Attualità

Anci: ‘Cinque anni di proroga sono insufficienti’

Il parere del delegato al demanio marittimo dell'Associazione comuni italiani sulla miniproroga alle concessioni di spiaggia: 'Serve soluzione definitiva, chiederò incontro a Bruxelles'

di Luciano Monticelli

puliscispiaggia

La mini-proroga sulle concessioni degli stabilimenti balneari non mi trova affatto d’accordo perché, tra le altre cose, non consente neppure agli imprenditori di rientrare dagli investimenti fatti finora.

Purtroppo, da parte del governo tecnico non abbiamo trovato alcuna disponibilità per quella che è, senza ombra di dubbio, la prima industria del Paese. Un governo “sordo” che continua ad ignorare la “voce” delle Regioni, degli enti locali, dell’Anci, dell’Upi e delle associazioni del settore.

Ritengo comunque che cinque anni siano un periodo sufficiente per consentire alla politica di adottare azioni e provvedimenti tesi a scongiurare la “distruzione” di un settore economico assolutamente vitale per l’economia italiana; non mi stancherò mai di ripeterlo.

A ogni modo, con l’urgenza e la fermezza necessaria, chiederò un incontro con il commissario europeo Michel Barnier affinché si continui a discutere sulla questione e, nel contempo, invito tutte le forze politiche ad attivarsi, in ogni sede, in favore della problematica.

Un cordiale saluto.

Il delegato nazionale Anci al demanio marittimo Luciano Monticelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Anci

Associazione Nazionale Comuni Italiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.