Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

    [38] => 
	

    [39] => 
	

    [40] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

)

Addio a Claudio Pini, il cordoglio dei balneari

L'imprenditore di Civitanova, consigliere nazionale Sib, è scomparso in seguito a un malore. Era una figura di spicco nell'associazionismo di settore.

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 16/04/2019

mondo balneare

Gli imprenditori balneari marchigiani sono in lutto per la scomparsa di Claudio Pini (nella foto), titolare dello chalet Lido Cristallo di Civitanova Marche ed esponente di spicco nell'associazionismo di settore. Pini era infatti presidente dell'Abat, l'Associazione balneari aziende turistiche che raggruppa i titolari degli stabilimenti balneari di Civitanova, Porto Potenza e Porto Recanati, nonché consigliere nazionale e coordinatore regionale del Sib-Confcommercio.

L'imprenditore era stato colpito da un malore improvviso lo scorso 28 marzo ed era stato ricoverato in rianimazione all'ospedale di Civitanova, ma le sue condizioni erano apparse sin da subito molto gravi. Tenuto per due settimane e mezzo in coma farmacologico, l'uomo non si è più ripreso dall'emorragia cerebrale subita, fino al decesso giunto nella mattinata di ieri. Pini aveva appena 54 anni e lascia la moglie Mara e la figlia Francesca, che hanno dato l'assenso per la donazione degli organi.

Pini era di origini emiliane ma civitanovese di adozione, gestendo da 35 anni lo chalet Lido Cristallo insieme al fratello Massimiliano. L'imprenditore era molto conosciuto e stimato dai colleghi grazie al suo attivismo nella rappresentanza del settore. Così lo ricorda Riccardo Padovano, vicepresidente nazionale Sib-Confcommercio: «Con Claudio viene a mancare non solo un collega, ma anche un amico e una bella persona, che ha dedicato la sua vita al sindacato e che ha fatto tanto per lo sviluppo del settore balneare adriatico. Era un imprenditore con le idee chiare, che aveva reso la sua associazione una punta di avanguardia e che si è molto speso nella progettazione di idee innovative».

I funerali di Claudio Pini si svolgeranno domani pomeriggio alle ore 16, nella chiesa di Cristo Re a Civitanova Marche.

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:16/04/2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA