Emilia-Romagna

Coronavirus, Emilia-Romagna stanzia 5 milioni a fondo perduto per imprese balneari

L'annuncio del governatore Bonaccini: "Al lavoro per riaprire stagione in piena sicurezza". Soddisfazione di Legacoop

La Regione Emilia-Romagna ha stanziato 5 milioni di euro a fondo perduto per le imprese balneari, «per aiutarle in questo momento difficile». Lo ha annunciato il governatore Stefano Bonaccini. Al momento non sono ancora stati resi noti i dettagli sulle modalità per ottenere il contributo economico annunciato.

«La salute prima di ogni altro cosa – ha scritto il presidente dell’Emilia-Romagna sulla sua pagina Facebook – ma siamo al lavoro per riaprire la stagione turistica e lo faremo garantendo i servizi in tutta sicurezza. Ci rialzeremo assieme, come sempre. Perché siamo l’Emilia-Romagna».

A esprimere soddisfazione per lo stanziamento è Legacoop Romagna, tramite le parole del presidente Mario Mazzotti e del responsabile cooperative balneari Stefano Patrizi, che affermano: «Molto bene l’impegno della Regione Emilia-Romagna di destinare 5 milioni di euro a fondo perduto alle imprese balneari. In questo momento drammatico è un segnale importante di attenzione al distretto balneare, terribilmente provato dal lockdown e dalle incertezze sulla riapertura».

«È importante continuare a lavorare, come già sollecitato in prese di posizioni ufficiali da Legacoop – proseguono Mazzotti e Patrizi – per alleviare l’impatto finanziario devastante della pandemia nonché per assicurare un protocollo condiviso con la categoria sull’avvio della stagione che garantisca la sostenibilità sanitaria, economica, l’equilibrio delle responsabilità istituzionali, delle cooperative e delle imprese. Ringraziamo il presidente Bonaccini e l’assessore Corsini per l’impegno e l’attenzione dimostrata nonostante il periodo cosi difficile, continuando a ascoltare le esigenze della categoria».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.