Attualità

Bandiere Verdi 2023, le 154 località balneari migliori per le vacanze con bambini

L'elenco completo delle spiagge più adatte per i genitori con figli piccoli

Salgono a 154 le spiagge che possono fregiarsi delle Bandiere Verdi 2023, il prestigioso riconoscimento assegnato dai pediatri italiani alle località balneari più adatte alle vacanze con bambini piccoli. Ideata da Italo Farnetani, professore universitario di pediatria e presidente dell’International Workshop of Green Flags, l’iniziativa è giunta alla sedicesima edizione e ha visto un gruppo di 2.903 medici scegliere le spiagge migliori per i genitori in vacanza con figli in giovanissima età. Tutti i camici bianchi hanno operato in regime di volontariato, senza compensi, fini di lucro o intervento di sponsor.

La lista delle Bandiere Verdi 2023 comprende 146 località costiere italiane, una in più rispetto allo scorso anno (si tratta di Montepaone in Calabria), e 8 all’estero, di cui cinque in Europa e tre in Africa. Nella classifica delle regioni italiane, la Calabria è al primo posto con 20 vessilli, seguita dalla Sicilia con 18 e dalla Sardegna con 16 bandiere verdi. Al quarto posto si trovano Marche e Puglia a pari merito con 13.

La cerimonia di consegna ufficiale si terrà l’8 luglio a Roccella Jonica, dove riceveranno una bandiera speciale le amministrazioni comunali che hanno ottenuto più a lungo e ininterrottamente il riconoscimento: si tratta di Cefalù, Jesolo, Lignano Sabbiadoro, Nicotera, Ostuni, Riccione, Sabaudia, San Benedetto del Tronto, San Teodoro, Viareggio (che hanno conseguito ininterrottamente la bandiera verde per 16 anni) e Alghero, Formia, Gaeta, Gallipoli, Isola di Capo Rizzuto, Marina di Camerota, Marina di Ragusa, Montalto di Castro, Palinuro, San Vito Lo Capo, Soverato, Sperlonga, Vieste (premiate ogni anno per 15 anni).

«In base alla nuova mappa disegnata dalle Bandiere Verdi 2023, il consiglio che do ai genitori è di viaggiare e per la vacanza al mare raggiungere, insieme ai figli, mete anche lontane come fanno molte famiglie straniere», commenta Italo Farnetani. «Il viaggio per i bambini è utile anche per l’apprendimento e lo sviluppo psicologico, perché vedendo ambienti nuovi e vivendo una diversa vita quotidiana, hanno un sicuro vantaggio anche per la capacità di ragionamento e apprendimento. I genitori, conoscendo in anticipo le località adatte ai bambini, sanno dove possono trovare i servizi adatti ai figli, e dove poter viaggiare ancora più in sicurezza».

Bandiere Verdi 2023, l’elenco completo

Riportiamo qui di seguito l’elenco completo delle località che hanno vinto la Bandiera Verde 2023, suddivise per regione e in ordine alfabetico. Fra parentesi sono indicati la provincia e il primo anno di conferimento per ogni località.

Abruzzo: Alba Adriatica (Teramo, 2019), Giulianova (Teramo, 2010), Montesilvano (Pescara, 2010), Ortona – Spiaggia dei Saraceni (Chieti, 2019), Pescara (Pescara, 2016), Pineto – Torre Cerrano (Teramo, 2016), Roseto degli Abruzzi (Teramo, 2012), Silvi Marina (Teramo, 2012), Tortoreto (Teramo, 2015), Vasto Marina (Chieti, 2010).

Basilicata: Maratea (Potenza, 2012), Pisticci – Marina di Pisticci (Matera, 2010).

Calabria: Bianco (Reggio Calabria, 2018), Bova Marina (Reggio Calabria, 2010), Bovalino (Reggio Calabria, 2010), Caulonia – Caulonia Marina (Reggio Calabria, 2022), Capo Vaticano (Vibo Valentia, 2016), Cariati (Cosenza, 2010), Cirò Marina – Punta Alice (Crotone, 2012), Montepaone (Catanzaro, 2023), Squillace (Catanzaro, 2018).

Campania: Ascea (Salerno, 2016), Centola – Palinuro (Salerno, 2009), Ischia – Cartaroma Lido San Pietro (Napoli, 2016), Marina di Camerota (Salerno, 2009), Pisciotta (Salerno, 2016), Pollica – Acciaroli, Pioppi (Salerno, 2016), Positano – Arienzo, Fornillo, Spiaggia Grande (Salerno, 2015), Santa Maria di Castellabate (Salerno, 2012), Sapri (Salerno, 2012), Trentova – Lungomare San Marco (Salerno, 2016).

Emilia-Romagna: Bellaria-Igea Marina (Rimini, 2012), Cattolica (Rimini, 2012), Cervia – Milano Marittima – Pinarella (Ravenna, 2010), Cesenatico (Forlì-Cesena, 2012), Gatteo – Gatteo Mare (Forli-Cesena, 2015), Misano Adriatico (Rimini, 2015) Ravenna – Lidi Ravennati (Ravenna, 2015), Riccione (Rimini, 2008), Rimini (Rimini, 2016), San Mauro Pascoli – San Mauro Mare (Forli-Cesena, 2016).

Friuli Venezia Giulia: Grado (Gorizia, 2010), Lignano Sabbiadoro (Udine, 2008).

Lazio: Anzio (Roma, 2016), Formia (Latina, 2009), Gaeta (Latina, 2009), Lido di Latina (Latina, 2010), Montalto di Castro (Viterbo, 2009), Sabaudia (Latina, 2008), San Felice Circeo (Latina, 2012), Sperlonga (Latina, 2009), Terracina (Latina, 2019), Ventotene – Cala Nave (Latina, 2015).

Liguria: Finale Ligure (Savona, 2015), Lavagna (Genova, 2016), Lerici (La Spezia, 2012), Noli (Savona, 2016).

Marche: Civitanova Marche (Macerata, 2012), Cupra Marittima (Ascoli Piceno, 2020), Fano: Nord, Sassonia, Torrette, Marotta (Pesaro-Urbino, 2016), Gabicce mare (Pesaro-Urbino, 2015), Grottamare (Ascoli Piceno, 2016), Mondolfo – Marotta (Pesaro-Urbino, 2016), Numana: Alta, Bassa, Marcelli Nord (Ancona, 2015), Pesaro (Pesaro-Urbino, 2016).

Molise: Termoli (Campobasso, 2012).

Puglia: Fasano (Brindisi, 2016), Gallipoli (Lecce, 2009), Ginosa – Marina di Ginosa (Taranto, 2015), Lizzano – Marina di Lizzano (Taranto, 2010), Margherita di Savoia (Barletta-Andria-Trani, 2019), Melendugno (Lecce, 2016), Ostuni (Brindisi, 2008), Otranto (Lecce, 2012), Polignano a Mare: Cala Fetente, Cala Ripagnola, Cala San Giovanni (Bari, 2016), Porto Cesareo (Lecce, 2016), Rodi Garganico (Foggia, 2012), Salve – Marina di Pescoluse (Lecce, 2010), Vieste (Foggia, 2009).

Sardegna: Alghero (Sassari, 2009), Bari Sardo (Ogliastra, 2010), Cala Domestica (Carbonia-Iglesias, 2010), Capo Coda Cavallo (Olbia-Tempio, 2010), Carloforte – Isola di San Pietro: La Caletta, Punta Nera, Girin, Guidi (Carbonia-Iglesias, 2010), Castelsardo-Ampurias (Sassari, 2012), Is Aruttas – Mari Ermi (Oristano, 2010), La Maddalena: Punta Tegge, Spalmatore (Olbia-Tempio, 2012).

Sicilia: Balestrate (Palermo, 2016), Campobello di Mazara: Tre Fontane, Torretta Granitola (Trapani, 2010), Catania – Playa (Catania, 2016), Cefalù (Palermo, 2008), Giardini Naxos (Messina, 2016), Ispica – Santa Maria del Focallo (Ragusa, 2012), Lipari; Marina di Lipari, Acquacalda, Canneto (Messina, 2012), Marsala – Signorino (Trapani, 2015), Mazara del Vallo – Tonnarella (Trapani, 2021).

Toscana: Bibbona (Livorno, 2016), Camaiore: Lido Arlecchino-Matteotti (Lucca, 2015), Castiglione della Pescaia (Grosseto, 2012), Follonica (Grosseto, 2012), Forte dei Marmi (Lucca, 2012), Grosseto: Marina di Grosseto, Principina a Mare (Grosseto, 2010), Gorsseto: Monte Argentario, Cala Piccola, Porto Ercole (Le Viste), Porto Santo Stefano (Cantoniera – Moletto – Caletta), Santa Liberata (Bagni Domiziano – Soda – Pozzarello) (Grosseto, 2015), Pietrasanta – Marina di Pietrasanta (Lucca, 2019).

Veneto: Caorle (Venezia, 2015), Cavallino Treporti (Venezia, 2010), Chioggia – Sottomarina (Venezia, 2016), Jesolo – Jesolo Pineta (Venezia, 2008), Lido di Venezia (Venezia, 2010), San Michele al Tagliamento – Bibione (Venezia, 2016).

Europa: in Spagna Estepona (2022), Malaga (2018), Marbella (2019), Fuengirola (2021); in Romania Costanza (2020).

Africa: in Tanzania Dar es Salaam – Coco beach (2020) e Kendwa (2021); in Tunisia La Marsa (2022).

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: