Attualità

”La Camera andrà avanti con la riforma delle concessioni balneari”

Il deputato Arlotti (Pd) esclude lo stop del ddl nonostante le dimissioni del ministro Costa, autore del provvedimento.

(ore 17.29) – «Dopo l’assunzione dell’interim degli Affari regionali da parte del premier Paolo Gentiloni, oggi le commissioni riunite VI Finanze e X Attività produttive della Camera hanno deciso di procedere con l’iter della legge delega per la revisione e il riordino della normativa sulle concessioni demaniali marittime, lacuali e fluviali a uso turistico ricreativo». Lo rende noto il deputato Tiziano Arlotti (Pd), relatore della legge delega in commissione X, in un comunicato diramato pochi minuti fa, dopo le dimissioni del ministro agli affari regionali Enrico Costa che ieri hanno fatto pensare a un possibile stop del ddl (vedi notizia).

«Entro il pomeriggio di lunedì – prosegue Arlotti – io e il collega Sergio Pizzolante, come relatori del provvedimento, presenteremo gli emendamenti elaborati tenendo in considerazione il largo confronto avuto con tutte le parti interessate dalla riforma (associazioni di categoria, Anci, Conferenza delle Regioni) e tenendo conto dei numerosi emendamenti (180) presentati dai deputati di tutti i gruppi parlamentari, che stiamo già verificando puntualmente. Mercoledì le Commissioni congiunte inizieranno quindi a votare gli emendamenti».

«I temi su cui stiamo lavorando sono quelli fondamentali nel passaggio dall’attuale normativa alla nuova, ovvero la tutela del legittimo affidamento, il periodo transitorio, il nuovo regime di assegnazione delle concessioni nel rispetto delle norme nazionali ed europee nonché della sentenza della Corte di giustizia europea, il riconoscimento del valore delle imprese, della professionalità acquisita e della sostenibilità degli interventi. L’obiettivo è arrivare a conclusione del percorso in Commissione e portare in settembre in aula il testo così definito», aggiunge il deputato del Pd.

pouf Pomodone

«Credo sia l’occasione per arrivare finalmente al riordino complessivo della normativa sulle concessioni demaniali marittime, lacuali e fluviali ad uso turistico ricreativo – conclude Arlotti – e soprattutto per dare impulso all’innovazione e agli investimenti, creando le condizioni di maggiore attrattività del nostro turismo. Proprio il turismo balneare sta registrando l’aumento più sostenuto degli ultimi 10 anni, con una previsione per l’estate 2017 di 84,5 milioni di presenze nelle località di mare del nostro Paese, pari una crescita di 1,9 milioni (+2,3%) sul 2016».

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: