Confartigianato Imprese Demaniali

Confartigianato imprese demaniali a confronto con Forza Italia

Vanni: "Sventato il tentativo di approvare un documento che andava contro i principi di quello espresso dal consiglio dei ministri"

Mauro Vanni, presidente di Confartigianato imprese demaniali, sta proseguendo insieme agli altri sindacati di categoria il programma di incontri con le forze politiche per sensibilizzarle sulle ragioni delle imprese balneari. Ieri l’incontro è avvenuto con Forza Italia, che ha voluto confrontarsi su quanto in questi giorni sta emergendo in sede di modifica del primo documento espresso dal consiglio dei ministri a proposito di legge delega sulla libera concorrenza.

«Abbiamo visto circolare bozze di documenti fortemente peggiorative – commenta Vanni – frutto di pressioni che addirittura vanno in contraddizione coi principi espressi dal consiglio dei ministri, in primis il valore aziendale. Avevamo colto con favore alcuni riferimenti alle nostre battaglie storiche, con un accento negativo sostanzialmente sui tempi, poiché continuiamo a ritenere che le amministrazioni non saranno in grado di bandire le evidenze pubbliche entro la fine del 2023».

«Stava per tornare in consiglio dei ministri un provvedimento inaccettabile, che la mobilitazione dei sindacati e di alcune forze politiche hanno fortunatamente sospeso. Oggi abbiamo riscontrato interesse alle nostre ragioni e l’impegno anche di Forza Italia a trovare un percorso più equilibrato e rispettoso dell’enorme valore che rappresenta la decisione da adottare», conclude Vanni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

  1. Teo Romagnoli says:

    Continuamente forze occulte vogliono infinocchiare un settore che andava non bene ma benissimo e già ora soffrirà un duro contraccolpo. Ma da chi sono mosse queste forze se non da lobby, mafie, e multinazionali?? 2 domandine i 4 D della chat e i giornalisti se le vogliono fare?? Aprire al mercato estero con tutti i problemi che ha questo paese sembra una follia totale ! Almeno che draghi per sbandierare la bandierina dell’europa non voglia stracciare quella italiana. Ringraziamo le forze politiche che rendono almeno decente vivere e lavorare in questo paese.

    • Anima bella che sei convinto che finora sia andato tutto secondo correttezza per il solo fatto che fosse prorogato di generazione in generazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.