Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

    [38] => 
	

    [39] => 
	

    [40] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

)

Cataclisma a Numana: tromba d'aria abbatte cinque stabilimenti balneari e mezzo

Con precisione chirurgica, l'uragano ha colpito i lidi facendo volare tutte le loro attrezzature.

Autore: Sib

articolo pubblicato il 10/07/2019

mondo balneare

Tra i tanti danni provocati dalla tromba d’aria che si è abbattuta sulla costa adriatica ieri pomeriggio (vedi notizia), emerge il dramma della spiaggia di Numana dove cinque stabilimenti e mezzo sono stati devastati dalla furia del fenomeno.

La cifra "cinque e mezzo" può sembrare strana ma non è così, perché il tifone ha diviso a metà lo stabilimento Bellariva: una parte è stata devastata mentre una parte è rimasta pressoché intatta, a dimostrare quanto sia stata chirurgica l’azione dell’uragano. E vicino a quella metà salva di stabilimento, sono avvenuti danni e distruzione negli stabilimenti da Marino al Cavalluccio fino al Bellariva.

Una prima ricognizione dei danni è stata fatta direttamente dal direttore di Confcommercio Marche Massimiliano Polacco, che nella prima mattinata di oggi si è recato a Numana per verificare di persona l’entità del disastro incontrando gli operatori. «Ho trovato una situazione incredibile – commenta Polacco –  e ho condiviso con gli operatori di Numana la drammaticità del momento. Mi ha impressionato molto la forza di volontà di questi imprenditori, che sono stati colpiti molto duramente ma che non si arrendono e anzi vogliono ripartire subito e rimettere in piedi le loro attività».

«Mi sto muovendo con tutti gli strumenti possibili per cercare di rispondere prontamente a quanto successo e anche come delegato al turismo della Camera di Commercio delle Marche, sono in costante contatto telefonico con il presidente Gino Sabatini con il quale stiamo cercando soluzioni per reperire dei fondi utili a far ripartire le attività danneggiate dal tifone di martedì pomeriggio», conclude Polacco.

Confcommercio Marche ha anche effettuato una serie di ricognizioni ad Ancona, Senigallia, Portonovo, Falconara, Porto Recanati, Civitanova, Porto San Giorgio e Porto Sant’Elpidio, che fortunatamente non hanno rilevato danni seri come quelli di Numana. Tutto quanto registrato nel corso delle ricognizioni di Confcommercio Marche sarà riportato nell’incontro che il direttore Polacco avrà nella tarda mattinata di oggi in Regione con l’assessore regionale Moreno Pieroni: «Faremo il punto della situazione – ha detto Polacco – su quanto successo martedì pomeriggio e chiederemo che siano trovate soluzioni da attuare il prima possibile per rispondere all’emergenza».

Inserito da: Sib
Articolo pubblicato il:10/07/2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA