fbpx

Estate 2019, l’ombrellone diventa hi-tech grazie a Safesolution

La giovane startup ha sviluppato una rivoluzionaria cassaforte da spiaggia e un caricatore per smartphone a energia solare.

Sicurezza e comodità sono le parole chiave per Safesolution, la giovane startup ideatrice di due dispositivi che trasformano l’ombrellone da spiaggia da semplice riparo dal sole a postazione hi-tech, per permettere ai bagnanti dei lidi di godersi il mare in tranquillità e sempre connessi.

Si chiamano Safebeach e Solarella: la prima è una cassaforte con serratura contactless, mentre la seconda è una porta usb alimentata attraverso dei pannelli solari, entrambe applicabili ai comuni ombrelloni da spiaggia.

Solarella, la porta usb che si alimenta col sole

«Secondo un’analisi digital condotta nel 2018, 34 milioni di persone in Italia utilizzano i social e vi trascorrono almeno 1 ora e 53 minuti al giorno. Si comprende come essere connessi sia ormai diventata una priorità, soprattutto al mare e nei momenti di relax in cui si desidera svagarsi, magari condividendo qualche selfie, senza paura di restare con la batteria scarica», spiega Filippo Gigliotti, fondatore della Safesolution.

«Infatti la richiesta maggiore fra i bagnanti dei lidi è proprio quella di ricaricare i dispositivi durante la propria permanenza in spiaggia. Per soddisfare le esigenze del mercato, la Safesolution ha ideato Solarella, nome pensato dall’unione delle parole anglosassoni “solar”, che sta per solare, e “umbrella” per ombrello, esattamente le due componenti chiave di questa invenzione».

Solarella è una piccola porta usb applicabile allo stelo dell’ombrellone, che trattiene l’energia del sole grazie a quattro pannelli ad alta efficienza montati a corolla in cima alla struttura, per consentire agli utenti di ricaricare i propri device in totale autonomia utilizzando una fonte di energia rinnovabile. I pannelli solari si aprono e chiudono automaticamente insieme all’ombrellone grazie a un sistema a molla antivento, che li rende più resistenti alle intemperie e mantiene un’estetica apprezzabile, anche grazie all’assenza di fili per il collegamento. Inoltre lo stesso sistema è disponibile in una versione adattata anche per gli ombrelloni in paglia.

Safebeach, la cassaforte per ombrellone

Ma se la connessione rappresenta da una parte la comodità, dall’altra parte c’è la sicurezza che è invece una vera necessità. Lasciare incustoditi i propri oggetti di vaolre per poter concedersi un bagno è ancora la paura più grande condivisa dai vacanzieri. La soluzione al problema si chiama Safebeach, la cassaforte per gli ombrelloni da spiaggia ideata da Safesolution, fornita di un vano portaoggetti in cui è possibile riporre chiavi, cellulari, tablet, portafogli o altri articoli di valore.

La serratura viene sbloccata avvicinando un braccialetto elettronico usa e getta che utilizza la tecnologia RFID/NFC -la stessa impiegata per i sistemi contactless dei cellulari – con codice unico e programmabile. Inoltre, grazie al controllo via radio, tramite un modulo apposito installato in ogni pezzo il gestore potrà monitorare l’intera spiaggia direttamente dal bar del lido attraverso la webapp gestionale. E dall’app potrà rilevare tutti i dati importanti dei dispositivi installati, come quale ombrellone è libero e quindi disponibile, lo stato della batteria, se una cassaforte viene manomessa, eventuali problemi e tanti altri servizi personalizzabili.

Le cassaforti Safebeach sono disponibili a uno o due motori in tre dimensioni (10 – 15 – 21 cm) per soddisfare ogni richiesta, mentre la banda che circonda il pezzo può essere personalizzabile o addirittura cedibile ai brand che vogliono apporre la propria pubblicità.

L’idea e la startup

«L’idea di Safesolution nasce da una necessità», spiega Filippo Gigliotti, ex consulente informatico e socio fondatore della startup partita nel 2013. «Ero in spiaggia solo con il mio cane. Mi sono tuffato in acqua tenendo continuamente sott’occhio l’ombrellone, come accade a tutti. Mi son detto che così non si poteva andare avanti e quella necessità l’ho trasformata in idea. Ho preso un block notes e una matita e ho disegnato il primo prototipo di Safebeach. Ha avuto inizio così questa avventura».

Dopo l’idea c’è stato il brevetto ottenuto nel 2015 e da quel momento il sogno ha iniziato a prendere le forme di un business. Incubata per un periodo al Polihub, l’acceleratore d’impresa del Politecnico di Milano, l’idea di Filippo è stata poi vincitrice del contest "Start Cup Bergamo". Sempre nello stesso anno il progetto Safebeach è stato protagonista del reality Shark Tank andato in onda su Italia Uno, dedicato alle giovani startup in cerca di un supporto finanziario. L’idea è stata apprezzata tanto dai giudici del programma, ma le offerte non sono state all’altezza delle aspettative. Altre proposte di acquisizione sono arrivate sin dalla Silicon Valley, ma con la follia della quale solo i visionari sono provvisti, Filippo le ha rifiutate tutte per portare avanti da solo la sua idea, cercando investitori per realizzare gli stampi dei primi prototipi.

Nel 2017 Annalisa Ventura è entrata a far parte della Safesolution come socia e prima investitrice, coprendo la quota totale per la realizzazione fisica dei pezzi. Nel 2018 sono stati realizzati i primi prototipi di Safebeach e installati in tutte le spiagge d’Italia, mentre la società si è ingrandita con l’acquisizione di altri cinque soci. Il primo lido in cui è stato montato Safebeach è stato il Bagno Anna 199 a Cervia. A seguire poi Rimini, Jesolo, Martinsicuro, Gallipoli, Sassari e Loano.

«L’anno zero si è concluso con un grandissimo successo di riuscita del 99% su tutti i prototipi installati nelle spiagge d’Italia, ma la chiave del successo è saper ascoltare ed essere capaci di innovarsi», spiega Gigliotti. Infatti, dai primi test svolti sul campo, Filippo ha compreso un’altra cosa molto importante: che al mare il cellulare resta l’accessorio più importante. Così agli inizi del 2019 nasce ufficialmente Solarella, il secondo prodotto della startup, che per il 2019 ha l’obiettivo di raggiungere almeno il 10% dei lidi di tutta Italia.

Articolo pubbli-redazionale. Per maggiori informazioni sui prodotti Safesolution, clicca qui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'azienda

Mondo Balneare

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale di riferimento per il settore turistico balneare.