Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

)

Conferenza Stato-Regioni, questione balneare in primo piano

Domani i presidenti regionali e gli assessori al turismo discuteranno il decreto Gnudi sulle spiagge. Marini (Afib): 'Necessario risolvere la questione entro fine 2012 per far ripartire gli investimenti'.

articolo pubblicato il 21/11/2012

mondo balneare

di Luca Marini

Domani pomeriggio a Roma, in via della Stamperia 8, si terranno rispettivamente alle 15 e alle 15.30 nella stessa sala riunioni la Conferenza unificata e la Conferenza Stato-Regioni, a cui parteciperanno, oltre ai presidenti e agli assessori al turismo delle Regioni, anche l'Anci e l'Upi, che si sono schierate palesemente contro le evidenze pubbliche e la distruzione del turismo balneare italiano e di tutto l'indotto.

Dopo la manifestazione dei balneari di ieri a Bologna, gli emendamenti in votazione al Senato proprio in questi giorni, il criticatissimo decreto Gnudi e le notizie della proroga spagnola, è opportuno e necessario che negli incontri di domani venga trattato seriamente e una volta per tutte anche l'argomento concessioni demaniali marittime ad uso turistico ricreativo.

Sicuramente domani saranno presenti sia Vasco Errani (presidente della Conferenza delle Regioni e governatore dell'Emilia-Romagna) che Maurizio Melucci (assessore al turismo dell'Emilia-Romagna), che ieri ha riportato la posizione della sua Regione, che è sembrata essere più favorevole a un atteggiamento di attesa e da spettatrice, piuttosto che chiaro e incisivo verso la soluzione immediata della delicatissima questione balneare.

Anche domani le Regioni devono schierarsi, invece, verso un atteggiamento chiaro e sicuro: il settore non può più aspettare, ma è necessario ridare certezza al settore turistico balneare italiano entro la fine dell'anno per poter far riprendere gli investimenti e di conseguenza l'intero indotto, che da quattro anni è in fase di stallo con le aziende fornitrici quasi al collasso (cali di fatturato che nel 2012 hanno superato il 50%) e che non supererebbero sicuramente indenni il 2013 se non si interviene prima.

Luca Marini (presidente Associazione fornitori italiani balneari)

Inserito da: Afib
Articolo pubblicato il:21/11/2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi questo articolo con i tuoi amici
 
 
 
Rivista Online di MondoBalneare.com

Rivista Online di MondoBalneare.com

Best Beach Bar