Attualità

Balneari, Turco-Croatti (M5S): “Meloni ha perso troppo tempo”

«La pronuncia arrivata dalla Consulta, che boccia perentoriamente le proroghe delle concessioni balneari messe in atto dalla Regione Sicilia, lascia pochi dubbi. Essa è uno schiaffo a Giorgia Meloni e alle prese in giro che Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia stanno portando avanti nei confronti del settore da ormai venti mesi». Lo affermano in una nota i senatori del Movimento 5 Stelle Mario Turco e Marco Croatti, commentando la recente sentenza della Corte costituzionale che ha dichiarato l’illegittimità della norma regionale siciliana sul rinvio dei termini per presentare domanda di estensione al 2033 sulle concessioni balneari.

«Tra mappature fasulle, difesa corporativa dello status quo e trattative imprecisate e infruttuose con l’Ue, il governo ha lasciato il comparto letteralmente al palo per meri scopi elettorali», proseguono Turco e Croatti. «Adesso però la “pacchia”, termine caro alla premier, per loro è finita. È necessario ritornare alle norme della legge concorrenza del 2022, aprire il settore alla concorrenza con meccanismi seri di indennizzo, avviare la revisione dei canoni da versare allo Stato oggi troppo bassi e anche le clausole di salvaguardia per i lavoratori».

Concludono i senatori del Movimento 5 Stelle: «Non si può pensare di andare avanti così, con gli investimenti prossimi alla paralisi e un’incertezza normativa che fa male al nostro turismo. Quanto detto dalla Corte costituzionale fa il paio con le varie pronunce del Consiglio di Stato, nei confronti del quale Fratelli d’Italia voleva sollevare un conflitto di attribuzione. Ora lo faranno anche nei confronti della Consulta? Meloni si tolga l’elmetto ed esca dalla trincea, che di tempo ne abbiamo perso sin troppo».

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: