Certificazione UNI ISO 13009, un’importante opportunità per le concessioni balneari in scadenza

Migliorare la prestazione del servizio turistico e adottare adeguate infrastrutture; aumentare la soddisfazione degli utenti (anche delle categorie più deboli); tutelare l’ambiente, la qualità dell’acqua e la gestione dei rifiuti; prevenire incidenti ed emergenze; promuovere il tessuto economico e sociale del territorio e tutelare gli investimenti fatti. Questi sono solo alcuni dei requisiti di qualità richiesti ai gestori degli stabilimenti balneari per poter ottenere nuovamente la concessione degli stessi, a seguito delle nuove gare d’appalto previste dal 1° gennaio 2024.

Attraverso la certificazione della propria spiaggia secondo lo standard ISO 13009 “Turismo e servizi connessi. Requisiti e raccomandazioni per il funzionamento della spiaggia”, i gestori degli stabilimenti balneari saranno guidati nell’adozione di comportamenti e modelli volti al miglioramento della qualità del servizio, nonché a una gestione sostenibile, sicura ed efficiente dello stabilimento. Ciò permetterà ai gestori stessi di ottenere un elemento distintivo sia verso i clienti che verso gli enti che rilasceranno le nuove concessioni.

Ottenere il certificato di conformità della spiaggia rispetto ai requisiti dello standard ISO è possibile affidandosi a un ente di certificazione quale Eco Certificazioni, che, attraverso auditor professionisti, realizzerà una verifica documentale e sul campo per poi rilasciare, se l’esito è positivo, il certificato con validità di tre anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'azienda

ECO Certificazioni

ECO Certificazioni

Tel. 0546 624911