Attualità Sib-Confcommercio Sindacati e associazioni

Concessioni demaniali, l’appello del Sib a Berlusconi

'Auspichiamo un suo intervento davanti alla comunità europea'. Il Sindacato Italiano Balneari pubblica la lettera inviata al presidente del Consiglio.

al Presidente del Consiglio dei Ministri
On. Silvio Berlusconi
Piazza Colonna, 370
Palazzo Chigi
00187 Roma

Considerato che nei prossimi giorni ha in agenda un incontro con la Comunità Europea, cogliamo l’occasione per rammentarLe i gravi problemi che le nostre imprese stanno vivendo in virtù di norme comunitarie che vincolano il rinnovo dei titoli alle procedure di evidenza pubblica, e mettono perciò in serio pericolo la loro sopravvivenza ed il loro futuro. Auspichiamo che vorrà svolgere il Suo autorevole intervento affinché, così come già fatto per i mercatini tedeschi ed il demanio olandese destinato alla coltivazione del tulipano, anche per l’offerta balneare italiana e, cioè, un prodotto unico in Europa e nel mondo, si possa prevedere la "deroga" all’art. 49 del TFUE attinente alla "libertà di stabilimento". Una "deroga" che appare sicuramente giustificata e legittimata a fronte dei seguenti elementi oggettivi:

1) L’art. 18 del Regolamento al Codice della Navigazione assoggetta il rinnovo dei titoli concessori del nostro Paese alla  pubblicità della domanda e, quindi, risponde pienamente all’obiettivo della Direttiva Bolkestein tesa a rimuovere o sostituire quei regimi autorizzatori che impediscono la libera circolazione dei servizi e la libertà di stabilimento;

2) La nostra costa è lunga circa 8.000 chilometri, dei quali 4.969 sono dedicati alla balneazione, e di questi ultimi solo 900 e, cioè, il 20%, risultano occupati da concessioni; per cui l’80% risulta ancora libero e, quindi, disponibile per i cittadini italiani ed europei. Dunque, non si registra carenza nella disponibilità del bene, bensì risorse naturali di gran lunga disponibili in ordine al rilascio di autorizzazioni per l’uso di beni pubblici dello Stato e, perciò, l’esonero dall’applicazione della Direttiva Bolkestein.

Con la certezza che non farà cadere nel nulla questa nostra richiesta, La ringraziamo anticipatamente e, restando in attesa di un Suo cortese cenno di riscontro, porgiamo i nostri migliori saluti.

    SINDACATO ITALIANO BALNEARI – CONFCOMMERCIO
                                   IL PRESIDENTE
                                   Riccardo  Borgo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.