Norme e sentenze

Canoni demanio marittimo, aumento del 3% nel 2019

Il Ministero delle infrastrutture ha inviato la consueta circolare per adeguare le cifre alle variazioni Istat.

I canoni demaniali degli stabilimenti balneari saranno aumentati del +3%. Lo ha stabilito il Ministero delle infrastrutture, che in una circolare inviata lo scorso lunedì, ha comunicato l’incremento dei canoni demaniali marittimi a partire dal 1° gennaio 2019 per adeguarsi alle variazioni dell’indice Istat.

In conseguenza a questa decisione, la cifra minima del canone è passata a 364,63 euro annui (lo scorso anno era 354,01 euro).

Nel 2017 i canoni demaniali marittimi erano aumentati dal +1,35%, mentre nel 2016 erano diminuiti del -0,3%. L’aumento più significativo è avvenuto nel 1991 (+6,5%), mentre la diminuzione massima risale al 2010 (-3,4%).

La variazione dei canoni demaniali marittimi è una prassi stabilita dal Ministero delle infrastrutture sin dal 1989 al termine di ogni anno, ed è esclusivamente legata alla variazione degli indici Istat.

Per scaricare la circolare n. 87 del 17 dicembre 2018, che riporta anche le tabelle sugli adeguamenti annuali dei canoni dal 1989 a oggi, clicca qui (pdf, 16 pagine).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Avatar

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale di riferimento per il settore turistico balneare.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *