Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

    [20] => 
	

    [21] => 
	

    [22] => 
	

    [23] => 
	

    [24] => 
	

    [25] => 
	

    [26] => 
	

    [27] => 
	

    [28] => 
	

    [29] => 
	

    [30] => 
	

    [31] => 
	

    [32] => 
	

    [33] => 
	

    [34] => 
	

    [35] => 
	

    [36] => 
	

    [37] => 
	

    [38] => 
	

    [39] => 
	

    [40] => 
	

)
Array
(
    [0] => 
	

    [1] => 
	

    [2] => 
	

    [3] => 
	

    [4] => 
	

    [5] => 
	

    [6] => 
	

    [7] => 
	

    [8] => 
	

    [9] => 
	

    [10] => 
	

    [11] => 
	

    [12] => 
	

    [13] => 
	

    [14] => 
	

    [15] => 
	

    [16] => 
	

    [17] => 
	

    [18] => 
	

    [19] => 
	

)

Abruzzo, i balneari si oppongono alle concessioni stagionali

Fiba-Confesercenti protesta contro i titoli di appena cento giorni rilasciati dal Comune di Fossacesia. Ma il sindaco annuncia: ''Questa epoca sta per finire''

Autore: Mondo Balneare

articolo pubblicato il 13/01/2019

mondo balneare

L’ennesima messa al bando di concessioni balneari stagionali a Fossacesia, di cui Mondo Balneare ha dato notizia nei giorni scorsi (vedi articolo), accende le perplessità della Federazione italiana imprese balneari in seno a Confesercenti. «Concessioni di questo tipo non fanno bene al turismo, perché non incentivano la qualità dei servizi», è la denuncia del presidente regionale di Fiba Abruzzo Giuseppe Susi (nella foto). «Quelle messe a bando dal Comune di Fossacesia sono infatti concessioni che durano appena cento giorni, e al termine della scadenza tutto deve essere smontato per essere rimesso a bando l’anno successivo, senza alcuna garanzia per il precedente gestore».

«Chi mai può investire in queste condizioni?», si domanda Susi. «In cento giorni è molto difficile rientrare in un investimento di ombrelloni, lettini e pattini. E i giovani imprenditori che lo fanno, usando tutti i loro risparmi, si ritrovano al termine della stagione con tutte queste attrezzature senza avere la garanzia di riottenere la concessione».

«Alla base di tutto c’è inoltre un errore di metodo», aggiunge il presidente di Fiba Abruzzo. «Infatti la legge regionale abruzzese prevede che i Comuni, predisponendo i loro Piani dell’arenile, possano rilasciare queste concessioni stagionali in attesa di fare i bandi per l’assegnazione pluriennale delle aree. Ma la ratio alla base del provvedimento era che i titoli stagionali fossero un’eccezione da praticare per una o due stagioni al massimo, e non per vent’anni come ha fatto il Comune di Fossacesia. Si tratta di una situazione di assoluta precarietà che non può proseguire oltre».

Contattato da Mondo Balneare, il sindaco di Fossacesia Enrico Di Giuseppeantonio si difende così dalle accuse della Fiba-Confesercenti: «Le concessioni stagionali esistono da decine di anni in tutto l’Abruzzo, non solo a Fossacesia, e hanno sempre funzionato bene. Posso tuttavia annunciare che siamo arrivati alla fine di questa lunga epoca. La settimana prossima infatti la commissione urbanistica sarà chiamata a esaminare la proposta della nostra amministrazione comunale per il rinnovo del Piano dell’arenile, che oltre ad adeguarsi alle nuove norme regionali in materia, rivedrà l’organizzazione delle attuali concessioni e trasformerà quelle stagionali in titoli di più lunga durata».

«Questo cambio di passo – conclude il sindaco – serve proprio a cogliere la palla al balzo in un momento di forte espansione per l’economia turistica di Fossacesia. Crediamo in questo settore come uno dei pilastri della nostra città, e riteniamo che delle concessioni più lunghe produrranno più ricchezza e occupazione».

Inserito da: Mondo Balneare
Articolo pubblicato il:13/01/2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA