Il Blackjack Come Uno dei Giochi Più Popolari al Casinò in Italia

Il blackjack è uno dei giochi di carte più popolari nei casinò online. Richiede conoscenze matematiche, fortuna e determinazione. Una combinazione insolita di qualità del giocatore che ha portato il blackjack alla popolarità in tutti i casinò in Italia e in altre parti del mondo.

accessori spiaggia

Lo scopo del gioco

Ovunque si giochi a blackjack, l’obiettivo è sempre lo stesso. Molte persone credono erroneamente che si tratti di ottenere la combinazione “ventuno” (così viene chiamato il blackjack). In realtà, non è così. L’obiettivo principale è battere il croupier e per farlo è necessario fare più punti di lui. Il problema è che il giocatore non può sapere quanti punti ha il banco perché va per primo. Può solo indovinare in base all’unica carta scoperta del banco.

Come è nato il blackjack

La maggior parte degli storici ritiene che il blackjack sia nato nell’Europa del XVII secolo. Si ritiene che i giocatori francesi si sedessero nei salotti dei nobili signori e giocassero a “vingt-et-un”, che in francese significa “ventuno”. Lo scrittore spagnolo Miguel de Cervantes scrisse una storia su un grande baro del blackjack e sul suo amico che conosceva bene il gioco del “veintiuna”. In Italia esisteva anche un gioco simile, il “sette e mezzo”, in voga tra la nobiltà italiana.

In tutti questi giochi vigeva una regola generale. Se a un giocatore veniva distribuita una carta che superava i 21 punti, perdeva. Vinceva il giocatore che otteneva il punteggio maggiore e non superava i 21 punti.

Il gioco a Las Vegas

Il blackjack fu portato in America dagli immigrati. In quel periodo, il blackjack e il poker stavano guadagnando popolarità e i giocatori più intraprendenti si spostarono verso ovest.

Nel 1931, una piccola città del Nevada, alla disperata ricerca di reddito durante la Grande Depressione, divenne terreno fertile per la coltivazione del blackjack, rendendo il gioco legale. E la piccola città divenne il precursore dei moderni casinò. Il gioco che attirava la maggior parte dei giocatori di casinò era il blackjack. Il nome deriva infatti da una regola che permetteva ai giocatori di decuplicare la loro puntata se le prime due carte che entravano erano un asso e un jack di picche.

Come sono apparsi i metodi di conteggio delle carte

Nel 1962, un giovane matematico di nome Edward Thorpe utilizzò un computer primitivo per analizzare le distribuzioni tipiche delle mani di blackjack. Utilizzando le sue ricerche e la modellazione al computer, sviluppò un metodo che oggi viene chiamato “strategia di base del blackjack” da chi visita un qualsiasi casinò in Italia.

Fu lui a introdurre l’idea del “conteggio delle carte del blackjack”, che poteva essere utilizzato per tenere traccia di quali carte erano già uscite e, dopo aver analizzato le opzioni, decidere come disporre le proprie puntate.

Contatori di carte contro casinò nel blackjack

Negli anni ’80 e ’90, un gruppo di studenti del Massachusetts Institute of Technology iniziò a mettere in pratica le tecniche di Thorpe. Un gruppo di studenti creò il Massachusetts Institute of Technology Blackjack Team. Questo gruppo utilizzò la strategia di base del blackjack contando le carte, i grafici del blackjack, per vincere milioni dai casinò di tutto il mondo. Ma le loro azioni furono viste come una violazione delle regole del blackjack. A seguito di questi eventi, le regole del blackjack furono leggermente modificate a favore del casinò.

I francesi, gli americani e gli italiani stanno ancora combattendo per il diritto di chiamare il blackjack il loro gioco. Anche se, a dire il vero, molti ammettono che il blackjack deve molto all’America. Tuttavia, i giocatori di un casinò in Italia sono sicuri che questo gioco sia nato nel loro paese.

È difficile immaginare che un tempo il gioco non fosse così popolare. Questo perché i giocatori perdevano tutti i loro soldi troppo velocemente. Grazie ai casinò americani, che hanno aumentato le vincite con determinate combinazioni, il blackjack è stato definito il re del gioco d’azzardo.

© Riproduzione Riservata

L'azienda

Picture of Redazione Mondo Balneare

Redazione Mondo Balneare