Attualità

Carpino nuovo direttore dell’Agenzia del demanio

Il vicepremier Di Maio ha deciso di rimuovere in anticipo Roberto Reggi.

Cambio al vertice dell’Agenzia del demanio: il governo ha rimosso in anticipo Roberto Reggi dall’incarico che ricopriva dal 2014, sostituendolo con Riccardo Carpino (nella foto). La decisione è arrivata lo scorso 8 agosto al termine di un vertice dei ministri economici del governo, ed è stata annunciata dal vicepremier Luigi Di Maio con un post su Facebook, in cui l’esponente grillino sottolinea di avere «azzerato i vertici» in cui sedevano «un ex sindaco Pd e un ex parlamentare Pd». Oltre all’Agenzia del demanio, il governo ha infatti nominato anche due nuovi direttori per l’Agenzia delle entrate e l’Agenzia delle dogane.

Il mandato di Reggi, rinnovato nel 2017, doveva concludersi naturalmente nel 2020, ma il governo ha deciso di interrompere in anticipo il suo incarico. Reggi ha commentato la notizia della sua sostituzione con questo tweet:

 

 

Chi è Riccardo Carpino, nuovo direttore dell’Agenzia del demanio

Riccardo Carpino, 61 anni e originario di Catania, è stato fino a oggi commissario straordinario per la realizzazione degli interventi infrastrutturali e di sicurezza. Dal 2008 al 2011 è stato capo di gabinetto del ministro per i rapporti con le Regioni, il turismo e lo sport, ai tempi cioè del ministro Raffaele Fitto che fu autore della famigerata bozza di legge, poi bloccata, che per la prima volta intendeva istituire le evidenze pubbliche delle concessioni balneari.

Inoltre Carpino, insieme all’allora capo di gabinetto delle politiche comunitarie Adams, è stato autore della risposta italiana alla lettera di messa in mora inviata dall’Unione europea in quanto, secondo Bruxelles, il nostro paese non si era adeguato alla direttiva Bolkestein in materia di spiagge.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.