo tutti qui ad osservarvi.

  6. Teo Romagnoli says:

    Pensate di abbindolare noi imprenditori con sti giri di parole, “vicino agli imprenditori, dialogo, risolutezza” NON SIETE CAPACI ad amministrare non vi rendete contro dei danni che causate quando dite e fate certe cavolate..questa è la politica? Voi dovreste mettere chiarezza ad un settore che è in balia delle onde proprio da quando è in mano vostra !! Non pensavo mai di dirlo.. MA VOGLIAMO TORNARE SOTTO I MILITARI della guardia costiera.. ignoranti come la peste.. ma almeno non facevano i danni che avete fatto voi. INCOMPETENTI !

  7. Loro fanno schifo è alle prossime politiche spariranno del tutto……ma chi ci ha tradito sono altri è loro lo sanno benissimo!!!!! E c’è lo ricorderemo….

  8. Tutti ignoranti a parte i balneari..ora anche la guardia costiera presso cui forse andavi con il cappello in mano a differenza del funzionario comunale preoccupato dalle pressioni della politica. Forza che presto si spiaggera

    • diariosergio infatti ti spiaggerai come un balenottero…pensa che a breve ti saranno notificati gli atti e l’ art. 68 non ti salvera’ ma dovrebbero applicarti il 28 cosi ti renderai conto che la vita non e’ nascondersi dietro una tastiera e lucrare sulle povere persone inermi e oneste …. cosa credevi che stessi scherzando? non meriti nessun rispetto ne tu ne i tuoi amici.

  9. Antilobby says:

    …… stamattina ho visto la trasmissione tv ‘ “”mi manda Rai 3”””” nella quale affrontava la questione demaniale….. nel corso di tale trasmissione faceva vedere la situazione di Ostia ove lungo la passeggiata non si vedeva il mare perché vi era stato costruito un muro di recinzione e i pochi accessi al mare erano chiusi (sembra di essere al tempo della Germania dell’est con il muro)….. questa è la dimostrazione della non gestione del bene demaniale da parte dello Stato….. ora per riportare la legalità lo Stato dovrebbe far rimuovere a spese del concessionario tali opere anche quelle condonate oppure revocargli la concessione….

    • ci sono 7000 km di spiagge libere e ancora che parli…perchè non dici anche che scaiola al tuo amico di legambiente su rai3 ha anche detto che il 40% di spiagge libere è in liguria….e poi parli di ostia….sei proprio un incompetente perchè se avessi preso la briga di consultare la mappatura della regione lazio avresti letto che sui 245 km di coste solo un 20 % è occupato e il resto è libero…finitela di dire cazzate perche se il governo dei pagliacci non eletti non proteggerà la categoria sarà la loro fine ….vi aspettiamo alle prossime elezioni vedrete quanti ne saranno eletti del governo dei migliori e chi arriverà cambierà tutte le schifezze che avete fatto affamando un popolo intero.

      • Antilobby says:

        …… sono tutti dati da verificare …… ma la questione di Ostia e stata documentata dal servizio televisivo……. Visto che tu sei un balneare di Ostia (così tempo fa avevi detto in chat) dovresti saperlo……. È recintato con un muro anche il tuo bagno?????? …. Ti sembra giusto?????

      • Antilobby says:

        …… quando un bene è soggetto a concessione come le spiagge è per sua natura è limitato…… può capitare anche ci siano zone ancora non sviluppate che possono essere date nuove concessioni ma per questo non si può dire che le spiagge siano un bene illimitato….

        • Antilobby says:

          …….. sei bravo a fare proclami ed a dare “””””incompetenti alle persone”””” che possano avere un pensiero diverso dal tuo………. ma quando ti fanno domande che ti riguardano ti eclissi….

  10. Antilobby says:

    ……. È giusto tutelare anche i cittadini che vogliono usufruire delle spiagge libere per vari motivi che possano essere economici e non…… per questo lo Stato nell’effettuare la riforma deve mettere a livello nazionale un obbligo che ogni comune marittimo nel gestire le proprie concessioni marittime deve obbligatoriamente adibire almeno il 30% del proprio demanio marittimo a spiaggia libera…. In caso di superamento il comune interessato, previo pagamento di una sanzione, deve ripristinare anche tale limite…

    • Antinulla guarda che già è così nella maggioranza dei comuni…non c’è in quei comuni e zone dove è nato il turismo balneare…turismo nato più di un secolo fa e a quei tempi nn c erano tutte queste regole…ora pretendete che in un posto come la Versilia o la costa romagnola vengano abbattuti il 50% degli stabilimenti per far posto a spiaggia libera che porterebbe quei posti ad un default economico…perché do.vrei andare al Forte se nn ci sono gli stabilimenti…oppure a Rimini e Riccione…le case perderebbero volore e di conseguenza tutto il resto…se tu a Melfi togli la Fiat il paese si svuoterebbe nel giro di 5 minuti

      • Antilobby says:

        ……. Allora non vi lamentate se parte dell’opinione pubblica è contro al sistema balneare come è concepito oggi che vede tante concessioni e poche spiagge libere (in Versilia oltre il 90% del demanio marittimo è occupato dai concessionari)……..

        • Alla maggioranza degli italiani nn frega nulla della concessioni balneari…poi c è quella percentuale di invidiosi, che vorrebbero fare il nostro lavoro, e quella degli speudo amanti del mare/anbientalisti che dicono che siamo degli assassini…è come parlare degli insegnanti…alla gente nn frega nulla ma se gli si chiede sul loro lavoro le persone ti dicono che lavorano 4 ore al giorno e hanno 3 mesi liberi….mia moglie.ie è insegnante e da quando sto con lei ho capito che nn è così…

          • Antilobby says:

            ……allora quello che ha detto il sen. Gasparri è sbagliato quando diceva che le associazioni dei balneari dovevano fare una campagna di gradimento rivolta ai cittadini per diminuire la contrarietà presente verso i balneari…….

            • Nn hai capito il mio concetto…gli italiani nn sanno delle gare o della bolkestain…però se gli chiedi cosa ne pensi dei balneari ti dicono “beati loro lavorano3mesi e stanno in ferie 9mesi”…se però gli chiedi lo sai che andiamo all asta ti rispondono”perché nn sei proprietario?” Tu gli rispondi no e loro allora ti dicono ” bhe però il bar e il ristorante è il vostro…e tu gli dici NI…
              È sempre cosi

          • No breed, sbagli, non vorrebbero fare il nostro lavoro, vorrebbero che ci togliessero il nostro, così, perché a loro avviso non lo meritiamo. Siamo solo dei privilegiati per loro. Privilegiati che però, come tanti altri imprenditori, hanno messo a rischio tutto ciò che avevano, ma questo passa in secondo piano. Ma comunque meritiamo odio. Così siamo messi caro breed, e purtroppo è un discorso che non vale solo per noi, è dilagante, di questa gente è pieno il paese e messi così non andiamo da nessuna parte

  11. È bene sgomberare il campo da dubbi e perplessità, non vi regalo assolutamente illusioni…..
    NON VI VOTERÒ MAI PIÙ.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.