​​I 5 errori più comuni che i giocatori commettono nel piazzare le scommesse sportive

Alcuni pensano che sia facile vincere alle scommesse, altri sono meno ottimisti, basandosi su numeri reali che dicono che non più del 5% del numero totale di giocatori rimane a galla. Vuoi smentire questa affermazione? Allora cerca di evitare i seguenti errori durante le scommesse sportive.

Sovraeccitazione

Il primo errore, e forse il più importante, è la sovreccitazione. L’eccessivo desiderio di fare scommesse sportive può essere definito il biglietto d’ingresso per il baratro. Se nelle scommesse sei guidato dalla sete di guadagno, come erroneamente credi, perderai tutto senza ottenere nulla. Se non impari a gestire la sovreccitazione, ti aspettano conseguenze piuttosto tristi.

A volte persone lontane dallo sport sono riuscite a battere i bookmaker perché il loro incentivo a giocare non era l’eccitazione ma qualcos’altro. Prendiamo ad esempio i matematici. Si tratta di una categoria speciale di giocatori, sia nelle scommesse che nel poker. I matematici non sono intrinsecamente giocatori d’azzardo. Le loro tattiche si basano sul fatto di avere o meno un potenziale vantaggio nelle probabilità in un determinato caso.

Emozioni

Anche la gestione delle emozioni è importante. L’incapacità o la mancata volontà di domare lo sfondo emotivo può rovinare qualsiasi giocatore. Questi fattori distruggono anche coloro che giocano in modo sistematico, logico e con una strategia ben definita. Non si può dire che una persona che sa gestire le emozioni farà sempre una scelta a favore delle scommesse sportive giuste. Tuttavia, in assenza dell’abilità di regolare le emozioni, sei sicuro di fallire, anche nel caso della capacità di lavorare bene con le statistiche, la finanza e così via.

Spesso, al momento di prendere una decisione, un giocatore è troppo cauto o troppo sicuro di sé. Ricorda che la paura o l’eccessiva determinazione non fanno altro che danneggiarti. A prescindere dalla durata della tua striscia di vittorie/perdite, non è assolutamente garantito che la striscia in corso non venga interrotta o continuata in qualsiasi momento.

Soldi

Generalizziamo il prossimo errore al denaro. Il punto non è solo come gestire correttamente il proprio bankroll, ma anche quanta parte del proprio reddito destinare alle scommesse sportive. E non è ancora chiaro quale di questi due punti sia prioritario. Se equipari le scommesse sportive a un hobby ma investi una parte del tuo stipendio tale da rimanere quasi un mendicante, allora non si può certo definire una strategia ragionevole.

Per prima cosa, determina l’entità dell’investimento mensile. Devi sapere che in un mese non puoi superare l’importo che hai indicato. Una volta fatto questo, il passo successivo è quello di determinare l’entità di ogni scommessa che effettuerai. Il tuo budget deve essere diviso in tante parti quante sono quelle che ritieni necessarie per raggiungere il traguardo desiderato.

Probabilità

Non esiste una media aurea. Ma dovresti cercare di trovarla, soprattutto per quanto riguarda le quote da utilizzare. I giocatori spesso commettono l’errore di giocare con quote basse o alte. In entrambi i casi, è quasi impossibile ottenere il risultato desiderato.

La maggior parte dei giocatori ripete un errore comune, scommettendo su un numero enorme di eventi. Di solito, questi eventi hanno quote misere, molto inferiori alla probabilità reale che si verifichi l’evento scelto.

Va Banque

Andare all-in è l’errore più grande e completo, che comprende tutti i precedenti. Spesso un giocatore è spinto a fare questa mossa da una lunga serie di scommesse non andate a buon fine. Per compensare le perdite subite durante questa serie, il giocatore crolla e punta tutto il denaro rimanente.

Anche nel caso di un esito positivo, che provoca un senso di facilità e fortuna senza precedenti, la volta successiva il giocatore cade esattamente nella stessa trappola. Di conseguenza, lo svuotamento del banco di gioco è solo questione di tempo.

© Riproduzione Riservata

L'azienda

Picture of Redazione Mondo Balneare

Redazione Mondo Balneare