“Alta Marea”, il gin made in Bellaria che ha conquistato le spiagge

Il gin Alta Marea e il suo ideatore Vittorio Filippo Bassano
Il gin Alta Marea e il suo ideatore Vittorio Filippo Bassano

Nasce a Bellaria, anche se con puro genoma siciliano, il London Dry Gin “Alta Marea”, pregiatissimo “spirits” artigianale prodotto da Vittorio Filippo Bassano, giovane imprenditore palermitano ormai da oltre vent’anni trapiantato in riviera romagnola. Assemblato con botaniche selezionate di prima scelta in una distilleria pesarese, il gin “Alta Marea” nasce negli anni del lockdown «perché non potendo uscire di casa – ricorda Vittorio – io, come tanti italiani, esorcizzavo paure e preoccupazioni con un bicchiere di gin tonic».

Benché rappresenti un progetto commerciale molto ambizioso (negli ultimi quattro anni la vendita di gin in Europa è cresciuta del 300%), l’Alta Marea è soprattutto un omaggio sentimentale che Vittorio dedica alla sua terra d’origine, la Sicilia: «Le botaniche, tutte di primissima qualità e di origine italiana – spiega l’imprenditore – sono quelle tipiche della mia infanzia, ovvero prodotti che venivano utilizzati abitualmente nella più tipica cucina siciliana. Oltre al ginepro, al coriandolo e al pompelmo rosa, penso alla cannella, con la quale mia nonna preparava dei dolcetti di carnevale, al basilico e all’alloro che nel sugo al pomodoro fresco non mancavano mai, ma anche al limone selvatico il cui odore, da luglio a dicembre, pervadeva le strade del mio paese».

Prodotto inizialmente in poche bottiglie da 70 cl («un lotto di prova che mi è servito come test», spiega Vittorio) e con una gradazione di 43°, il gin “Alta Marea” non contiene zuccheri (il London Dry Gin, per essere tale, non ne può contenere più di 0,1 grammi per litro) e ha una base di alcol neutro a 96% derivante da un’unica tipologia di coltura (quindi non una miscela di origini diverse).

Creato esclusivamente con ingredienti naturali, il gin “made in Bellaria”, per qualità e prezzo, si posiziona in una fascia medio-alta del settore beverage. Spiega infatti Bassano: «Creare un London Dry Gin artigianale richiede un processo lungo e costoso; se poi ci metti botaniche coltivate con metodi bio, allora si parla di prodotti esclusivi e in edizione limitata che sugli scaffali della grande distribuzione non troverai mai. Come si dice abitualmente nel mondo degli spirits, il miglior alambicco può creare i migliori distillati solo se vengono utilizzati i migliori ingredienti. Ecco, nel progetto “Alta Marea” abbiamo preteso e ottenuto solo il meglio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.

Altri articoli su beach bar e ristorazione:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.