Abruzzo Norme e sentenze Notizie locali

Abruzzo, pubblicata l’ordinanza balneare 2014

Spiagge pronte entro il 31 maggio, attività di balneazione dal 1° giugno al 7 settembre, attrezzature da rimuovere entro il 15 novembre.

Possono partire oggi in tutta la regione Abruzzo le attività preparatorie e di allestimento delle aree in concessione e delle spiagge libere. Lo sancisce l’ordinanza balneare dello scorso 27 febbraio, che, come ogni anno, ribadisce le disposizioni a cui devono attenersi bagnanti e concessionari.

pouf Pomodone

Come precisa l’ordinanza, entro il 31 maggio tutto dovrà essere pronto e le strutture mobili e le attrezzature balneari potranno restare sulle spiagge fino al prossimo 15 novembre. Dall’8 marzo fino al 26 ottobre agli stabilimenti è consentita l’apertura al pubblico per l’elioterapia e dal 1° giugno al 7 settembre ci sarà la vera e propria attività di balneazione. I concessionari dovranno garantire la loro attività almeno dal 1° luglio al 31 agosto.

Sulle spiagge e nelle acque riservate alla balneazione sarà come sempre vietato occupare la fascia di 5 metri dalla battigia e dello specchio acqueo antistante la postazione di salvataggio, che diventa un corridoio per le imbarcazioni di soccorso e che deve essere lasciata libera in ogni caso «per assicurare il più rapido soccorso ai bagnanti».  Per i bagnani è vietato utilizzare le attrezzature balneari dopo il tramonto, senza il consenso del concessionario, così come è vietato giocare con il pallone o i racchettoni se non nelle aree attrezzate. Vietato anche esercitare attività commerciali o pubblicità tramite manifesti o velivoli, nonché lasciare oltre l’orario del tramonto nei tratti di spiaggia libera ombrelloni, lettini, sdraio e sedie.

Dall’1 giugno al 7 settembre devono bloccarsi anche le opere in difesa della costa, dai ripascimenti al dragaggio. I concessionari dovranno provvedere alla pulizia delle spiagge ma non utilizzare mezzi meccanici dalle 9.30 alle 18.30. Dovrà essere assicurato il libero e gratuito accesso e transito per il raggiungimento della spiaggia. Per quanto riguarda gli animali, i Comuni, nelle aree destinate a spiaggia libera, possono individuare con un’apposita ordinanza zone dove è concesso l’accesso con cani e gatti. Le aree devono essere dotate di accesso indipendente. I titolari degli stabilimenti possono consentire l’accesso degli animali di piccola taglia in regola con le vaccinazioni, sotto a un ombrellone in zona retrostante per non disturbare gli altri utenti. Gli animali dovranno essere portati in braccio fino all’ombrellone assegnato e dovranno sempre essere tenuti al guinzaglio sotto all’ombrellone.

Per scaricare l’ordinanza balneare 2014 della Regione Abruzzo, clicca qui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.