Attualità

No alle aste: una foto e una nuova carovana per ribadirlo

Scattata la foto per comporre la scritta umana 'No alle aste', che ha preceduto l'infuocata assemblea del Comitato

Dopo giorni di libeccio e di pioggia, il vento si ferma e fa posto a un caldo sole che accoglie i balneari provenienti da tutta la Toscana e la Liguria, riunitisi ieri pomeriggio al centro congressi dell’hotel Principe di Piemonte di Viareggio per scattare una foto ricordo e dire ‘No alle aste’ (vedi anche questo articolo).

Oltre 250 persone sulla spiaggia di Viareggio hanno composto la scritta umana NO ALLE ASTE, cercando in poco tempo di organizzarsi al meglio e farsi fotografare per immortalare quella che sarà la copertina della rassegna stampa ufficiale che il Comitato Salvataggio Imprese e Turismo consegnerà al neo ministro per gli affari europei Enzo Moavero durante l’incontro previsto nella settimana dal 12 al 16 dicembre.

La necessità di incontrare il governo italiano è scaturita a Bruxelles a seguito dell’incontro con i tecnici al mercato interno della Commissione Europea, tenutosi lo scorso 22 novembre, in cui è emerso con chiarezza che la soluzione del problema è solo nelle mani del nostro governo nazionale. Dopo la foto, i balneari si sono spostati nella sala Puccini dell’hotel Principe di Piemonte: qui Fabrizio Maggiorelli, responsabile del Comitato, ha ripercorso con un velo di commozione il viaggio a Bruxelles, sottolineando l’apertura delle istituzioni europee alla causa dei balneari, che ha permesso di ottenere un incontro a Roma in breve tempo con il ministro Moavero grazie anche all’ottimo lavoro della senatrice Granaiola.

Emiliano Favilla, l’altro responsabile del Comitato, ha inoltre sottolineato che il Comitato Salvataggio Imprese e Turismo non è un nuovo sindacato, ma ha come unico obiettivo quello di portare gli stabilimenti fuori dalle aste, ed esisterà fino a che ci sarà questo problema.

Durante l’assemblea sono intervenuti anche Piero Bellandi (Comitato Salvataggio Imprese e Turismo), Vittoria Ratto (balneari Liguria), Gianluca Tiozzo (balneari di Marina di Pisa), Walter Maretti (balneari Maremma), Laura Botarelli (balneari di Lido di Camaiore), Luca Maccarone (Unione bagni Forte dei Marmi), Cristiano Scarpellini (Sib Pisa), Telara Sandro (Sib Carrara), Stefano Gazzoli (Consorzio Riviera Toscana).

L’incontro è servito anche ad accordarsi sulla prossima manifestazione che partirà dalle zone della riviera ligure per scendere verso Roma, implementandosi e rafforzandosi con l’apporto dei balneari delle Marche, dell’Abruzzo e di tutte le zone litoranee italiane, con l’auspicio di coinvolgere anche i balneari provenienti dal Sud. Anche questa volta verrà rivolto l’invito a tutte le organizzazioni sindacali, favorendo così la più ampia partecipazione possibile a questa grande manifestazione nazionale.

All’incontro con il governo, di cui a breve si conoscerà la data precisa, i balneari puntano su una pressoché totale partecipazione di tutti gli appartenenti della categoria. Tutto ciò al fine di far uscire i balneari italiani dal dramma delle aste, che non solo distruggerebbe trentamila piccole imprese familiari, ma provocherebbe conseguentemente un disastro economico a tutto il settore turistico del nostro Paese. Questo allarme è stato ben compreso a Bruxelles: è ora che lo stesso avvenga a Roma. Il nostro Paese sta attraversando la più grave crisi economica dal dopoguerra a oggi: i balneari vogliono dare il loro contributo alla ripresa e sono disposti a fare i sacrifici che il Paese richiede a tutti affinché l’Italia esca dal baratro, ma tutto ciò sarà possibile solo se le imprese balneari verranno salvate dalla distruzione, inesorabile nell’eventualità in cui la direttiva servizi detta ‘Bolkestein’ fosse applicata senza le necessarie esclusioni e deroghe previste dalla  direttiva stessa per il giusto riconoscimento della continuità di trentamila imprese balneari familiari e del vincente modello di turismo da esse promosso.

Fonte: comunicato stampa del Comitato Salvataggio Imprese e Turismo (è possibile scaricare la versione originale in formato pdf cliccando qui).

Nelle foto sotto: la scritta umana ‘No alle aste’ e l’assemblea al Principe di Piemonte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.