Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

    [38] => 
	

    [39] => 
	

    [40] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

)

Erosione costiera, parte un innovativo progetto di contrasto

L'iniziativa ''Stimare'' coinvolge Puglia e Romagna ed è finanziata dal Ministero dell'ambiente.

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 24/01/2019

mondo balneare

Prende il via da Margherita di Savoia, Riccione e Cervia un innovativo progetto per il contrasto all'erosione costiera. Battezzato "Stimare" - dall'acronimo di "Strategie innovative per il monitoraggio e l'analisi del rischio erosione", si tratta di una ricerca sperimentale presentata lo scorso dicembre in Puglia e partita ufficialmente lo scorso giovedì, con un "kick-off meeting" alla Scuola di Ingegneria dell’Università di Bologna e un meeting con i rappresentanti delle aziende e delle istituzioni coinvolte.

Il progetto "Stimare", di durata biennale, è stato finanziato dal Ministero dell’ambiente con un importo di 340 mila euro e vede coinvolte due università (il Politecnico di Bari e l’Università di Bologna) e tre Comuni (Margherita di Savoia per la Puglia, Riccione e Cervia per l’Emilia-Romagna). Lo scopo è individuare strategie innovative per contrastare il rischio erosione costiera, un problema che ormai purtroppo affligge la maggior parte dei litorali italiani.

Nel dettaglio, il progetto "Stimare" consentirà lo studio e la sperimentazione in loco, su un segmento di fascia costiera-campione già individuato, di nuovi sistemi per contrastare il fenomeno dell’erosione costiera. Le unità operative del Politecnico di Bari e dell’Università di Bologna prevedono azioni di monitoraggio in situ e attività di modellazione numerico-sperimentale volte a sviluppare modelli previsionali di rischio costiero. Nell’attività di ricerca è previsto anche il coinvolgimento degli operatori e rappresentanti delle attività balneari.

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:24/01/2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA