Sardegna

Alberghi galleggianti in mare: l’idea della Sardegna per attrarre nuovi flussi turistici

In discussione una proposta di legge per creare strutture ricettive nautiche diffuse lungo tutta l'isola

La commissione attività produttive della Regione Sardegna sta discutendo una proposta di legge per permettere la costruzione di case galleggianti sul mare. L’intento della proposta è di differenziare l’offerta ricettiva dell’isola e stimolare nuovi flussi turistici.

L’idea della Regione Sardegna, riferisce l’Ansa, prende spunto da quanto fatto dalla Croazia, che con circa seimila “house boat” ha creato dei veri e propri alberghi nautici diffusi attirando importanti flussi di turismo esperienziale. Allo stesso modo la Sardegna sarebbe interessata a intercettare turisti alla ricerca di alloggi diversi dalla tradizionale ricettività, per vivere il mare e la costa in modo suggestivo: un progetto che, se prenderà il via, avrà un diretto beneficio anche per i titolari di stabilimenti balneari.

Attualmente, spiega il vicepresidente di Confindustria Nord Sardegna Giovanni Conoci, «le barche impegnate in questa attività sono 300, ma l’obiettivo è quello di arrivare a 1.000 imbarcazioni, un numero che garantirebbe un giro d’affari di 150 milioni di euro l’anno».

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: