Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

    [38] => 
	

    [39] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

)

I balneari del Sib Friuli incontrano l'assessore Zilli

Appuntamento venerdì per discutere sulle numerose problematiche del settore

Autore: Sib

articolo pubblicato il 10/04/2019

mondo balneare

Venerdì 12 aprile alle ore 14, nella sede della Confcommercio di Trieste, gli operatori del Friuli Venezia Giulia aderenti al Sindacato italiano balneari incontreranno l’assessore regionale alle finanze e al patrimonio Barbara Zilli (nella foto). «Oggetto del confronto saranno i risvolti funzionali e operativi delle amministrazioni locali nel quadro dell’applicazione della nuova legge nazionale che ha riformulato la durata delle concessioni a uso balneare», spiega il Sib.

All'appuntamento prenderanno parte il presidente nazionale del Sib-Confcommercio Antonio Capacchione e quello regionale Salvatore Sapienza, il presidente regionale della Fipe-Confcommercio Bruno Vesnaver e il comandante della Capitaneria di Porto di Trieste Luca Sancilio.

«Inoltre, l'incontro sarà occasione per una riflessione condivisa anche su altre priorità per le imprese del settore», prosegue il Sib. «Tra queste i canoni Omi legati alle pertinenze e che prevedono, per gli imprenditori interessati, la perdita delle concessioni e pesanti sanzioni pecuniarie; l’abrogazione della devoluzione delle opere senza indennizzo, in quanto in antitesi con il diritto europeo che esclude confische senza risarcimento; una definizione unica di applicazione nazionale sull’amovibilità delle opere e il diritto di opzione per i concessionari di aree di sedime non più sottoposte a regime demaniale».

Inserito da: Sib
Articolo pubblicato il:10/04/2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA