Ambiente Puglia

Addio alla spiaggia Piri Piri, scomparsa per l’erosione costiera

Il meraviglioso tratto di litorale salentino è ormai inaccessibile e lo stabilimento balneare che vi insisteva ha dovuto chiudere i battenti

Nell’elenco delle spiagge italiane scomparse a causa dell’erosione costiera si aggiunge purtroppo un altro nome. Si tratta di Piri Piri, uno dei tratti di costa più belli e suggestivi del Salento jonico, che è stato inghiottito dal mare e coperto dai massi. Questo piccolo paradiso naturale, ricadente nel territorio del Comune di Maruggio in località Acquadolce, è caratterizzato da uno splendido mare cristallino che lambisce una finissima sabbia dorata, ma da anni la spiaggia era minacciata dalla caduta di pietre e massi da una piccola parete rocciosa scoscesa. Le reti metalliche installate per contenere le frane non sono bastate a evitare il disastro, e così – con la complicità dell’erosione costiera e dell’innalzamento del mare – Piri Piri oggi è inaccessibile e perduta per sempre.

Secondo la narrazione popolare, il litorale era stato battezzato con questo nome insolito per ricordare un allegro paesano che vi dimorava nei pressi, e che veniva da tutti chiamato appunto Piri Piri. Negli anni passati nella zona aveva aperto anche un omonimo stabilimento balneare attrezzato, ma anche questo ha dovuto chiudere i battenti l’estate scorsa, a causa del disastro ambientale che ha reso inaccessibile l’area.

Il lido Piri Piri occupava la parte centrale del litorale e offriva un bar e ristorante dalla vista mozzafiato, mentre ai suoi lati, due passerelle davano accesso alla zona di spiaggia libera. Ma ora nessuna delle due alternative è più fruibile ai turisti. Si spera però che il Comune di Maruggio – diventato famoso per l’omonima carta redatta lo scorso settembre proprio a tutela del settore balneare – possa individuare le risorse e superare gli ostacoli burocratici per restituire ai cittadini questo meraviglioso tratto di costa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Ora Nick quale indennizzo da parte di chi deve ricevere il lido piri piri?..io vinco la tua concessione per 10 anni e ti do l’indennizzo ma poi succede come a piri piri per cui non c’è nulla senza colpa del concessionario subentrante che a te ha dato l’indennizzo ma lui nulla..come risolveresti questo problema?…l’indennizzo non c’è proprio perché la concessione non è a tempo per sole ragioni burocratiche per cui rinnovabile se d’interesse ma a tempo perché potrebbe fisicamente non esserci più senza colpa di nessuno. Spero sia così chiaro come mai l’indennizzo è un vantaggio per l’attuale concessionario impraticabile nel lungo periodo.

    • Caro “piccolo uomo” se fai una evidenza per questa spiaggia (Piri Piri) dovresti immaginare che da lì a qualche anno potrebbe accadere che l erosione te la porti via….quindi “piccolo uomo” hai tre soluzioni…1 Non partecipare a questa evidenza perche’ troppo rischiosa…2 partecipare all’ evidenza e nel piatto mettere (dopo uno studio di fattibilità) la difesa della spiaggia dall erosione sempre però tenendo conto che potrebbe non funzionare…3 fregartene e rischiare….4 fare un progetto calcolando che dopo 3/6/10/20 anni possa sparire la spiaggia….quindi spalmato negli anni….

  2. Fantastico. Apprendo che invece di comprare un’auto (e pagarla quindi), sarei legittimato a rubarla visto che parcheggiandola la notte sotto casa un albero potrebbe caderle addosso e distruggerla. Ma certo.

  3. No BFo io con il bando compro il parcheggio non l’auto sapendo che il parcheggio potrebbe essere occupato da un albero un giorno…tu invece mi vuoi che ti paghi l’auto come fosse nuova!

  4. Col bando non si compra un bel nulla: si ruba l’azienda a chi ha dovuto comprarsela quando i bandi non esistevano. Comprare vuol dire sempre e solo scambiare soldi (auspicabilmente i propri) per il bene che si acquisisce. Come abbiamo fatto in tanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.