Attualità

Bonus fiere, 10.000 euro a fondo perduto per gli espositori del Sun di Rimini

Si tratta di un contributo stanziato dal ministero dello sviluppo economico

Il ministero dello sviluppo economico ha stanziato 34 milioni di euro per il “Bonus fiere”, un inventivo che mira a sostenere la partecipazione delle aziende italiane alle manifestazioni fieristiche internazionali organizzate nel nostro paese. Si tratta di un aiuto molto interessante per i fornitori del settore balneare che intendono partecipare al prossimo Sun di Rimini.

Il “Bonus fiere” prevede un contributo a fondo perduto, con un massimo di 10.000 euro, pari al 50% delle spese sostenute dalle imprese che partecipano a fiere internazionali organizzate sul territorio italiano sino al 31 dicembre 2022. Gli eventi rispetto ai quali è possibile beneficiare del contributo sono quelli inseriti nel calendario fieristico approvato dalla Conferenza delle Regioni, tra i quali figura il Sun di Rimini, salone internazionale del settore balneare in programma dal 12 al 14 ottobre prossimi.

Il “Bonus fiere” può essere richiesto una sola volta da ciascun soggetto beneficiario entro il 30 novembre 2022, termine entro cui i beneficiari dovranno richiedere il rimborso delle spese sostenute per la partecipazione: dall’affitto agli allestimenti degli spazi espositivi, dai servizi per le attività promozionali a quelle relative al trasporto, noleggio di impianti nonché alle spese per l’impiego di personale a supporto dell’azienda. Per ulteriori informazioni, si rimanda al sito del ministero dello sviluppo economico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Grande paese l Italia! C é senza altro una spiegazione, ma io leggendo la notizia su questo sito capisco che c’è un ministero che ritiene opportuno finanziare aziende espositrici del settore balneare per vendere ad aziende “a scadenza” che fino a quando non leggono qualcosa sui decreti attuativi o sul loro destino non possono e non devono comprare. Spero il target non sia la nostra categoria, sennò sembrano il classico massimo sforzo con il minimo risultato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.