Marche

Balneari, mozione Marche: “Mappatura necessaria prima di riforma concessioni”

Il consiglio regionale ha approvato il testo all'unanimità

«È necessario che venga completata e perfezionata, preliminarmente a ogni iniziativa di riordino del settore, la mappatura delle coste per verificare e approfondire la disponibilità del bene». Lo specifica una mozione approvata all’unanimità dal consiglio regionale delle Marche, sottoscritta da tutti i gruppi consiliari, sulle problematiche relative alle concessioni demaniali per finalità turistico-ricreative, su cui il governo ha presentato un emendamento al ddl concorrenza per riassegnarle entro il 2023 tramite gare pubbliche.

La mozione impegna il presidente e la giunta regionale a rappresentare al governo nazionale alcune questioni ritenute prioritarie per il settore balneare, a partire dalla necessità di completare e perfezionare la mappatura delle spiagge anche in applicazione di quanto disposto dalla legge regionale 7/2010 “Norme per l’attuazione delle funzioni amministrative in materia di demanio marittimo”. Inoltre, l’atto approvato dal consiglio regionale chiede che si sviluppi lo studio di una disciplina ad hoc «che tenga conto delle specificità delle imprese che operano nel comparto del demanio marittimo, prevenendo iniziative di tipo meramente speculativo, in contrasto le legittime aspirazioni ed esigenze delle imprese di settore e della collettività».

Prima del via libera alla mozione, riporta l’Ansa, il presidente della giunta regionale Francesco Acquaroli ha pronunciato un intervento per ribadire la necessità di una mappatura delle aree balneari prima di qualsiasi altro passo a fronte del «rischio di mettere in discussione la filiera, il rischio capacità produttiva». Acquaroli ha parlato anche di «ingiustizia nei confronti di coloro che hanno preso un settore che non esisteva, hanno investito e oggi, che il turismo balneare è riconosciuto a livello mondiale, viene messa in discussione la loro titolarità».

«Andare a verificare la vicenda della mappatura è un elemento inderogabile che deve dare garanzie su questa vicenda. La forza che può esprimere l’assemblea unitaria ha valore aggiunto», ha concluso Acquaroli.

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: