Attualità Sib-Confcommercio Sindacati e associazioni

Turismo, male il luglio in spiaggia

A luglio continua il calo di presenze negli stabilimenti balneari: in Liguria la situazione peggiore, si salvano solo le isole. Borgo: "Necessario avviare un monitoraggio delle coste interessate dall'erosione".

“Continua a luglio il segno negativo negli stabilimenti balneari: in Liguria abbiamo registrato meno 25% di presenze sulle spiagge e nei consumi rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, solo la Sicilia e la Sardegna riescono a contenere le perdite”, dichiara con amarezza Riccardo Borgo (nella foto), Presidente del Sindacato Italiano Balneari che associa circa 10.000 imprese.

"La causa principale è da individuare nelle avverse condizioni atmosferiche", continua Borgo. "Le piogge e le temperature quasi autunnali hanno sconsigliato i turisti a venire in spiaggia. Diverse mareggiate, poi, hanno amplificato il fenomeno erosivo su lunghi tratti di litorale con il risultato che molti stabilimenti balneari, oltre ad aver subito danni alle attrezzature, sono stati costretti a diminuire il numero degli ombrelloni a disposizione dei clienti ma, soprattutto, a modificare i servizi offerti in funzione del ridotto spazio utilizzabile".

Continua il fenomeno per cui nei week-end spesso si registra il tutto esaurito, ma nei giorni feriali le presenze sono, purtroppo, ridotte al minimo. “Sfortunatamente contro i ‘capricci’ di madre natura possiamo fare poco – continua Borgo – anche se la politica degli imprenditori da anni è rivolta a riqualificare e migliorare le proprie strutture con una grande attenzione alla qualità ed alla difesa dell’ambiente, senza la sabbia non possiamo fare miracoli. E’ assolutamente necessario avviare un monitoraggio dettagliato su tutti i circa 8.000 chilometri di costa della nostra Penisola individuando quei tratti di litorale su cui intervenire al più presto con opere di ripascimento e/o di consolidamento”.

“Confidiamo che ad agosto sia possibile invertire questa tendenza, anche in considerazione del fatto che questo continua ad essere il mese preferito dagli italiani per le vacanze – conclude Borgo – non ci illudiamo, però, di poter ‘raddrizzare’ una stagione turistica 2011 cominciata davvero male”.

(Nella seguente tabella sono illustrate le variazioni delle presenze sulle spiagge di luglio 2011 rispetto a luglio 2010, secondo un sondaggio condotto su un campione di imprese balneari aderenti al S.I.B. Sindacato Italiano Balneari. I dati non sono definitivi, ma aggiornati al 28 luglio 2011)

Regione Variazione
Abruzzo invariato
Basilicata invariato
Calabria -10%
Campania -15%
Emilia Romagna -10%
Friuli Venezia Giulia -15%
Lazio -20%
Liguria -25%
Marche invariato
Molise invariato
Puglia -8%
Sardegna -5%
Sicilia -5%
Toscana -20%
Veneto -12%

Fonte: comunicato stampa Sib

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.