Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

    [38] => 
	

    [39] => 
	

    [40] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

)

Balneari pertinenziali, appello congiunto di Sib, Fiba, Cna e Oasi

Le quattro sigle sindacali, insieme al Coordinamento Pertinenziali, sollecitano l'approvazione di un provvedimento che salvaguardi 250 imprese colpite dalla grave ingiustizia dei canoni Omi

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 19/01/2019

mondo balneare

Le associazioni balneari Sib-Confcommercio, Fiba-Confesercenti, Cna Balneatori e Oasi-Confartigianato hanno inviato una nuova lettera congiunta, dopo quella dei giorni scorsi che sollecitava le Regioni ad applicare la proroga di 15 anni delle concessioni e che ha sancito il ritorno della sinergia tra queste quattro sigle.

Questa volta la lettera riguarda la grave questione dei canoni balneari pertinenziali ed è stata inviata, con anche la firma del Coordinamento Concessionari Pertinenziali, a tutti i senatori italiani, i quali stanno proprio in questi giorni esaminando i vari emendamenti al decreto Semplificazioni, tra cui uno riguardante la sospensione di questi maxi canoni che stanno mandando in fallimento circa 250 imprese italiane (vedi articolo). L'approvazione dell'emendamento è stata purtroppo messa a repentaglio dalle distorsioni di alcuni politici che hanno spacciato per un favore generalizzato agli stabilimenti balneari quello che è invece un provvedimento di salvataggio per appena 250 imprese da una palese ingiustizia (vedi articolo).

«Le scriventi organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative della balneazione attrezzata italiana - si legge nella lettera - sono ancora una volta a segnalare la drammaticità della condizione di alcune centinaia di famiglie di balneari, i cosiddetti pertinenziali, che sono costretti a pagare canoni demaniali assolutamente insostenibili, aumentati da un anno all’altro in misura fino al 4500%».

«C’è il rischio concreto e attuale di chiusure aziendali e di perdita dei posti di lavoro e dei risparmi di una vita di lavoro», proseguono le sigle sindacali. «Non capitani d'industria, ma onesti lavoratori che rischiano di perdere tutto per una disciplina ingiusta e odiosa. Si tratta infatti della parte più debole del nostro mondo».

«Sconcerta la contrarietà a non adottare persino una semplice misura cautelare nelle more di una soluzione ragionevole e giusta della questione dei canoni demaniali», denunciano Sib, Fiba, Cna e Oasi. «Evidentemente ancora non si conosce la drammaticità in cui versano queste famiglie. È chiaramente possibile e da noi auspicato che si tutelino queste famiglie senza con questo necessariamente comprendere autori di illeciti. Chiediamo a tutti uno sforzo di conoscenza che la condizione di queste famiglie impone. Confidiamo nel senso di responsabilità del parlamento e del governo».

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:19/01/2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA