Attualità

Le spiagge più belle d’Italia per il National Geographic

La classifica della prestigiosa rivista naturalistica

È Capo Peloro, in Sicilia, la spiaggia più bella d’Italia secondo il National Geographic. La prestigiosa rivista naturalistica ha pubblicato la sua classifica delle migliori spiagge della nostra penisola, premiando il litorale situato sull’estrema punta nordorientale della Sicilia, affacciato sullo Stretto di Messina, per la sua vista unica. Spiega infatti il National Geographic: «Capo Peloro si trova nel punto in cui i mari Ionio e Tirreno vorticano l’uno nell’altro. Di fronte al villaggio, la spiaggia, una riserva naturale, appare come un’ampia e piatta distesa di sabbia, che si dispiega sotto un gigantesco traliccio elettrico, che un tempo era il più alto del mondo. I delfini si scatenano nelle acque cristalline e i pesci spada attraversano lo stretto in estate, mentre la costa calabrese si profila all’orizzonte».

Sul secondo gradino del podio c’è la suggestiva Baia di Riaci, considerata una delle più belle della Calabria per il suo mare turchese e cristallino e la natura incontaminata, perfette per lo snorkelling: «La penisola di Capo Vaticano – scrive la rivista –ospita alcune delle spiagge più spettacolari del paese, con acque turchesi e sabbie zuccherine in fondo alle scogliere. La Baia di Riaci, una delle migliori, è una mezzaluna di sabbia cinta su entrambi i lati da rocce ricche di fossili. C’è anche un piccolo isolotto da scalare se hai voglia di prendere il sole al largo. La zona è nota per la sua vita marina e le acque calme qui sono perfette per lo snorkeling. Arrampicatevi intorno agli scogli a destra della spiaggia e troverete una zona più tranquilla, ideale per prendere il sole o, naturalmente, per fare snorkeling».

Al terzo posto, premiata per la sua natura, troviamo invece Marina di Alberese in Toscana, la spiaggia più conosciuta del Parco della Maremma, che viene così descritta dal National Geographic: «All’interno del Parco regionale della Maremma, puoi guidare o pedalare lungo viali alberati e campi pieni di vacche per trovare una pineta che confina con una distesa di sabbia di quattro miglia. Non ci sono lidi, ma puoi trovare un po’ d’ombra e una brezza deliziosa). Sappi solo che non avrai la spiaggia solo per te: la condividerai con le volpi semi-addomesticate che vagano per il bosco alle tue spalle e si aggirano per il litorale al tramonto».

La classifica del National Geographic sulle spiagge più belle d’Italia si compone in tutto di dodici spiagge. Fuori dal podio, nell’ordine troviamo al quarto posto Pescoluse (Puglia) come spiaggia più adatta alle famiglie, al quinto Cala Rossa a Favignana (Sicilia) come meta ideale per i fotografi, e al sesto Santa Maria di Castellabate in Cilento (Campania) per chi cerca vacanze fuori dai ritmi della contemporaneità.

Ancora, la lista si conclude con la Spiaggia dei Conigli a Lampedusa (Sicilia) come “spiaggia migliore per l’isolamento”, la Spiaggia delle due sorelle a Sirolo (Marche) per chi cerca l’avventura, Viareggio (Toscana) per la tipica architettura balneare, Maronti a Ischia (Campania) per gli amanti di terme e spa, Punta Aderci (Abruzzo) per le escursioni e Riccione (Emilia-Romagna) per i turisti più festaioli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.