Emilia-Romagna

Voto Emilia-Romagna, Palazzi: “Il mio impegno per tutela e valorizzazione delle spiagge”

L'imprenditore balneare candidato per Forza Italia si propone come rappresentante di tutti gli operatori economici legati al mare

RIMINI – Andrea Dionigi Palazzi chiama a raccolta tutti gli operatori economici del mare in vista delle elezioni regionali di domenica prossima. Unico imprenditore balneare candidato come consigliere per l’Emilia-Romagna, Palazzi ha incontrato ieri pomeriggio al Club Nautico di Rimini i rappresentanti di balneari, nautica, porti e pescatori per una tavola rotonda sulle tematiche legate all’economia costiera.

«Prima di essere un candidato di Forza Italia, voglio essere il candidato di tutti coloro che lavorano tra la spiaggia e il mare», ha detto Palazzi. «Nei banchi della Regione Emilia-Romagna non si è mai seduto un rappresentante diretto di queste categorie, e così non sono mai state considerate abbastanza alcune questioni fondamentali per la riviera romagnola: parlo di tutela delle attuali concessioni demaniali marittime, di sostenibilità di pesca e acquacoltura, di sviluppo della nautica da diporto e delle infrastrutture portuali, di difesa dall’erosione costiera. Il mio impegno è diventare il referente per tutte queste tematiche».

gestionale spiaggia

Palazzi, titolare di uno stabilimento balneare dal 2004 nonché assessore al demanio del Comune di Riccione, ha espresso le sue idee per il settore: «Bisogna valorizzare le nostre spiagge e le nostre coste in quanto tipicità del territorio, alla pari del parmigiano reggiano. In questo senso, da assessore ho lavorato negli ultimi due anni per la candidatura delle spiagge di Riccione come patrimonio Unesco: un obiettivo che possiamo raggiungere, soprattutto se si uniranno le altre località balneari romagnole».

Poi c’è tutta la partita della Bolkestein: «Il padre della direttiva europea ha detto che le spiagge non vi devono rientrare, perché si tratta di beni e non di servizi. Intendo fare pressing sul governo per ottenere l’esclusione degli stabilimenti balneari dalla Bolkestein».

Sono intervenuti alla tavola rotonda Gianfranco Santolini (presidente della Consulta del porto di Rimini), Giancarlo Cevoli (presidente Cooperativa lavoratori del mare di Rimini) e Diego Casadei (presidente Oasi-Confartigianato Rimini). Quest’ultimo ha consegnato a Palazzi un documento, sottoscritto da tutte le cooperative e le associazioni di categoria degli imprenditori balneari emiliano-romagnoli, con le richieste dei titolari di stabilimenti per le prossime elezioni regionali. Palazzi ha condiviso gli obiettivi del documento e si è impegnato a darne seguito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Avatar

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale di riferimento per il settore turistico balneare.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *