Attualità

Turisti russi addio: località balneari in difficoltà per le disdette

Riviera romagnola, Versilia e Campania le aree più colpite dalle conseguenze del conflitto in Ucraina

Il conflitto bellico in Ucraina avrà conseguenze pesanti sull’arrivo dei turisti dalla Russia, che in epoca pre-covid ammontavano a 1,7 milioni di arrivi e 5,8 milioni di presenze. Numeri che, a causa delle sanzioni e dei blocchi aerei, rischiano di essere del tutto azzerati, con gravi ripercussioni per le località balneari a partire da quelle della riviera romagnola.

Interpellato dal magazine TTG, il presidente di Federalberghi Emilia-Romagna Alessandro Giorgetti traccia un quadro della situazione: «Da Rimini a Bologna tutti gli aeroporti avevano in ballo operazioni importanti con il mercato russo da Pasqua fino a ottobre, ora tutte saltate. Solo su Rimini erano stati programmati almeno 50 voli a settimana che avrebbero portato circa 300mila passeggeri per l’intera stagione. Non parliamo dei super vip che vanno negli hotel extra lusso, ma di turisti di fascia medio-alta che assicuravano alle nostre strutture ricettive una buona continuità e che quest’anno non ritroveremo».

Ma l’assenza di turisti riguarda anche altre regioni italiane. Anche in Versilia, seppure in misura minore, si stanno facendo i conti con le disdette dall’Europa dell’est, mentre in Campania le zone che lavorano con i clienti facoltosi provenienti dalla Russia sono in grave difficoltà: in costiera amalfitana, in penisola sorrentina e nell’isola di Ischia, che lavorano molto con il mercato russo, l’assenza si farà sentire.

giochi festopolis

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. eH vai!!!! invece di fare l’amore ed andare a prendersi il sole e qualche MOJITO, questi pensano ad armarsi e fare la guerra…………. la stupidità umana non ha limiti. NON ABBIAMO IMPARATO NIENTE MERITIAMO L’ESTINZIONE……………GLI ANIMALI TRA DI LORO NON SI UCCIDONO, ARRIVIAMO NOI ESSERI SUPERIORI E CI FACCIAMO RICONOSCERE COME IL PEGGIO DEL PEGGIO, ci costruiamo persino l’atomica che ci porterebbe all’estinzione, ma vi rendete conto di come siamo messi……… ma andate a zappare che manca il grano rimbambiti!!!!!!!!!!!!!

  2. A Draghi, già pronto a bombardare la Russia, non gliene frega assolutamente niente, l’importante è cacciare quei deficienti e delinquenti dei concessionari, inventori del turismo balneare italiano, per favorire i suoi amici, “oligarchi” occidentali!!!

    • Non diciamo fesserie : chi ha inventato il turismo non sono certo i gestori delle spiagge , il turismo c’è a prescindere che la spiaggia sia libera o privatizzata.
      I gestori delle spiagge non sono altro se non parassiti del bene pubblico e vien da chiedersi :”ma con quale faccia vanno in piazza a pretendere infinite concessioni su qualcosa che non è di loro proprietà ?”

      • Andrea tu parli bene, certo che dimostri proprio di essere tu un parassita che aspetta il morto per accaparrarsi i sacrifici ed il lavoro degli altri. perchè non sei venuto 20 anni fa a lavorare ed investire per costruire la propria azienda ed attività. ora arrivi e vuoi fare il perbenista della m..kia dicendo che noi siamo parassiti. beh guarda bene che forse hai davanti leoni. e guarda nel tuoi io che li c’è un parassita……….

      • hai ragione, nessuno ha inventato niente, si parla di sinergie e quota parte,
        e di valore delle aziende che fino ad oggi hanno fornito, come quota parte appunto servizi di eccellenza, al passo dei ristoranti, alberghi ecc ecc.
        l Italia giardino d Europa l’ha detto Byron, ed é perché siamo il giardino, il museo ecc ecc d Europa che qui sono nati i servizi che forniamo.Attenzione Andrea nel fare dispetto a tua moglie
        conviene mettere in conto che poi per fare pipì devi sederti!!!

    • Ma quindi secondo lei gli interessi geopolitici della nazione vengono dopo gli interessi degli stabilimenti balneari?

  3. che avete detto?perche non mi dite dove siete che cosi vengo da voi e mi dite chi sono i parassiti e gli sfruttatori…facile scrivere da dietro una tastiera vero? ma tranquilli che risaliro’ a voi tramite i vostri nomi.e se non avete un nord vpn2 sarete facile preda….tempo al tempo .. noi andiamo in piazza per difenderci dai coglioni come voi che aprendo bocca sputano veleno e a difendere le nostre aziende..coglioni senza palle

    • Nikolaus Suck says:

      In “risalirò a voi tramite i vostri nomi”, e ancor di più in “coglioni senza palle”, vi è dell’autentico genio, non c’è che dire…

  4. Con questo governo di buffoni popolato da poltronari PD e 5stalle se ci va bene ritorniamo negli anni 50 l’Europa ci ha messo a capo un curatore fallimentare.
    Il turismo balneare con tutte spiagge libere vallo a spiegare ai 400 alberghi di un qualunque paese turistico romagnolo. Raccontategli che i clienti devono scendere con telo ombrello e lettino.. prima di sparare cazzate informatevi……

  5. Ha ragione Andrea i sigg balneari dovrebbero spiegarci perché in Spagna Francia Croazia le spiagge sono tutte libere e nessuno ti costringe ad affittare ombrelloni e sdraio. Per non parlare poi dei canoni di concessione che pagano.

    • Antonio ti rispondo io!!!! perchè in Spagna Francia Croazia non ci sono gli imprenditori Italiani che sanno fare turismo, poi anche in Italia puoi andare in spiaggia senza che nessuno ti chieda niente
      (le spiagge libere servono a questo). il canone non lo abbiamo deciso noi, proprio per questo non dobbiamo spiegare niente a nessuno, anzi dovresti avere ammirazione come faccio io per quelli che sono riusciti a costruire e produrre reddito….

  6. Bravo Draghi riesci a mettere in crisi ogni cosa che tocchi…così gli stabilimenti balneari li concedi ai tuoi amici oligarchi stranieri ..vattene che è meglio

  7. Ma perché continuate a prendervela con i balneari, le spiagge libere ci sono, chi vuole utilizzarle può, ma molto vogliono le comodità e scelgono i lidi, pagati a seconda del livello di offerta, come alberghi e ristoranti.
    Se poi volete avere un lido, vincete un bando, pagate le strutture / attrezzature esistenti e cominciate a lavorare.
    Se non volete pagare, troverete solo sabbia su cui investire i vostri soldi e mettervi in discussione, e dopo un po ritornerete a fare i bandi e magari perdere tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.