Ambiente

Mare pulito, raccolte 8,5 tonnellate di rifiuti dai fondali

Tra il materiale rimosso dai fondali anche pneumatici, attrezzi da pesca, sacchetti, bottiglie, sedie e lettini da spiaggia, guanti e stoviglie monouso, mascherine e batterie esauste.

Ammonta indicativamente a 8,5 tonnellate la quantità complessiva di rifiuti raccolti in porti, porticcioli, darsene e aree di pregio ambientale di diverse regioni costiere d’Italia, nell’ambito della campagna “Mare pulito”. In occasione della giornata mondiale degli oceani, i sommozzatori dei nuclei sub della Guardia costiera insieme a centinaia di subacquei volontari si sono immersi nelle darsene e nei porticcioli di diverse regioni costiere d’Italia dando vita alla più importante giornata di pulizia dei fondali mai realizzata in Italia, organizzata congiuntamente dal progetto europeo Clean Sea LIFE e dal corpo delle Capitanerie di porto – Guardia costiera con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della sostenibilità ambientale in difesa degli ecosistemi marini e costieri.

puliscispiaggia

Tra il materiale rimosso dai fondali – che sono stati così bonificati – anche pneumatici di auto e camion, attrezzi da pesca, sacchetti, bottiglie e materiale plastico, sedie e lettini da spiaggia, guanti e stoviglie monouso, mascherine, fusti metallici, cassette, materiale elettronico di risulta, cime d’ormeggio e batterie esauste. Ancora, diverse “reti fantasma” abbandonate sul fondo del mare e dannose per l’ambiente marino.

I comandi territoriali e i sommozzatori della Guardia Costiera hanno garantito la necessaria cornice di sicurezza in mare, coordinando l’attività di tutti i diving presenti nella più vasta operazione di bonifica dei fondali marini mai realizzata in Italia, nel rispetto delle norme vigenti in tema di emergenza Covid-19. Gli enti territoriali provvederanno allo smaltimento dei numerosi rifiuti recuperati dal mare.

«La campagna “Mare pulito” rappresenta un’azione concreta a favore del nostro mare e del nostro futuro, ma rappresenta anche un’iniziativa volta ad evidenziare quanto l’impatto dell’uomo possa essere determinante per la salute degli ecosistemi marini», afferma una nota della Guardia costiera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Guardia Costiera

Il Corpo delle capitanerie di porto - Guardia costiera è uno dei corpi specialistici della Marina Militare italiana e svolge compiti relativi agli usi civili del mare, con funzioni di sicurezza.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *