Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

    [38] => 
	

    [39] => 
	

    [40] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

)

''Balneari unici affittuari a pagare l'Imu''

Capacchione (Sib): ''Lo Stato ci considera proprietari solo quando si tratta di pagare le tasse''

Autore: Sib

articolo pubblicato il 19/06/2019

mondo balneare

di Antonio Capacchione

Ieri noi balneari siamo stati chiamati al pagamento dell'imposta municipale unica (Imu). Come è noto, si tratta di un'imposta dovuta dai proprietari di immobili, quindi non dagli affittuari. A questa regola il nostro ordinamento fiscale prevede una sola eccezione: i titolari di concessioni. Per cui, per lo Stato siamo affittuari ma per il pagamento delle tasse siamo equiparati ai proprietari.

Abbiamo aspettato inutilmente che qualche mezzo di informazione, generalista o specialista, evidenziasse che i tanto privilegiati balneari siano gli unici affittuari a pagare questa imposta, a conferma della scarsa cognizione che si ha delle problematiche di questo settore, o più probabilmente del pregiudizio negativo verso questa categoria di aziende a conduzione familiare.

Da tempo invochiamo che si metta ordine, anche fiscale, a questo settore economico così importante per l'economia turistica del paese. È tempo di porre rimedio a questa intollerabile situazione. È tempo che si proceda speditamente in un processo riformatore che dia certezze a tutti. È tempo che finalmente si passi dalle parole ai fatti sulla questione balneare.

Inserito da: Sib
Articolo pubblicato il:19/06/2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA